Atterrato in Ucraina il primo contingente di truppe britanniche. La Russia mobilita i riservisti

Circa 10/12 ore fa sono sbarcati soldati britannici in Ucraina della 6a brigata aerotrasportata .proveniente dalla base di Brize Norton. Non ci sono dichiarazioni in proposito da Londra e da Kiev ma questo risulta conforme a quanto avvisato dalle dichiarazioni precedenti del governo britannico, quelle con cui si era capito che il governo di Londra intende organizzare una provocazione alla frontiera con la Russia.

Al momento questo è il solo aereo da trasporto britannico arrivatonell’aeroporto ucraino ma si può prevedere che ne arriveranno altri.
Gli esperti non scartano che si tratti di un trasferimento di truppe al Donbass e che a questo segua l’arrivo di una brigata di veicoli blindati provenienti dalla Germania.

La GB tiene 4 brigate miste pronte per il combattimento dislocate in Europa e in Germania e i britannici stanno trasferendo un notevole numero di mezzi e di armamenti attraverso il canale della Manica destinate in Germania. Le formazioni britanniche riceveranno molte nuove attrezzature e veicoli blindati come i tank Challenger con artiglieria e veicoli di sminamento, trasporto, ecc..
Dal Pentagono USA si è saputo che Washington intende consegnare all’Ucraina un numeri imprecisato di elicotteri d’attacco che in precedenza erano destinati ad un paese del Medio Oriente, per rafforzare le sue difese in caso di conflitto con la Russia. Forniture queste che si aggiungono a circa 2,5 miliardi di armamenti già stanziati a favore dell’Ucraina.

Da parte della Russia si è iniziata la mobilitazione ed il richiamo dei riservisti per la guerra del Donbass, convocati a a 250 km dalla frontiera ucraina presso il campo di addestramento di Pogonovo, regione di Voronezh. Nel frattempo il primo esercito della guardia di frontiera russa ha iniziato a concentrarsi per operazioni offensive e strategiche, questi saranno assieme alle unità separate del 49° quartiere generale e del 59° distretto militare del sud che hanno iniziato ad avanzare verso la zona di operazioni. Tali spostamenti si ricavano dagli osservatori e analisti di intelligence che hanno richiamato l’attenzione su una serie di video molto eloquenti dove si scorgono, nei pressi della stazione dei treni di Maslovka, in cui sono apparsi un numero imprecisato di veicolo BMP con artiglieria autopropulsata da 152 mm. e tank T-80U e si sa che questi appartengono alla IV divisione Kantemirovskaya che è stazionata permanentemente nella regione di Mosca.

Tuttavia l’apparizione di queste forze vicino a Veronezh è importante ma questo non significa necessariamente che tutto l’esercito di tank si sia mosso verso l’Ucraina, mentre tale movimento potrebbe essere un primo avvicinamento tattico ordinato dal comando russo.
In aggiunta è stato notato anche in altro video, realizzato presso la stazione di Michurinsk, Voronezh, in cui si è ripreso altro gruppo di veicoli di riconoscimento chimico PXM-6 e sistemi lanciafiamme pesante , Soltnsepek, trasportati nello stesso convoglio ferroviario.

Queste formazioni si muovono verso ovest e si presume che stiano avanzando sincronicamente verso la stessa zona del campo di addestramento e si può dedurre che gli è stata assegnata una missione di combattimento.
Tutto questo fa supporre che i russi si stiano preparando in caso di emergenza per lanciare una offensiva nell’eventualità di un attacco dell’esercito ucraniano sul Donbass e verso la frontiera russa.

Il Ministero della Difesa Russo non considera neppure necessario occultare lo spostamento di queste truppe ma queste sono l’ultima avvertenza all’Ucraina nel caso la dirigenza di Kiev voglia procedere nell’attacco. Il punto di non ritorno potrebbe essere già stato attraversato.
I giorni che vengono promettono di essere piuttosto cald
i.

Fonti Riservate

Traduzione e sintesi : Luciano Lago

12 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 12:26h, 28 Novembre Rispondi

    sono 3 potenze su tutte. Se 2 si mettono d’accordo la terza muore. Gli usa non possono tenere testa a Russia e Cina insieme, ciò vuol dire che se la nato è arrivata a fare la guerra direttamente alla Russia è perchè è in accordo con la Cina; anche perchè la Cina ha in mano tutta la produzione multinazionale del mondo intero. L’Europa non vuole una guerra alla Cina, non può volerla. E nemmeno le multinazionali ameri cane. I rapaci hanno deciso di mangiarsi la Russia intera. Una Russia cristiana ortodossa che con i suoi valori morali non accettava il NWO, nè di fare da schiava a nessuno. Ma non sarà per niente facile distruggerla. La nato perderà tanto e alla fine la Cina sarà l’unica a rimanere in piedi

  • Giggi251
    Inserito alle 13:02h, 28 Novembre Rispondi

    Ottimo. Significa che hanno rinunciato ad attaccare. Troppi siti parlano di legge marziale in Ucraina. I militari stranieri servono a questo. Vedrete che la popolazione ucraina piano piano guarderà alla Russia

  • Giorgio
    Inserito alle 14:27h, 28 Novembre Rispondi

    La Russia ha resistito :
    1 – all’attacco dei colonialisti inglesi che gli contendevano il dominio sull’Asia centrale e occupavano India, Pakistan ecc.
    2- all’attacco della Grand armè napoleonica forte di almeno 500 mila uomini ……..
    3 – all’attacco del terzo reich forte di un esercito con più 1 milione di soldati ……
    4 – resisterà all’attacco sia convenzionale che nucleare della Nato ……
    Impero inglese, armata napoleonica, terzo reich e nato …… accomunati dalla stessa sorte ……..

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 14:38h, 28 Novembre Rispondi

      sul terzo punto ci sarebbe parecchio da discutere

      • Giorgio
        Inserito alle 17:44h, 28 Novembre Rispondi

        Beh è indubbio che i russi hanno resistito all’attacco di un esercito poderoso ben armato e determinato …….
        rileggersi (bene) i resoconti storici della battaglia di Stalingrado è molto istruttivo a proposito …..
        Poi naturalmente gli anglo americani sono stati ben felici nel guardare la reciproca distruzione dei loro 2 principali e pericolosi nemici …..

        • Arditi, a difesa del confine
          Inserito alle 04:08h, 29 Novembre Rispondi

          ecco, appunto, omette che gli stati uniti supportarono pesantemente i sovietici a livelli di mezzi e non solo, questo perche’ tenere la Germania operativa su 2 fronti (3 considerato il Nord Africa) era troppo persino per uno stato che era diventato una poderosa macchina da guerra, ma che si trovava ad avere contro tutto il mondo.
          a parita’ di situazione persino gli yankee sarebbero caduti perche’ non si puo’ pensare di contrastare da soli 2 o 3 grandi potenze militari; certo, c’era l’Asse ma guardiamola nel dettaglio : Italia, impreparata ad affrontare il conflitto in termini di esperienza, uomini e mezzi, disastrosa campagna in Grecia (voluta da Ciano che osteggiava i tedeschi e avvallata dalle balle di Visconti Prasca riguardo l’effettiva operativita’ delle divisioni dislocate in Albania), le uniche cose buone si vedono in Nord Africa dove grazie al coraggio di reparti come la Folgore e la Decima MAS ottengono dei risultati, ma vengono annullati dalle spie in seno alla Regia Marina e dall’inspiegabile scelta di non occupare Malta che era la testa di ponte per gli alleati per colpire il Nord Africa prima e poi far partire lo sbarco in Sicilia.
          Parliamo poi del Giappone, che tutto fa tranne aiutare i suoi alleati visto che non solo non attacca i sovietici sul fronte orientale che avrebbe costretto Stalin a non concentrare tutte le sue forze, unita’, mezzi e uomini su Stalingrado, mossa che probabilmente ha deciso se non del tutto, pesantemente, le sorti non solo dell’operazione Barbarossa ma dell’intera 2GM, firma poi vigliaccamente un patto di non aggressione con gli stessi sovietici, che poi questi ultimi annulleranno bellamente l’8 di agosto, dichiarando guerra ad un Giappone ormai in ginocchio dopo la seconda bomba atomica.
          .
          ora a fronte di questa analisi dire che l’urss ha sconfitto la Germania mi pare un po’ azzardato, da sola non ce l’avrebbe mai fatta perche’ appunto se impegnata su due fronti come lo era la Germania difficilmente sarebbe arrivata a Berlino, anzi, probabilmente le armate della Wermacht e quelle nipponiche si sarebbero incontrate da qualche parte magari verso la Siberia, ed una Germania che poteva attingere alle risorse della Siberia e del Caucaso non so quanto sarebbe stata battibile, considerato che una volta eliminata l’urss rimanevano gli yankee che sabbero stati attaccati ad occidente dai giapponesi ed a oriente dai tedeschi

          • Giorgio
            Inserito alle 12:24h, 29 Novembre

            Concordo con la sua ricostruzione Arditi …… pienamente d’accordo ……….

  • giovanni
    Inserito alle 16:56h, 28 Novembre Rispondi

    la guerra? durerà si no mezz’ora: tempo che un paio di Kalibr con gittata di 2.800 km sparati dai sottomarini “fantasma” conosciuta ai più come “Improved Kilo” oancor meglio “Black Hole” (buco nero) arrivino a destinazione nei porti militari italiani e spagnoli oppure che un bell Iskander con mezz’oretta di volo atterri sopra il parlamento di Berlino……

  • Halak
    Inserito alle 20:05h, 28 Novembre Rispondi

    Per invadere l’Iraq, che era l’Iraq, gli americani ammassarono truppe e armi per mesi nei paesi limitrofi. Figuratevi per attaccare la Russia come ci si dovrebbe preparare. Un aereo pieno di truppe inglesi, sia pure d’elite, non cambia certamente nulla. Penso che non esista esercito al mondo in grado di sconfiggere la Russia in Ucraina, La questione è politica, non militare. Tutto quello che può succedere, è che gli americani convincano il governo di Kiev ad attaccare il Donbass costringendo i russi a reagire. Così creerebbero un nuovo problema ai confini della Russia, costringerebbero l’Europa a boicottare il gas russo, avrebbero il pretesto per nuove sanzioni. Il costo è quasi zero: il sangue ucraino e russo. Ma questo agli americani non fa certo dispiacere, Trovare il rimedio, è il problema di Putin.

  • Nicholas
    Inserito alle 21:09h, 28 Novembre Rispondi

    Intanto gli americcani hanno sobillato le isole Salomone. Proteste contro la Cina.

  • Idea3online
    Inserito alle 22:40h, 28 Novembre Rispondi

    E’ chiaro che la Russia ha la funzione di katéchon e resistenza, oltre che trattenere. Questa è la sua missione per il futuro, anche contro la sua volontà, perchè l’Anticristo durante il suo regno avrà solo avversari ed il Regno del Sud aiutato dai Kittim sarà un Regno a parte. Questa realtà non verrà mai accettata dall’Elite universale, obiettivo è unire, ma ormai è sotto gli occhi di tutti, è solo un Caos, ed lo spettacolo sarà quando la Profezia li sbranerà.. Ma la Russia non è una pecora, non è la fonte del bene, ma verrà utilizzata come martello, se non fosse così già Nimrod avrebbe distrutto l’umanità, ma grazie al Caos su Babele, per Ordine di Dio siamo arrivati al 2021, nuovo Caos su Babilonia?

  • Max Walyer
    Inserito alle 16:39h, 29 Novembre Rispondi

    Un orgia di cavolate. 1) Il Giappone aveva firmato il patto di non aggressione con l’URSS DOPO la batosta subita dall’esercito nipponico del Kwantung a Khalkhin Gol ad opera dei Sovietici nell’agosto del 1939. Ed inoltre era già pesantemente impegnato in Cina dal luglio 1937.. 2) gli aiuti americani della Legge Lend and Lease arrivarono perlopiù DOPO la decisiva battaglia per Mosca del dicembre 1941 e la conseguente vittoria sovietica. Ed in ogni caso non superarono mai in totale il 9-10% di quanto autonomamente prodotto dai Sovietici (con la significativa eccezione del consistente apporto di circa 300.000 autocarri)

Inserisci un Commento