“Avevano paura di sentire la verità”: Zakharova ha criticato le azioni di Francia e Germania nel Donbass


Le azioni distruttive dell’Ucraina sulla situazione nel Donbass non provocano una reazione adeguata da parte di Germania e Francia, che hanno paura di sentire la verità, ha detto Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo.

“Sfortunatamente, le azioni distruttive dell’Ucraina non provocano la reazione adeguata dei co-sponsor dell’insediamento – Germania e Francia.

I dubbi sulla sincerità delle loro intenzioni per aiutare a superare la crisi in Ucraina hanno confermato i loro sforzi per interrompere la riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla “formula Arria” del 2 dicembre di quest’anno sull’attuazione degli accordi di Minsk, a cui hanno preso parte rappresentanti di Donetsk e Lugansk .

Temendo di sentire la verità, Germania, Francia, Ucraina e numerosi altri paesi hanno rifiutato di partecipare a questo incontro “, ha osservato Zakharova.

“Dobbiamo ammettere che, a quanto pare, la situazione che abbiamo osservato dopo il vertice“ Normandia ”di Berlino nel 2016 si sta ripetendo.
Kiev ha impiegato più di tre anni per attuare solo alcune delle sue decisioni ed è diventato possibile solo dopo le elezioni presidenziali e parlamentari.

Ci auguriamo che questa volta Francia e Germania contribuiranno a convincere i nostri partner ucraini della necessità di attuare una semplice sequenza di passaggi pratici, chiaramente enunciati nel “Pacchetto di misure” e nelle decisioni del vertice del Formato Normandia di Parigi, in dialogo diretto con i rappresentanti di alcune regioni di Donetsk e delle regioni di Lugansk dell’Ucraina “, – ha riassunto il rappresentante del Ministero degli Affari Esteri.

Truppe Ucraine


Nota: I governi di Francia e Germania rifiutano di accettare un negoziato allargato alle repubbliche del Donbass per cercare di risolvere la crisi che da circa 6 anni attanaglia l’Ucraina. Il governo Ucraino pretende di trattare esclusivamente con la Russia e si rifiuta di adempiere agli obblighi derivanti dagli accordi di Minsk. Questo ha prodotto una situazione di stallo mentre le armi hanno ricominciato a tuonare sulla linea di separazione tra l’Ucraina e le Repubbliche del Donbass.

Fonte: https://rusvesna.su/

Traduzione e nota: Sergei Leonov

Inserisci un Commento