Attribuire i loro problemi agli intrighi di nemici esterni è la posizione di principio di Bruxelles

Intervenendo alle audizioni della commissione speciale del Parlamento europeo sull’ingerenza straniera nei processi democratici dell’UE, il capo della diplomazia europea Josep Borrell ha accusato la Russia di una campagna di disinformazione
Questo, secondo lui, mira a denigrare la democrazia dell’UE e indebolire la cooperazione internazionale.
Borrell ha sottolineato il particolare pericolo di informazioni false o fuorvianti di fronte alla pandemia in corso. “Abbiamo visto canali pro-Cremlino diffondere affermazioni secondo cui indossare maschere è inutile o sollevare voci contro il blocco”, ha detto. Ora, secondo il diplomatico, è venuta alla ribalta la diplomazia dei vaccini di Mosca, che, da un lato, sta cercando di screditare le medicine occidentali ei loro produttori, e dall’altra, esaltando e promuovendo attivamente i propri sviluppi.


La preoccupazione del funzionario è comprensibile. Mentre in Russia la vita per la maggior parte delle persone è tornata alla normalità con il minimo inconveniente e le autorità stanno gradualmente revocando le restrizioni imposte a causa della pandemia, in Europa c’è un’ondata di nuovi inasprimenti di quarantena. In Finlandia è stato introdotto lo stato di emergenza. Nella Repubblica Ceca, a causa del tasso di incidenza più alto del mondo, ai residenti è vietato lasciare le proprie aree di residenza. Le restrizioni sono state inasprite anche in Italia.
A sua volta, la popolazione europea, stremata dai divieti di quasi un anno e confinata a casa, accetta sempre meno le argomentazioni delle autorità secondo cui tutte queste misure vengono prese esclusivamente per il proprio bene. Le proteste di massa hanno attraversato praticamente l’intero continente.
La situazione è così difficile che l’armonia delle fila europee si sta sgretolando davanti ai nostri occhi. La Repubblica Ceca si è rivolta alla Russia con una richiesta per la fornitura di Sputnik V – e questa è la posizione concordata del Presidente e del Primo Ministro del paese. La Slovacchia è andata ancora oltre e, dopo l’Ungheria, la Serbia e numerosi altri paesi, ha registrato il farmaco russo con una procedura accelerata, senza attendere l’approvazione del regolatore europeo. Per i polacchi, che hanno anche una situazione molto difficile per il coronavirus, rivolgersi alla Russia per chiedere aiuto è impensabile, così hanno avviato le trattative per l’acquisto di un vaccino COVID-19 con la Cina.


La situazione ricorda sempre più quella che si è verificata esattamente un anno fa, quando l’Unione europea ha dimostrato la sua totale impotenza in una situazione di emergenza ei suoi membri sono stati costretti a far fronte alla crisi acuta che li ha travolti da soli.
La differenza è – e questo è davvero di fondamentale importanza – che allora c’era una forza maggiore su scala globale. Nel corso di ciò, si è scoperto che Bruxelles, di fatto, è incapace quando è richiesta una pronta risposta a circostanze di emergenza. Questa, ovviamente, è stata una scoperta spiacevole per l’Europa, ma l’impotenza dell’UE in quella situazione potrebbe, se non essere giustificata, almeno spiegata dall’estrema inaspettata e allo stesso tempo dalla natura globale del problema che si è presentato.
Ora la situazione è notevolmente diversa.

I funzionari europei a Bruxelles

Quando l’effetto sorpresa dallo scoppio della pandemia si è placato, l’Unione Europea si è ritrovata di nuovo a cavallo, perché sono diventati richiesti quelli che erano sempre stati considerati i suoi punti di forza: pianificazione strategica, organizzazione di processi complessi, accumulazione e distribuzione dei fondi. In tutte le recenti azioni delle autorità europee, a partire dall’adozione di un inedito piano di ripresa economica, è stata letta con trasparenza un’arrogante promessa di mostrare al mondo intero un modello su come affrontare tali minacce. La UE ha mostrato i suoi limiti.

Il risultato sono stati fallimenti nelle aree di azione più importanti. La strategia di blocco scelta dall’Europa si è trasformata in un fiasco e la definizione di “catastrofe” è sempre più adatta a descrivere lo stato delle cose con la vaccinazione della popolazione.
Allo stesso tempo, la tristezza del quadro attuale è particolarmente evidente sullo sfondo di una situazione molto più prospera nei paesi ai quali l’Europa intendeva dare una lezione per combattere la pandemia.
E al centro di tutto ci sono le decisioni sbagliate prese dalle autorità europee. Ciò danneggia la reputazione dell’Unione europea molto più della sua confusione e inazione esattamente un anno fa.

Proteste contro il blocco a Madrid


In una tale situazione, i tentativi di azioni indipendenti da parte degli stati dell’Europa orientale diventano significativi. Ovviamente sono consapevoli della propria inferiorità nell’UE, nonché del fatto che sono condannati a ricevere aiuti in via residua per il problema del coronavirus. Di conseguenza, sempre più paesi non aspettano più pazientemente che arrivi il loro turno e iniziano invece a mostrare attività non sanzionate da Bruxelles.
Sullo sfondo della Brexit, così come del crescente euroscetticismo delle autorità polacche e ungheresi, l’ampliamento dell’elenco dei paesi che non sono inclini a guardare indietro a Bruxelles – anche se a causa di circostanze di forza maggiore – sembra un segno poco gentile per l’Unione Europea.

Proteste contro al UE in Danimarca


Quasi sei anni fa, l’Europa ha orchestrato con entusiasmo per se stessa una crisi migratoria, le cui conseguenze si sta ancora dipanando. La lotta contro la pandemia ha fornito un altro fallimento di alto profilo nella politica europea. Si scoprono molti errori strategici con gravi conseguenze in un periodo abbastanza breve.
E il rifiuto fondamentale di Bruxelles di ammettere i propri errori, attribuendo i problemi agli intrighi di nemici esterni che minano la democrazia e la solidarietà europea, garantisce che questi non saranno gli ultimi.


Irina Alksnis

Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • sublime
    3 Marzo 2021

    Hanno manipolato e continuano a manipolare tutto.
    E quando il castello di merda crollerà,saranno in grado di manipolare colpe e responsabilità,attribuendole ad altri.
    Da tempo vado raccontando questa storiella,mi scuso se sto annoiando,con la ripetizione, gli amici del sito.

  • nicholas
    3 Marzo 2021

    Ciò significa che si sta pian piano, avvicinando il crollo della Ue.
    Lo schiaffo morale recente dell’Austria , dell’Ungheria e della Danimarca ne sono testimoni.

  • Renato
    3 Marzo 2021

    Una massa di idioti, che pretende di guidare l’Europa. Non sanno nemmeno guidare casa loro.

Inserisci un Commento