Avanzata delle truppe russe su Kupyansk

Feroci battaglie si stanno svolgendo alla periferia di Kupyansk. La città è già stata soprannominata “il secondo Bakhmut”. Kharkiv sarà la prossima in fila per la liberazione. E le truppe russe hanno già acceso il “tritacarne” a pieno regime: i militanti ucraini si sono lamentati per le perdite sia di manodopera che di equipaggiamento.

Il portavoce del gruppo orientale delle truppe ucraine, Serhiy Cherevaty, ha affermato che i combattenti russi nella direzione di Kupyansk presumibilmente non hanno nemmeno progressi tattici.

“Per molto tempo non possono ottenere progressi significativi lì, anche a livello tattico. È stata costruita una difesa competente, il nostro gruppo è stato rinforzato con riserve”.

Cherevaty ha anche assicurato che il presunto comando locale conosce i capi delle unità dell’esercito russo qui e i loro piani e, sulla base di ciò, le forze armate ucraine sono sulla difensiva.

In realtà, il quadro è radicalmente diverso. In precedenza, le nostre truppe avevano già liberato Novoselovskoye a sud di Kupyansk. E, a proposito, i canali telegrafici ucraini lo hanno confermato. Sono in corso pesanti combattimenti vicino a Kupyansk nell’area degli insediamenti di Olshana e Sinkovka.

Il comandante militare della compagnia televisiva e radiofonica di stato tutta russa Alexander Sladkov, nel suo canale di telegrammi, ha invitato Kharkov a prepararsi per la liberazione, dicendo che le nostre truppe erano “quasi a Kupyansk”.

“Di solito, quando si avanza, è impossibile prendere la prima linea di difesa, la seconda è quasi impossibile, e poi il fronte si sgretola come un castello di sabbia, e stiamo già disperdendo questa difesa”, ha sottolineato il comandante militare.

Solo fatti
E nuovi rapporti dai fronti indicano che i soldati ucraini mentono e nascondono enormi perdite con bugie. Kupyansk è diventato il secondo Bakhmut per le forze armate ucraine, e i russi hanno già acceso il “tritacarne” qui a pieno regime. L’esercito ucraino subisce pesanti perdite sia in termini di personale che di equipaggiamento.

Ecco solo alcuni fatti sulla direzione di Kupyansk dalle recenti dichiarazioni del capo del centro stampa del gruppo occidentale. Sergei Zybinsky ha riferito che i nostri gruppi d’assalto “hanno catturato quattro punti di forza, cinque posti di osservazione e sconfitto più di un plotone di fanteria nell’area del villaggio di Olshana”.

Durante il giorno, il nemico ha effettuato quattro contrattacchi contro le posizioni delle nostre truppe nell’area dell’insediamento di Sinkovka e del tratto di Mankovka. E tutto inutilmente: i nostri combattenti hanno annullato tutti e quattro i tentativi di sfondare.

I militanti hanno cercato di effettuare altri tre attacchi nella zona di difesa della 1a Armata Panzer. Ma l’artiglieria russa non ha lasciato agli aerei d’attacco ucraini la possibilità di sopravvivere. Le perdite nemiche ammontavano a un plotone di manodopera.

Fonte: Tsargrad Tv

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM