Attacco su Gerusalemme. La resistenza palestinese vendica al-Quds. “Israele” reagisce e uccide 29 palestinesi, inclusi 9 bambini

Le forze della resistenza palestinese, le Brigate Ezzedin al-Qassam, il braccio militare di HAMAS, hanno risposto alle aggressioni israeliane con una pioggia di missili contro la città costiera di Ashkelon.

Almeno quattro israeliani uccisi è il bilancio di questa nuova offensiva. Il gruppo della Resistenza Palestinese ha avvertito le autorità israeliane che se gli attacchi alle case palestinesi continueranno, trasformerà la città di Ashkelon, nei territori occupati da Israele, in un “inferno” per i suoi abitanti.
Il regime israeliano ha risposto con una serie di bombardamenti indiscriminati sulla striscia di Gaza, attacchi che hanno prodotto 29 vittime fra i palestinesi fra cui 9 bambini.
La Sala Operativa Congiunta della resistenza, con sede a Gaza, un gruppo composto da diverse fazioni palestinesi, ha annunciato martedì che “è ora di regolare i conti con il regime israeliano” e gli occupanti devono pagare un prezzo alto per le loro aggressioni.
Secondo il testo, in risposta ai crimini degli israeliani contro i palestinesi nella città santa di Al-Quds (Gerusalemme), le forze della Resistenza hanno lanciato un’operazione chiamata ‘Sword of Al-Quds’ e, nel primo fase di questa, hanno lanciato razzi contro un veicolo israeliano nel nord di Gaza, così come su varie posizioni nemiche nei territori palestinesi occupati.
“Abbiamo fatto tutto il possibile per difendere il popolo palestinese e non lo lasceremo da solo in nessuna circostanza” , si legge nel comunicato, dove specifica anche i palestinesi, in particolare i residenti della città occupata di Al-Quds, che la Resistenza non abbandonerà mai.

Nelle ultime settimane, Al-Quds è stato teatro di proteste dei palestinesi contro le autorità israeliane per le restrizioni loro imposte all’accesso alla spianata della moschea di Al-Aqsa, nonché per la prevista espulsione delle famiglie palestinesi dal quartiere di Sheikh Yarrah .
Nel frattempo, diversi gruppi di resistenza palestinese, incluso il Movimento di resistenza islamica palestinese (HAMAS), hanno assicurato che difenderanno la moschea di Al-Aqsa e il quartiere di Shaikh Yarrah di Gerusalemme Est con tutti i mezzi e risponderanno a qualsiasi aggressione sionista .


Le autorità israeliane avevano sparato e lanciato granate assordanti all’interno della Moschea di Al Aqsa contro i fedeli e questo ha provocato indignazione non solo in Palestina ma anche in tutti i paesi mussulmani.
La rivolta palestinese è ancora in corso.
Il governi di Netanyahu ha proclamato la mobilitazione di tutte le sue forze militari.

Fonti: Hispan Tv – Al Manar

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

21 Commenti
  • Anonimo
    Inserito alle 09:41h, 11 Maggio Rispondi

    Direi che i palestinesi di hamnan fanno proprio come i partigiano italiani.. tirano il sasso,, nascondono la mano ed a pagare sono gli altri. E voi li sostenete! Dovreste vergognarvi! E vergognatevi anche della foto .. che gente che manda bambini a tirare sassi contro un carro armato è criminale, oltre che figlio di puttana

    • Redazione
      Inserito alle 21:26h, 11 Maggio Rispondi

      Noi siamo dalla parte degli oppressi e delle vittime, lei evidentemente è dalla parte di quelli che con i carri armati e con i cacciabombardieri masacrano i bambini. Complimenti!

      Luciano Lago

    • Monk
      Inserito alle 22:50h, 11 Maggio Rispondi

      E’ decisamente ‘democratica’ la seguente dichiarazione dell’ex premier israeliano Ariel Sharon,
      rilasciata alla stampa europea: “Non c’è Stato ebraico senza la cacciata dei palestinesi e
      l’espropriazione della loro terra.”

      • Hannibal7
        Inserito alle 23:11h, 11 Maggio Rispondi

        Ma ziofa’…..questa è un’autentica dichiarazione di guerra…almeno una mezza cosa giusta l’ha detta…e cioè che quella È TERRA DEI PALESTINESI
        Saluti né egregio

    • Hannibal7
      Inserito alle 23:03h, 11 Maggio Rispondi

      Ma sei amico di Salvini tu?????
      Oltre a vedere cose che non esistono, infatti in questo articolo non c’è nessuna foto di nessun bambino, hai scritto delle puttanate immani
      Probabilmente devi essere un sionista del cazzo pure tu!!!
      Da quando frequento questo sito non mi ero MAI e dico MAI permesso di offendere qualcuno…..e mi sono SEMPRE rivolto agli altri dando minimo del LEI…..ma con te DEVO fare un’eccezione perché sicuramente al posto del cervello avrai un pezzo di merda…

      • atlas
        Inserito alle 02:19h, 12 Maggio Rispondi

        sì però sui fratelli salafiti di hamas non ha scritto una cosa sbagliata. 300 razzi e non colpisci nulla ? Non fai nemmeno un morto ? Ed è una storia che continua a ripetersi. Dai, c’è qualcosa che non va. E cmq di tutto quello spreco dovrai dare conto … chi te li da non te li da aggratis

  • Giorgio
    Inserito alle 09:50h, 11 Maggio Rispondi

    Devono pagare caro ……. devono pagare tutto …… il loro pseudo-stato deve essere distrutto ……
    Solidarietà al popolo palestinese e a tutti i popoli che resistono all’imperialismo anglo sionista …..

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 10:14h, 11 Maggio Rispondi

    Forse, badate bene, forse, gli occupatori illegali ebrei della Palestina stanno per entrare in una fase del conflitto in cui subiranno – finalmente! – morte e devastazione.
    Uno stato permanente di guerra indebolirebbe il cosiddetto israele e seminerebbe caos al suo interno.
    Ecco che un importante “bastione” occuidentaloide subirebbe danni forse irreversibili …
    E’ ovviamente soltanto una possibilità e anche una speranza …

    Cari saluti

  • kamikazaki
    Inserito alle 10:17h, 11 Maggio Rispondi

    I diritti nel mondo sono dettati da sacre leggi e da eletti. Uccidere i palestinesi è un diritto, come lo è occuparsi dei diritti degli Uiguri in Cina.

    • giorgio
      Inserito alle 08:29h, 12 Maggio Rispondi

      Un altro provocatore oltranzista pro suprematismo ebraico ……
      Cosa devo sentire ……. se uccidere un palestinese è un diritto ………. allora uccidere un sionista è un dovere categorico per ogni essere umano pensante ……

  • re taggio
    Inserito alle 10:22h, 11 Maggio Rispondi

    Per capire molto della politica sionista basta digitare su youtube “bambini palestinesi uccisi da israele” e ritrovarsi come primo risultato un video di 5 anni fa!

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 14:44h, 11 Maggio Rispondi

    Il problema è che fin tanto che si elimineranno tre o quattro ebrei con un pugno di missili non si andrà da nessuna parte.
    Per tale motivo, le Potenze Libere Iran, Russia, Cina, dati i loro enormi mezzi, dovrebbero armare fino ai denti tutti i gruppi palestinesi combattenti, dotandoli di migliaia di missili da scaricare sugli ebrei …

    Cari saluti

    • Mardunolbo
      Inserito alle 19:18h, 11 Maggio Rispondi

      concordo, E.O. , ma la politica di Russia mira al “contenimento” mentre la Cina pensa ai danè che si fanno anche e specialmente coi giudei askenazi, ovvero quelli non semiti ma kazari. A cosa può pensare uno stato che disprezza ogni religione ? A FAR SOLDI !

    • atlas
      Inserito alle 02:24h, 12 Maggio Rispondi

      Eugenio, i palestinesi non sono tutti angeli che camminano sulla terra: sono dispersi in tanti gruppi. Hamas ad es. è stato creato dai giudei contro l’OLP. Io sto con l’OLP. Da sempre

  • mario
    Inserito alle 14:59h, 11 Maggio Rispondi

    la calma la pacatezza la ragione devono essere messi da parte ………quando vengono uccisi dei bambini
    delle mamme dei civili innocenti…………………………
    ebrei schifosi luridi assassini ladri …………. siete degli animali………………………..
    fino a quando ci sara” un solo ebreo vivo sul pianeta saremo tutti in pericolo
    W PALESTINA UN POPOLO DI EROI……………………………………………….

    • Hannibal7
      Inserito alle 23:14h, 11 Maggio Rispondi

      Condivido l’intero commento puntini compresi….

  • Teoclimeno
    Inserito alle 21:05h, 11 Maggio Rispondi

    La “pioggia di missili contro la città costiera di Ashkelon” è l’unica pioggia che mi mette di buon umore.

  • Anonimo
    Inserito alle 00:51h, 12 Maggio Rispondi

    Israele,e’ l’unico paese al mondo che.pratica la tortura sui bambini.E’ legalizzata…Non hanno mai riconosciuto il genocidio del popolo Armeno, loro che hanno subito la Shoa’ …Paradosso logico,mentale e dialettico..Perche’?

  • Giorgio
    Inserito alle 08:32h, 12 Maggio Rispondi

    Non riconoscono il genocidio Armeno forse perchè non hanno subito la Shoa come ci raccontano ….. o almeno l’hanno subita in modo diciamo “dimezzato” altrimenti non sarebbero ancora qua ….. e dei sionisti si parlerebbe come di una etnia estinta …..

  • ANDREAROSSI DE OERGNA'
    Inserito alle 14:23h, 12 Maggio Rispondi

    in effetti anche l’Iran e’ un po’ strano… ricordo che vidi una foto di MahmoudAhmadinejad(negazionista di olocausto) mentre faceva presunto gesto massonico… ovviamente poteva anche essere un fotomontaggio… DidSixMillionReallyDie? forse Ahmadinejad e’ convinto che in totale siano morti 300.000ebrei principalmente a causa di tifo… persone come KAMIKAZAKI, semplicemente, nella vita, non hanno conosciuto l’amore? forse non ha conosciuto una giusta? in generale, paradossalmente, tutto cio’ che e’ ‘odio’, lo combatteremo ‘amando’, piuttosto che odiando l”odio'(aggiungendo odio su odio)?

  • Teoclimeno
    Inserito alle 21:32h, 12 Maggio Rispondi

    Egregi Signori ANONIMO e GIORGIO, gli ebrei non riconoscono il genocidio degli armeni, per il semplice motivo che Mustafa Kemal Atatürk, che era a capo dei Giovani Turchi, e che condusse la guerra e lo sterminio degli armeni, era un ebreo. Per quanto riguarda invece la Shoa è un falso storico a cui non crede più nessuno. Dello stermino di 6 milioni di ebrei moltissimi giornali, fra cui il New York Times, ne parlavano già decenni prima. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

Inserisci un Commento