Avviso a Riyadh, gli alleati non hanno altra scelta che porre fine alla guerra all’ assedio allo Yemen: Ansarollah

Il movimento di resistenza yemenita Houthi Ansarullah ha elogiato i crescenti progressi dell’esercito nella campagna di difesa contro la coalizione di invasori guidata dai sauditi, dicendo che Riyadh e i suoi alleati non hanno altra scelta che ammettere il loro fallimento e porre fine alla guerra.

In un tweet di mercoledì sera, il portavoce del movimento Mohammed Abdul-Salam ha scritto che le capacità delle forze armate yemenite, in particolare delle loro unità di difesa aerea, sono in continua evoluzione di fronte all’aggressione guidata dai sauditi.

Ha salutato il recente abbattimento di un drone spia ScanEagle di fabbricazione statunitense e di un drone da combattimento CH-4 di fabbricazione cinese come prova che confermano i progressi delle unità di difesa aerea dello Yemen.

“Il nemico deve rendersi conto che non ha altra scelta che prendere l’iniziativa per annunciare la fine dell’aggressione e togliere l’assedio”, ha aggiunto Abdul-Salam.

Le forze armate yemenite prendono regolarmente di mira posizioni all’interno dell’Arabia Saudita in rappresaglia per la sanguinosa guerra, che è stata lanciata nel marzo 2015 con il supporto di armi e logistica dagli Stati Uniti e da molti altri paesi occidentali.

L’obiettivo era riportare al potere l’ex regime appoggiato da Riyadh e schiacciare il movimento Ansarullah, che ha preso in mano gli affari di stato in assenza di un governo efficace nello Yemen.

L’offensiva guidata dai sauditi si è fermata ben lontana da tutti i suoi obiettivi, nonostante abbia ucciso decine di migliaia di civili yemeniti e trasformato l’intero Yemen nella scena della peggiore crisi umanitaria del mondo.

Le forze yemenite si sono impegnate a continuare i loro attacchi di rappresaglia contro obiettivi sauditi fino alla fine della guerra devastante e dell’assedio paralizzante del loro paese.

Distruzioni causate dai bombardamenti sauditi

L’Arabia Saudita alza la posta nella guerra in Yemen, lancia nuovi raid contro la capitale yemenita

L’Arabia Saudita effettua un nuovo round di attacchi aerei contro lo Yemen, poche ore dopo che le forze armate yemenite hanno lanciato un’offensiva in rappresaglia per la guerra saudita e il brutale assedio contro il loro paese.
Gli attacchi aerei sauditi distruggono più case yemenite

Nel frattempo, l’ultimo round di raid sauditi ha danneggiato più case e proprietà civili in Yemen.

All’alba di giovedì, la provincia yemenita di Sana’a è stata presa di mira da attacchi aerei lanciati dalla coalizione a guida saudita, a seguito dei quali sono state danneggiate abitazioni e proprietà dei cittadini del distretto di al-Thawra nella capitale, al-Masirah dello Yemen segnalato dalla rete di notizie.

Gli aerei da guerra della coalizione hanno preso di mira anche la rete di comunicazioni nell’area di al-Mahajar nel distretto di Hamdan e nell’area di Dhabwa nel distretto di Sanhan della provincia di Sana’a.

In precedenza, il movimento Ansarullah ha riferito di 27 raid della coalizione bellica guidata dai sauditi nelle province di Ma’rib, Sa’ada e Hudaydah.

Secondo una fonte della sicurezza yemenita, gli aerei da guerra della coalizione hanno colpito i distretti di al-Juba e Sirwah a Ma’rib, hanno colpito l’area di al-Fara’ nel distretto di Kitaf a Sa’ada e hanno compiuto un raid nel distretto di Hays a Sa’ada. Ma’rib. Si segnalano diverse vittime civili fra le quali anche dei bambini.


Nota: L’Arabia Sudita, incapace di fermare l’offensiva delle forze di resistenza yemenite, sfoga la sua rabbia bombardando obiettivi civili e massacrando la popolazione innocente, con la complicità dei suoi spnsor occidentali, in particolare Stati Uniti e Gran Bretagna, che continuano a fornirgli tonnellate di armi e assistenza logistica.
Di questi crimini ne dovranno prima o poi risponderne la monarchia saudita e i suoi complici occidentali, quelli che pontificano in continuazione sui “diritti umani”.

Nella foto in alto: i droni che lo Yemen utilizza nelle sue incursioni di rappresaglia su obiettivi militari in Arabia Saudita

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM