Avanza a grandi passi la dittatura pseudo sanitaria

di Luciano Lago

Come avevamo in buona parte previsto, si fa largo a grandi passi il nuovo sistema di dittatura “pseudo sanitaria” che si realizza con il pretesto di salvaguardare la salute e la sicurezza della popolazione ma in realtà per ben “altri fini”.
I messaggi sono diretti ed inequivocabili e provengono dai responsabili di governo, dai paludati consulenti medico scientifici (tipo i Burioni) e delle Istituzioni europee ai quali si affiancano i grandi media del sistema. Questi ultimi di distinguono in questo periodo per essere proclamati come difensori assoluti della informazione di regime e depositari delle verità. Guai a non seguire quello che dicono: “….eh, lo hanno detto in TV sarà vero”. (espressione dell’italiano medio).
Non bisogna meravigliarsi di questo ,lo avevamo detto, stanno attuando un grosso esperimento di controllo sociale e gli sviluppi sono ancora tutti da verificare.
Il governo Conte, di cui si è ormai già capito come sia al servizio dei grandi potentati finanziari transnazionali, ha predisposto una unità di crisi per attuare tutti quei provvedimenti che sono necessari per passare alla fase 2, a cui seguirà poi la fase 3 e fase 4 a breve e medio termine.
Non è un caso che al comando della unità di crisi ci sia un manager che proviene dal mondo finanziario e delle multinazionali telefoniche, Vittorio Colao. Le nomine di questo periodo rispondono a precisi criteri.

Vittorio Colao


Tanto meno si può ritenere una coincidenza che, proprio adesso, si voglia attuare una stretta sulle fonti di informazione libera e non controllata sul web. I fiduciari di regime di arrogano il diritto di decidere cosa sia vero e cosa sia falso e decidono di tenere sotto stretto controllo chi diffonde idee e opinioni non conformi.
Viene creata dal governo una speciale unità contro le “fake news”, annunciata in pompa magna dal sottosegretario Martella, nel contesto di un attacco sempre più serrato alla libera informazione sul web per riuscire a serrarla e tappare così la bocca alle fonti alternative.
La campagna contro le fake news si muove contro quella che viene denominata la galassia dei complottisti sul web.

Naturalmente per giustificare la stretta si parla della necessità di controllare chi mette in giro notizie false e fuorvianti che possono turbare l’opinione pubblica. Gli sforzi per dimostrare questa necessità sono stati fatti in trasmissione Tv da alcuni solerti funzionari della RAI e sono consistiti nel classico tentativo di associare le idiozie più disparate (tipo la terra piatta, la fuga di Hitler che non era morto, l’arrivo degli extra terrestri ed altre amenità…) ai temi più seri e dopo di questo il nulla più assoluto.
Tutto questo per impedire che sulla rete possano circolare opinioni difformi da quelle diffuse dalle reti ufficiali della RAi, della Mediaset, della 7 e degli altri media. Un goffo tentativo di sopprimere le libertà di opinione stabilite dall’art. 21 della Costituzione che stabilisce: ” Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”.
In sostanza sono proprio loro, i presunti smascheratori di fake news, quelli che vogliono sovvertire la costituzione impedendo a liberi cittadini e opinionisti non allineati di manifestare le proprie idee. Un disegno già messo in atto in precedenza dalla Laura Boldrini, quella della commissione per contrastare “il pericolo dell’odio”, dicevano allora. Guarda caso ci sono di mezzo sempre gli stessi personaggi screditati.
Il meccanismo di accusa è quella di collegare alcune di questi siti web a presunte fonti sovversive, non potendo attaccare direttamente accusano in modo generico che questi siti alternativi a i media ufficiali siano collegati a determinate fonti estere o di “dubbia estrazione”,con l’accusa fatta in primis ai siti di controinformazione, come “Byoblu” di C. Messora, o Pandora Tv di G. Chiesa, i primi della lista, accusati di ospitare “personaggi controversi” e “teorici del complotto” che riportano informazione alternativa al mainstream.
In pratica il regime (perchè ormai di regime si tratta) ci dice: guai a voi se vi permettete di esprimere opinioni diverse rispetto al pensiero unico, questo sarà un buon motivo per procedere all’oscuramento di un sito. Loro sono i depositari della verità e questo non si discute.
Prossimo passo: Vaccinazioni Obbligatorie


Cercheranno di far passare le vaccinazioni obbligatorie valide per tutti, come risulta dai vari commenti e affermazioni fatte da esponenti politici e consulenti tecnici del governo.
Considerate i messaggi che stanno arrivando. Zingaretti: “vaccini obbligatori nel Lazio per due milioni di persone e per quelli delle attività essenziali”. Dal Messaggero.
Chiaro no, se tu sei uno che lavora in quella che si definisce una attività essenziale, sei ricattato: o ti vaccini o non lavori. Lo avevano detto inizialmente, dobbiamo far vaccinere tutti gli over 65. Adesso però sembra che lo vogliono estendere a tutti, giovani e vecchi.
In realtà nessuno dovrebbe essere obbligato ad un trattamento sanitario se non per disposizione di legge e la legge non può violare i limiti della persona umana (Costituzione). Con il pretesto del corona virus saranno molti i i limiti che vorranno violare ed a questo servono le situazioni di crisi eccezionali.

Il direttore della OMS


Tracciamento Obbligatorio


Altro messaggio: bisogna arrivare al tracciamento obbligatorio tramite il telefonino mettendo una app sul vostro smartphone. Lo stanno già sperimentando nella unità di crisi prevista dal governo. Naturalmente ci racconteranno che è “volontario”. Si come no. Facile pensare che, se non accetti la tracciatura non potrai entrare in un ufficio pubblico o su un treno o in un posto aperto al pubblico e in altro ambiente determinato. O accetti o sei ricattato, altro che volontario.
Le misure che saranno prese come temporanee e provvisorie, presto diventeranno definitive.
Ultimo sviluppo previsto: potranno entrare in casa privata dove vivono le famiglie e portarsi via coloro che risultano positivi ai loro test, anche se stanno bene e non hanno sintomi. Lo ha detto Michael Ryan , uno dei direttori esecutivi della OMS, nel corso di un conferenza stampa il 30 di Marzo.
Per arrivare a tali misure dovranno assolutamente silenziare la libera informazione, altrimenti rischiano di avere troppe persone che non accettano e protestino contro questo sistema o che si pongano delle domande.
Il loro obiettivo, dopo il coronavirus, approfittando della confusione, sarà quello di ridisegnare alla radice una nuova mappa del potere a favore della elite e a discapito degli interessi della maggior parte dei cittadini.
Trasmissione 5 G


Dopo i provvedimenti di carattere sanitario obbligatorio, come test e vaccini, l’ultimo nuovo esperimento sarà quello di installare il sistema di trasmissione telefonica digitale 5 G, un sistema i cui effetti per le radiazioni diffuse ancora non si conoscono e mai si conosceranno perchè ci sono gli interessi enormi delle grandi compagnie telefoniche multinazionali. Ci racconteranno tramite i media che è un ottimo sistema per rendere efficiente la trasmissione delle informazioni e aiuta gli specialisti a comunicare.
Nel frattempo ci seppelliranno sotto un enorme debito di centinaia di milardi che arriveranno per tamponare questi nuovi servizi e ci diranno che tutto è a nostro favore mentre bisognerà lavorare come schiavi per ripagare questi debiti nei prossimi 50 anni.
Per quanto sopra si spiega la necessità per il regime di installare un sistema di informazione unica silenziando tutte le forme di informazione libera ed alternativa.
Credo che, per tutti coloro che ci tengono a non vedere calpestate le loro libertà e trovarsi assoggettati ad un regime di stampo finanziario e globalista, sia arrivato il momento di far sentire alta e forte la propria voce di PROTESTA e di RESISTENZA.

29 Commenti

  • Teoclimeno
    13 Aprile 2020

    Naturalmente condivido appieno quanto riportato nell’articolo. La gente dovrebbe incominciare a chiedersi del perché della politica del figlio unico in Cina (ora abbandonata). Semplice: non era nient’altro che un programma di riduzione forzata della popolazione, o se preferite, un programma malthusiano. Il motivo è molto semplice: con la fine dell’era del petrolio, finisce il mondo che siamo abituati a vedere da quando siamo nati. Fine del consumismo, fine del mondo delle automobili, fine della globalizzazione. I bambini che nascono ora da adulti non potranno volare. Potranno farlo solo le ristrette oligarchie, e cioè 1% della popolazione mondiale. Il rimanente 99%, farà lunghe passeggiate. Temo si dovrà di nuovo ritornare alla trazione animale. Il cibo senza il petrolio dovrà necessariamente provenire, come nel passato dalla terra. Con la rivoluzione verde degli anni sessanta gli addetti all’agricoltura sono passati dal 25% della forza lavoro, agli attuali 3%. Senza i fertilizzanti e la meccanizzazione dei campi si dovrà di nuovo ritornare al 25% degli addetti all’agricoltura. Senza l’energia che alimenta le pompe per l’estrazione dell’acqua dal sottosuolo, i campi collinari verranno abbandonati e quelli in pianura se non irrigati dovranno sottostare ai capricci del clima. La parsimonia diventerà una virtù. Tutte queste cose sgradevoli le sanno molto bene anche coloro che tirano i fili della politica mondiale. Non escludo che possano tornare le monarchie. Il perché è molto semplice, la Democrazia mal si adatta alla difesa dei privilegi dei più uguali, ed infatti stanno cercando in tutti i modi di smantellarla. La nostra è già una “dittatura democratica”. Se state pensando alle energie alternative, vi dico subito che state sognando. Quando finirà il petrolio, finiranno in successione anche il gas e l’energia nucleare. In ogni caso tutte le energie alternative al petrolio, danno solo energia. Il periodo della crescita infinita e del pane e cemento, che ha accompagnato buona parte della nostra vita, sta rapidamente tramontando sotto i nostri occhi. Possiamo solo rallentare questo processo ineludibile, ma in questo caso dovremmo allearci con la Santa Madre Russia, che di petrolio e gas ne ha ancora molto, ma questo i nostri padroni non lo vogliono. Infatti, ci hanno costretti a rinunciare al North Stream 2. Non è un caso che non si parli mai di petrolio. Anzi è diventata una parolaccia impronunciabile. Come non è un caso, che sulle televisioni, quasi tutto quello che passa il convento è spettacolo, distrazione. Intanto loro, i “soliti noti”, lavorano nell’ombra. Memento gente, memento… sapere non è piacevole, ma non sapere è tragico.

    • maurizio ratti
      13 Aprile 2020

      Mi rincresce deluderla ma lei non ha capito alcuni concetti. In Cina la politica del figlio unico introdotta un ventennio fa non ha nulla a che vedere con le motivazione addotte. Fu necessaria per calmierare l’esplosività demografica che impediva un adeguato ed asimmetrico sviluppo economico della nazione. Vennero esclusi i territori agricoli dove necessitava manodopera ed oggi superata la fase critica è stato tolto ovunque grazie all’autoregolamentazione dei cittadini elevati ad entrate nel ceto medio. Punto secondo se c’è un rischio che non correremo mai per i prossimi 200 anni sono le carenze di idrocarburi e fonti di energia. Giacimenti scoperti ovunque, nuova tecnica del fracking che per quanto perniciosa per le falde acquifere triplicano di fatto le riserve estrattive. Nuove tecniche di separazione degli scisti bituminosi ma soprattutto lo sfruttamento dei clatrati proiettano le capacità potenziali di un fattore venti rispetto alle quantità di fossile accertate attualmente. L’industria nucleare Russa, all’avanguardia mondiale, ha ridotto con il combinato dei reattori autofertilizzanti il rapporto delle scorie di 130 volte rispetto a quella amercana, giungendo a produrre 250.000 Gwh all’anno con meno di 8 metri cubi di scorie complessivamente ritrattate e quindi infinitamente meno radioattive (stipabili per 300 anni). Gli impianti fotovoltaici costano meno di un dollaro a watt installato. Pertanto il progetto più o meno evidente di asservire l’umanità ad un’elite planetaria unica, dispotica e controllante, che lei sostiene si stia realizzando e che mi trova d’accordo con la sua visione, è finalizzata ad accentrare il potere fine a se stesso ma non in correlazione con problematiche di carenze energetiche.

      • Teoclimeno
        14 Aprile 2020

        Egregio Signor MAURIZIO RATTI, per avere più spazio a disposizione, ed agevolarle la lettura, le ho messo il mio commento in fondo alla pagina. Grazie per la pazienza. TEOCLIMENO

  • Teoclimeno
    13 Aprile 2020

    Scusate il lapsus calami: South Stream 2, e non North Stream 2.

  • Alessandro Davoli
    13 Aprile 2020

    Il petrolio non è di origine fossile e ne abbiamo quantitativi immensi. Dal 2* al 3 gennaio 2009 ho portato (con una mia relazione di missione, giugno 2008), Paolo Scaroni in Iraq, a firmare il più grosso contratto della storia di ENI. (Vedi sue dichiarazioni alla stampa del 29 gennaio 2009). “A giant oli field” un giacimento petrolifero gigante su una superficie grande come il Lazio, per circa trecento pizzi. Un milione e duecentomila barili al giorno. Il 20% circa del fabbisogno italiano. In zone desertiche il petrolio si trova a poche decine di metri di profondità. In alcune aree affiora naturalmente e firma laghi in superficie. Ripeto, non è di origine fossile, ma è uno strato del nostro pianeta. Le quantità sono pressoché illimitate, per il consumo di centinaia e centinaia di anni a venire.
    Che poi ci sia una ricaduta in termini di inquinamento da emissioni (sopratutto le super navi e non il traffico terrestre) e le plastiche che inquinano è un’altra questione. Ma il petrolio non scarseggia ne sarà scarso per i prossimi quattro o cinquecento anni. Che le élite massoniche mondiali vogliano ridurre la popolazione, beh, ne discutono apertamente in vari consessi mondiali da almeno trenta-quarant’anni o più …
    Un saluto,
    Alessandro Davoli

    • maurizio ratti
      13 Aprile 2020

      Sono d’accordo che non esiste carenza a breve di petrolio, anzi tutt’altro. L’unico punto è che l’italia consuma circa 700 milioni di barili all’anno quindi quel dato del 20% non è esatto.

  • MDA
    13 Aprile 2020

    uscire di casa tutti.

    • atlas
      14 Aprile 2020

      attento a ouralphe: ti può mandare alfa a casa per istigazione a disubbidire al gis

  • Teoclimeno
    13 Aprile 2020

    Egregio Signor Davoli, siamo tutti d’accordo che il petrolio non sia di origine fossile. Un po’meno sul fatto che di petrolio ce ne sia cosi tanto, e addirittura per i prossimi 500 anni. È quello che pensavano gli americani, perché di petrolio ce n’era molto. Solo che ogni 10 anni il suo consumo raddoppia. Inoltre bisogna considerare, che quando il costo per l’estrazione del petrolio da un pozzo costa più del valore stesso del petrolio estratto, il pozzo viene abbandonato. Tutti coloro che si interessano del Picco del Petrolio, vorrebbero sbagliarsi, ma ho qualche dubbio, viste le premesse, che di petrolio ce ne sia in tale quantità. Molti cari saluti anche a Lei. Teoclimeno

    • Alvise
      13 Aprile 2020

      i tedeschi già lo fanno. beffandosi della polizia (ho visto i video) e non hanno tutte le restrizioni che subiamo qua in Italia. Per quanto riguarda gli italiani è più facile che si mettano nel c**o un cetriolo di loro spontanea volontà, denunciare il fratello che si mette le dita nel naso e chiudersi nel cesso insieme alla moglie piuttosto che mettere in atto qualsiasi forma di protesta contro i loro padroni.

  • Albise
    13 Aprile 2020

    Ci fanno la punturina, ci mettono il cip poi ci mettono il ciop, ci fanno il clisterino, ci dicono di prestare la mogliettina al negrettino sennò sei un rassistino. Da quello che so nel secolo scorso la gente si incazzava per molto meno e non dico la massa, perché la massa, è risaputo, non vale nulla, se non dare supporto morale ad organizzazioni che fanno il lavoro che va fatto. (politico) Ma ora anche queste organizzazioni latitano, non emergono. è questo il vero mistero che andrebbe approfondito. Ovvio che i vari regimi, di cui quello italiano rappresenta uno dei più feroci (in termini dittatoriali) in Europa trovi il gioco al massacro una passeggiata. Dal mio punto di vista, si dovrebbe tornare alla distribuzione manu/manu di materiale cartaceo per le strade e abbandonare internet sotto il totale controllo dei controllori.

  • Alvise
    13 Aprile 2020

    Precisazione: Non era mia intenzione denigrare le masse (che sono le vere vittime) Semplicemente intendevo dire che le M. non dispongono know/how militare e i risultati sarebbero disastrosi in confronto con le armate di cui dispongono i regimi.

    • atlas
      15 Aprile 2020

      leggimi Alvise: tu fai delle giuste osservazioni, ma forse non ti rendi conto realmente dove vivi. In un Circolo SANO, come la ‘terra dei padri’ ad es., per una conferenza alla quale sono invitati un Ouday Ramadan o un Paolo borgognone, vedi si e no 30 persone. Se vai in una qualsiasi birreria alla sera trovi strapieno di ragazze e ragazzi, che straparlano delle PUTTANATE più impensabili, ma mai di politica. In italia e nelle Due Sicilie

      tu te la faresti la galera per loro ?

  • ouralphe
    13 Aprile 2020

    Chi deciderà di non accettare di vivere nell’ incubo che ci stanno preparando dovrà abituarsi all’ idea che la propria vita cambierà radicalmente. Perchè delle proteste quelli se ne fregano. Ciascuno tracci la propria linea rossa e sappia per yempo cosa fare quando verrà varcata.

  • Roberto linux
    13 Aprile 2020

    il virus non c’è, non uccide, il distanziamento sociale non serve, fare debiti per la salute dei cittadini è una follia… ma solo a patto di avere un QI da padan-sovranist-meloniano

  • Bar Sport
    13 Aprile 2020

    Adoro i siti che permettono ai portatori di significativi handicap sociali, mentali e cognitivi di sfogare a parole le loro frustrazioni del non aver il coraggio di vivere nella prassi delle loro vite ciò che scrivono, teorizzano e incitano nell’etere del web.
    A prima vista possono sembrare banalissimi sfogatoio digitali per sfigati, ma analizzati con più attenzione, ci si accorge facilmente del valore sociale che una simile agorà virtuale ricopre nella imposta sostituzione, causa chiusura per pandemia, delle discussioni da bar dei clienti allenatori-di-nazionale al terzo grappino.

  • Luca
    13 Aprile 2020

    https://www.bitchute.com/video/XPPc6eMsz7i5/?fbclid=IwAR3niwqSMoJwFZ-cmI83mTudH6ap43dI5PNdcCcJgeZXo85tMjSw14ikd2Q

    Qui David Icke descrive bene quello che sta succedendo…automobili elettriche perchè quelle a combusitbili sono autonome… ristoranti chiusi perchè il cibo ce lo devono procurare loro, le multinazionali delle elites…abolizione del denaro contante…e altre amenità

  • Teoclimeno
    14 Aprile 2020

    Egregio Signor MAURIZIO RATTI, la ringrazio per il suo intervento, che rende vivace e interessante la discussione. Se non le dispiace avrei anche io qualche precisazione da fare. Incominciando dalla politica del figlio unico in Cina. Tale politica non è stata abbandonata, come pensa Lei “grazie all’autoregolamentazione dei cittadini elevati ad entrate nel ceto medio”, ma al fatto che tale politica generava degli effetti collaterali perniciosi. I cinesi prediligevano i figli maschi per dare continuità alla famiglia attraverso il cognome, che veniva appunto trasmesso come da noi attraverso la linea maschile. Quindi tendevano a sopprimere le femmine, che con l’andare del tempo iniziarono a scarseggiare. Tralascio di parlare di cosa stava succedendo, perché tutti noi lo possiamo capire da soli. Alla fine comunque tale nefasta politica venne abbandonata con grande sollievo di tutti, maschietti e non. Ritornando all’argomento a noi tanto caro, mi preme ricordarle che ormai il pianeta è stato esplorato in lungo ed in largo ed i giacimenti ormai si conoscono tutti, ed è inutile pensare a nuove grandi scoperte, che possano alterare la realtà attuale. Per quanto riguarda la tecnica del Fracking, negli Stati Uniti, a causa di tale tecnica estrattiva che inquina le falde, sono già quasi una ventina di milioni i cittadini americani rimasti senz’acqua. Ad un certo punto dovranno decidere se continuare ad estrarre o continuare a bere. Tenga presente che negli USA l’acqua costa già più della benzina. Per quanto riguarda invece le nuove tecniche estrattive di separazione degli scisti bituminosi del Canada, nella regione del Saskatcewan, tale tecnica, non solo è molto costosa, e quindi di questo passo non è difficile immaginare che a lungo andare verrà abbandonata, ma anche, e questo è ancora peggio, tale tecnica comporta la distruzione di intere foreste millenarie. Per quanto riguarda tutte le altre forme di energia, da nucleare, al gas, eolico, fotovoltaico etc. mi occorre solo precisare che, da tutte queste fonti alternative si ricava solo energia. Mentre invece dal petrolio si ricavano, come ho già riportato in altri commenti, più di 6500 prodotti. Mi creda non è un caso che il petrolio venga definito l’Oro Nero. Siamo invece d’accordo che sia in atto un accentramento di potere da parte delle oligarchie finanziarie. Un progetto legato più alle alchimie monetarie che al petrolio. Il petrolio semmai è solo un motivo in più. Ma questi argomenti, anche se molto interessanti esulano dal discorso che stiamo trattando e cioè il petrolio. La ringrazio nuovamente per il suo costruttivo intervento, e colgo l’occasione per augurare ogni bene, a Lei ed a tutte le persone che le sono care. TEOCLIMENO

  • Sandro
    14 Aprile 2020

    Ma guardate ragazzi che non si sono inventati nulla. Ciò che si sta delineando è sulla falsariga di ciò che è già avvenuto con il benestare dell’informazione di massa autorizzata a fregarsene del problema (salvo qualche eccezione bistrattata).

    Parlo dell’esperimento molto ben riuscito (anzi, tanto di cappello) iniziato nel lontano 1975 e tutt’ora in fase di perfezionamento.

    Qui di seguito, le similitudini rispetto alle problematiche evidenziate in articolo:

    1) “si realizza con il pretesto di salvaguardare la salute e la sicurezza della popolazione ma in realtà per ben “altri fini” “
    * le separazioni si realizzavano – senza motivazione*- (vedere asterisco a fondo pagina art. 13) a tutela del minore ma in realtà per ben “altri fini”
    2) “Guai a non seguire quello che dicono: “
    * Il reietto, (il padre di famiglia) che non eseguiva ciò che senza motivazione gli era stato ordinato , e cioè quello di allontanarsi dai figli, veniva estratto di peso, dai predisposti, dalla propria abitazione avanti agli altri componenti della famiglia.
    3) “ un grosso esperimento di controllo sociale”
    * prima di utilizzare in larga scala un prodotto, lo si testa in (provetta).
    4) “Non è un caso che al comando della unità di crisi ci sia un manager che proviene dal mondo finanziario e delle multinazionali”
    * Nel “civile” ci si occupa di tutto comporta, appunto, questioni civili come, ad es. le separazioni . Ma……….non è un caso che sia stata istituita una sezione speciale, distaccata dal comparto, in un fabbricato apposito – forse per non subire contaminazioni? -, composta da personaggi prescelti (?!) per tali trattazioni.
    5) “Tanto meno si può ritenere una coincidenza che, proprio adesso, si voglia attuare una stretta sulle fonti di informazione libera e non controllata sul web.” “Tutto questo per impedire che sulla rete possano circolare opinioni difformi da quelle diffuse dalle reti ufficiali”
    * Ultimamente è stato soppresso un importante sito molto seguito attraverso il quale i “reietti” o aspiranti tali potevano dare informazioni su statistiche e/o fatti personali realmente accaduti e non interpretati dai media, in merito al particolare fenomeno che riguarda/va la società tutta.
    6) “In realtà nessuno dovrebbe essere obbligato ad un trattamento sanitario se non per disposizione di legge e la legge non può violare i limiti della persona umana (Costituzione).”
    * Art. 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo: “Ogni persona ha diritto della sua vita privata e familiare………non può esservi INGERENZA della pubblica autorità nell’esercizio di tale diritto…..” Art. 13 della Costituzione: “……..non è ammessa forma alcuna di………restrizione della libertà personale se non per atto motivato* (vedi 1)
    7) “Tracciamento Obbligatorio” “Altro messaggio: bisogna arrivare al tracciamento obbligatorio tramite il telefonino..”
    In non pochi casi – tralascio le motivazioni per pietas delle medesime – doveva essere eseguito il tracciamento obbligatorio dei movimenti del “reietto”. Ciò non avveniva tramite telefonino (non esisteva) ma utilizzando la persona già utilizzata (pluri-utilizzo) per la separazione del figlio dal padre. La medesima avvisava, chi di dovere, se il “reietto” oltrepassava i confini stabiliti, che consisteva in una distanza di sicurezza dalla prole, presente nella casa donata alla genitrice.

    Ciò che sta accadendo ora e con disinvoltura, di cui ci si lamenta, è dato dal nullaosta garantito dall’esperimento (in provetta) di cui sopra, riuscito “a bomba”

  • Paolo Calvo
    14 Aprile 2020

    Come mai non nascono movimenti di ribellione a tutto ciò?!

    • Sandro
      14 Aprile 2020

      Perché te lo impediscono.
      Hai mai visto una manifestazione stanziante, nel bel mezzo della Capitale, il cui spazio è limitato da un fazzoletto di lastricato di pochi metri di lato, recintato da transenne e nastri del tipo lavori in corso, all’interno del quale vi sono una quarantina di padri di famiglia che utilizzando un megafono tentavano, invano, di sensibilizzare passanti distratti, dal fatto che era loro impedito di vedere i propri figli? Hai visto, in quel caso, la presenza di un politico di second’ordine od uno straccio di giornalista o la telecamera dell’ultima nata T.V. Privata, per memorizzarne l’accaduto? Io no, ma può darsi che ero distratto. Un cosa, però, mi ha colpito. A difesa dell’incolumità pubblica, forse dovuta al pericolo che potevano comportare quai quattro poveracci, vi era, a brevissima distanza, un’auto delle forze dell’ordine.

    • Teoclimeno
      14 Aprile 2020

      Egregio Signor PAOLO CALVO, la sua domanda è semplice ma la risposta è complicata, perché la realtà del nostro Paese è molto articolata e complessa, ma tenterò di riassumerla il più brevemente possibile. Il primo motivo a mio avviso è dovuto alla scarsa informazione. La gente segue la televisione e legge i giornali, che ovviamente sono tutti di regime. Le notizie vere non vengono mai diffuse. Come ho già detto in un altro commento, chi controlla l’informazione, controlla le coscienze. Un altro motivo è che i politici non li scegliamo più noi, ma il partito. Quindi qualsiasi candidato risponderà al partito e non ai suoi elettori. Una altro motivo è che tutti i centri del potere, sia economico politico, sindacale, ma anche religioso, che militare, sono tutti a libro paga del grande capitale, e spesso infiltrati dalle logge, come ad esempio l’Arma. In sostanza, in tutti i paesi, non solo in Italia il potere vero è gestito dalle oligarchie nazionali che a volte, come quella italiana, prendono gli ordini da altre all’infuori del paese. Bisogna anche considerare che in occasione delle elezioni vengono creati all’uopo dei partiti, e pompati dei personaggi incaricati di rastrellare il malcontento per poi convogliarlo su di un binario morto. Esempio tipico è quello di Grillo il guitto e della sua creatura il Movimento 5 Stalle. In Italia non c’è più una reale opposizione. Gli italiani vengono artificiosamente divisi con la nota tecnica del divide et impera. In sostanza destra e sinistra sono due facce della stessa medaglia e recitano il medesimo copione. Una tragica farsa che non fa ridere nessuno. Ma anche ad esempio, con l’avvenuta regionalizzazione, che altro non è che un programma per dividere e contrapporre gli italiani. Stanno persino imbastardendo la lingua, ed infatti le fregature ci vengono tutte rifilate in Inglese, la lingua del padrone. Come se non bastasse a rendere allarmante una situazione già tragica di suo, stiamo subendo un’invasione barbarica, le famose “risorse”, i cui effetti a causa del ricongiungimento familiare saranno disastrosi per il nostro futuro. Noi italiani autoctoni diventeremo una minoranza in perenne conflitto. Fine della grandezza dell’Italia e del Primato degli italiani. Ci stanno frullando. Vedo un futuro buio. C’è da vomitare.

      • Sandro
        15 Aprile 2020

        Ottimo intervento! Encomiabile! 30 e lode. Anzi, un momento, la lode l’avrei aggiunta se non avessi inserito nel commento anche la seguente frase: “Fine della grandezza dell’Italia e del Primato degli italiani.” Permettimi di avere qualche dubbio – non sulla “fine”- . Se poi “la grandezza ed il primato” li intendi per quella sparuta-issima minoranza che nel distinguersi in scienza ed arte ha trascinato pesantemente i restanti, allora, d’accordo.

  • ouralphe
    14 Aprile 2020

    Mi colpì ciò che dissr Cossiga in un’ intervista in cui si parlava di stay behind: “Se mai l’ Unione sovietica avesse invaso l” Europa, noi saremmo saliti in montagna perchè non avremmo mai accettato la dittatura comynista.” Non pensavano mica a fare manifestazioni per farsi aprire scioccamente le teste quelli…

  • atlas
    14 Aprile 2020

    la truffa Covid19 !

    Copio e incollo..

    Alessandra Campoli
    ciao cara…mia zia è mancata il 29 marzo…lei era cardiopatica con pacemaker da 30 anni…si sentiva male, aveva avuto già 2 infarti…il 29 mattina si sente male, dolore al braccio al petto…chiama l’ambulanza e le chiedono se ha sintomi influenzali; lei risponde di no. Misurano la temperatura 36.5, mio cugino (avvocato) non lo fanno salire in ambulanza nonostante lui insiste…segue l’ambulanza in macchina. Arrivati all’ospedale la portano in reparto covid senza ma e senza se, mio cugino non è d’accordo inizia a fare chiasso, ma inutilmente…mia zia non ha avuto le cure per l’infarto che aveva in atto…mio cugino ha registrato tutto anche ciò che dicevano i medici…ora sono tutti indagati…mia zia nella cartella di morte che poi è mancata alla sera alle 19 mettono ‘POLMONITE ATIPICA DA VIRUS ORA IN CIRCOLAZIONE’…mio cugino essendo avvocato blocca tutto con altri 4 colleghi avvocati e fa fare autopsia con tanto di medico legale suo e dell ospedale. Risultato autopsia INFARTO DEL MIOCARDIO PER BRADICARDIA INTERSTIZIALE ‘… è stata seppellita dignitosamente nella tomba di famiglia…ora c’è la causa penale aperta…è riuscito a registrare tutto ciò che dicevano i medici ora e tutto sotto procura…spero che come mia zia per tante altre povere persone sia fatta giustizia.

    • Sandro
      15 Aprile 2020

      Ti faccio fare una “risata” amarissima. La legge italiana vieta registrazioni anche solo vocali, se non sono effettuale dal diretto interessato per ragioni giuridiche. Ma il diretto interessato, in questo caso, l’anno fatto sparire. Il cugino, avvocato, della signora che ha raccontato l’accaduto, di certo troverà il modo di sormontare l’ostacolo andando a scartabellare nelle 200.000 leggi e leggine compresi i “rimandi” (qualcuno sostiene 150 mila) o la fortuna di essere assegnato ad un giudice comprensivo, ma tanto è.

      • atlas
        15 Aprile 2020

        io me ne fotto delle leggi italiane

        nelle Due Sicilie abbiamo Costituzione e Leggi Napolitane ancora in uso, poi ci sono anche quelle non scritte

  • basta dittatura
    14 Aprile 2020

    Io mi fido solo di medici sovranisti, meglio se anche padani e leghisti.
    Perchè è’ evidente a tutti che il ricorso ad antibotici, medicinali brevettati, vaccini, profilassi e ricoveri, è solo una operazione che i medici amichetti di Soros portano avanti per favorire gli interessi allogeni di Big Pharma.
    Ma grazie a Dio, ci sono anche for fiori di medici celticosovrani che sanno ancora quale sia il vero significato di ‘medicina’ e quali rimedi naturali e autoctoni usare per curare mente anima e corpo dei loro pazienti. Il racconto testè riportato da un utente, circa la triste fine fatta da una anziana signora, è il lampante esempio di come la UE sotto diretto input di Soros abbia obbligato i suoi mercenari in camice bianco a comportamenti fuori dal contesto deontologico. Ma per gli allopati che si beffano del giuramento di Ippocrate, quello che è importante è favorire l’avvento della dittatura e far schizzare alle stelle le stock options dei magnati delle sette sorelle delle case farmaceutiche. E’ lampante che ad una anziana non puoi riservare un simile trattamento a meno che non la si voglia deliberatamente uccidere apposta (probabilmente perchè la signora non era una straniera che invece se no avrebbero fatti di tutto per mantenerla in vita e fornirle anche il wifi gratis). Purtoppo per lei ed i suoi prenti, la signora è finita nelle mani sbagliate di medici che non seguono le antiche nostrane Tradizioni degli impacchi di fango e vischio drudico, ma in quelle dei killer senza scrupoli al soldo di BigPharma o di peggio ancora di medici laureati all’università del talmud. Se solo le avessero fatto gli impacchidi vischio già fin in ambulanza, se solo quegli atei degli ambulanzieri si fossero fermati in una chiesa a pregare la Madonna, la signora, sarebbe di sicuro ancora viva. Ma una signora, autoctona, bianca, e viva, non serve agli allopatici piani dittatoriali dei signori dei vaccini che fanno soldi a palate occultando da anni e anni la cura per il cancro.

  • Anna
    21 Aprile 2020

    Non so chi sei, ma ho capito che sei un razzista,… peccato!

Inserisci un Commento

*

code