di Marco Della Luna Napolimonti, Napoliletta, Napolirenzi… sotto il terzo Governo Napolitano consecutivo, sempre non eletto, l’Italia tira diritto sulla sua rotta di recessione, indebitamento, disoccupazione, deindustrializzazione, cessione di aziende strategiche a stranieri (cinesi, da ultimo) e cessione di sovranità in favore dei potentati finanziari stranieri che da un quarantennio dettano le (intenzionalmente) erronee ricette monetarie, bancarie, fiscali, daziarie. Queste – ormai è innegabile – hanno prodotto la carenza di liquidità per investimenti pubblici e privati, che è la causa più profonda e insieme più diretta del disastro economico in corso. Causa anche dell’insostenibile indebitamento pubblico. Le riforme renziste non hanno utilità per l’economia, alcune perché di ambito non-economico (istituzioni, elezioni), e tutte per via dei diversi anni necessari a metterle in opera (riforma della p.a., della “giustizia”).

Le politiche degli Stati Uniti e dell'Unione Europea portano la responsabilità della sanguinosa crisi in Ucraina, visto che il loro interesse primario è stato quello di circondare la Russia, lo si afferma in un editoriale di opinione pubblicato sull'autorevole giornale francese "Le Figaro". In tale articolo pubblicato su "Le Figaro", l'analista Alexis Feertchak suggerisce che mai come adesso la Casa Bianca si trova in una situazione scomoda , già che "la minaccia prospettata dagli islamisti non è morta assieme a Bin Laden. Inoltre, continua Fertchak, "adesso gli USA si trovano in una posizione incomoda nel quadro di un confronto diretto con la Russia". "In questa partita ci saranno soltanto perdenti e molto sacrificio e, prima di tutto, fra la stessa popolazione ucraina, predice l'analista. "Dopo il collasso dell'URSS la NATO avanzava con passi da gigante, poco a poco, verso le frontiere della Russia", afferma il giornalista di Le Figaro. "Per buone che fossero le intenzioni degli ucraini, la Russia non poteva rispondere in altro modo", questo nel constatare l'accerchiamento tra Ucraina e la NATO, assicura l'autore.

di Adrian Salbuchi Nelle ultime decadi, decine di nazioni sovrane sono cadute in un crescente e profondo buco nero nell’indebitarsi con la megabanche sovranazionali per importi che eccedono di gran lunga quello che sarebbe il livello da poter ripagare. Si deve forse questo alla cattiva prassi professionale di questi banchieri assieme alla cattiva amministrazione dei governi o ad una gigantesca scalata? Siamo noi dei semplici testimoni di come coloro che pianificano a lungo termine e che sono parte della Elite del Potere globale vanno ottenendo   gradualmente i loro obiettivi? Bisogna essere in due per ballare il tango…… Le ricorrenti crisi del debito pubblico non sorgono come risultato di errori commessi dalle banche, nel concedere troppo facilmente i prestiti, né dell’ “innocenza” dei successivi governi delle nazioni irrimediabilmente indebitate. Per la verità tutto sembra far parte di un modello globale di dominio accentrato in un sistema di debito perpetuo che, in un articolo precedente abbiamo denominato il “modello Shylok”.

di Rosanna Spadini Il diavolo ora veste Troika, il braccio armato delle oligarchie tecno/finanziarie che governano il mondo, seminando povertà e terrore. Non è un incubo, è la realtà. E come Smaug, il drago magnifico dalle squame dorate, pianterà i semi della desolazione. Il tutto avviene nella perfetta indifferenza dei bradipi italici, quei 58% che si stanno godendo le vacanze, che però nel 2010 sfioravano l'80%: quando si dice porca troika. Anche e soprattutto nell'indifferenza generale dei mass media, che diffondono ad arte i loro germi infetti della distrazione di massa, sostenendo le loro ipocrite verità. Almeno noi, consumatori privilegiati dell'occidente consumistico, non meritiamo di essere sgozzati in diretta dall'Impero degli USA-Smaug, come sta succedendo nell'Iraq dell'ISIS, ma verremo spennati lentamente ed arrostiti sullo spiedo della recessione, fino a che ci degusteranno definitivamente con una manovra "lacrime e sangue", e ci prescriveranno la fine della Grecia. Un club esclusivo di poche migliaia di persone, non elette democraticamente, decide i destini di intere popolazioni, riesce a manipolare i mercati finanziari e ad imporsi sulla politica degli Stati. Questa "nuova classe" al potere, da cui dipendono i nostri destini, sono "i padroni del mondo", sono quelli che guidano i giochi nelle banche centrali e nei grandi istituti commerciali, gli innominati chiamati "bankster", neologismo in Italia tabù, nato dalla fusione di banker + gangster, ma comparso perfino su una copertina dell'Economist, nel luglio del 2012 (Luca Ciarrocca, I padroni del mondo).

I residenti della città ucraina di Donetsk hanno registrato ieri notte con le loro telecamere i bombardamenti dell'Esercito di Kiev effettuati con bombe al fosforo bianco. Nella mattina del Venerdì 15 agosto c' è stata una certa agitazione fra gli abitanti di questa città situata nella steppa orientale dell'Ucraina. I media locali hanno informato la RIA Novosti che, almeno 11 civili sono morti ed otto sono risultati feriti durante la scorsa notte a causa dei bombardamenti dell’esercito ucraino. L’utilizzo di bombe al fosforo contro obiettivi civili risulta proibito dal Protocollo n.3 del trattato internazionale sulla Proibizione e Restrizione di certe armi convenzionali, annesso alla Convenzione di Ginevra dal 1979. I video e le foto presi danno testimonianza di questa violazione che non è la prima volta che si commette contro i civili dell’Ucraina nel corso di questo conflitto civile, come già avvenuto in Luglio di quest’anno nelle province di Lugansk e di Donetsk. Vedi : Youtube.com/watch

di Andrey Fediašin Bruxelles elaborerà delle misure per prevenire la “catastrofe umanitaria” in Iraq dopo le vittorie dei radicali dello Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL). Alla sua riunione straordinaria, alla quale hanno partecipato i ministri degli Esteri dei 28 Stati membri, il Consiglio europeo ha discusso, e in via di principio ha approvato, la fornitura di “aiuti umanitari”, prevalentemente di armi, ai curdi iracheni. Cibo e medicine per gli abitanti delle città assediate dagli islamisti saranno lanciati da aerei. In realtà, la discussione sulla fornitura di nuovi armamenti all’Iraq era superflua, perché due giorni fa l’UE aveva già deciso che ogni Paese può mandare al governo di Bagdad armi e equipaggiamenti che ritiene opportuni. USA e Gran Bretagna già stanno guidando le spedizioni di armamenti e il nuovo intervento in Iraq. Gli aerei americani stanno bombardando le postazioni degli islamisti, nel Paese sono stati mandati più di 800 “consiglieri” statunitensi. La seconda fase della guerra irachena, “vinta” dagli USA ancora nel 2003, è ormai vicina. Alla sua riunione l’UE ha dimostrato un approccio alquanto strano nei confronti dei più scottanti problemi europei, approccio che non trova spiegazione razionale. Nell’agenda della riunione era inclusa una discussione sulla situazione in Ucraina, ma dell’Ucraina, dove sta infuriando un conflitto che in Europa non si era mai visto sin dai tempi della Seconda guerra mondiale, si è parlato pochissimo.

Una  forte denuncia contro l'elite di potere che è di fatto padrona del governo di Washington Le persone che credono di possedere il governo degli Stati Uniti sono votate al Male. David Rothkopf, che lavorò con Henry Kissinger, nel 2008 scrisse "Superclass", dove affermò che l'intero mondo è governato da 30 famiglie e dai loro 6.000 leccapiedi. Nel 2007, uno studio svizzero dell'Istituto Federale di Tecnologia rivelò che 147 aziende controllavano il 40% della ricchezza mondiale, condividendo membri dei consigli d'amministrazione. Queste 147 aziende comprendevano le banche "troppo grosse da incarcerare" ( la Top 20 comprende: Barclays Bank, JPMorgan Chase & Co, nonchè il Goldman Sachs Group) , le maggiori compagnie assicurative, petrolifere, Monsanto, le ditte farmaceutiche, e militari. Esse gestivano anche il Bilderberg, il Council on Foreign Relations e il Royal Institute on International Affairs. Vedi "scoperta la rete capitalista che governa il mondo" Oggi voglio parlare di un po' di malvagità compiute dal gruppo che crede di possedere il governo degli Stati Uniti solo perché ha ucciso il presidente Kennedy e l'ha fatta franca. Lo scopo è di far sapere alle persone in posizioni di autorità cosa voi, leccapiedi delle 30 famiglie, state facendo. E anche informarvi che ciò che state facendo distruggerà l'America e il mondo.

La presidente argentina, Cristina  Fernandez de Kirchner , ha annunciato che applicherà per la prima volta una legge antiterrorismo nei confronti di una impresa multinazionale nordamericana, la Donnelley, che pochi giorni prima, a sorpresa aveva dichiarato il fallimento, chiuso di colpo il suo stabilimento in Argentina, lasciando per la strada 400 lavoratori. Questa mossa è stata collegata alla vicenda dei "fondi avvoltoio" ed è stata indicata dal governo argentino come una manovra preordinata. La Cristina Kirchner ha presentato denuncia di fronte alla corte penale della Giustizia federale per il reato di "alterazione dell'ordine economico e finanziario", come ha sostenuto la presidente la quale  ha inforcato le lenti per leggere l'articolo che si riferisce alla legge antiterrorismo promulgata nel Dicembre del 2011 ,in mezzo a forti polemiche per la sua possibile utilizzazione nei conflitti sociali.

Attenzione Notizie importanti dall'Ucraina Secondo informazioni arrivate da fonti russe, l''Esercito di Kiev avrebbe attaccato oggi  il convoglio russo di aiuti umanitari diretto nella zona di Lugansk. In particolare l'attacco sarebbe avvenuto ad opera di un battaglione punitivo Aidar che aveva pianificato di minare la strada dove...