Attacco saudita contro un affollato mercato yemenita lascia sul terreno 17 civili uccisi

Almeno 17 persone, per lo più rifugiati africani, sono morte in un attacco di artiglieria dall’Arabia Saudita contro un mercato affollato nel nord dello Yemen.

Martedì il regime saudita ha lanciato un attacco di artiglieria e missilistico contro il bazar di Al-Raqu nella città di Manba, situata nella provincia settentrionale e al confine di Saada, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa yemenita Saba , Tra le vittime, 12 erano migranti africani.

Il rapporto, citando fonti ufficiali, rileva che questa violenta aggressione ha lasciato anche decine di feriti, compresi i bambini. Il Ministero della salute dello Yemen, nel frattempo, ha affermato che i decessi potrebbero aumentare a causa della grave condizione sanitaria di numerosi feriti.

Allo stesso modo, il portavoce yemenita ha condannato “il silenzio continuo” delle organizzazioni internazionali, guidate dalle Nazioni Unite, di fronte ai crimini commessi dall’Arabia Saudita e dai suoi alleati regionali nello Yemen. Si calcola che per lo meno 1.000 bambini yemeniti muoiano ogni giorno a seguito dei bombardamenti o della carestia determinata dal blocco a cui lo Yemen è stato sottoposto da Arabia Saudita, USA e i loro alleati.

Soccorso a feriti nello Yemen bombardato dai sauditi

A sua volta, il Ministero dei diritti umani yemenita ha ritenuto che questo attacco si aggiunge ai crimini atroci commessi dalla monarchia dei Saud e dai suoi alleati in una “chiara sfida ai principi dei diritti umani”.

“ Sebbene esistano principi di diritto internazionale a tutela dei diritti umani, nonché risoluzioni e convenzioni internazionali che chiedono di proteggere gli esseri umani dai crimini di guerra, la comunità internazionale è rimasta in silenzio contro le violazioni della coalizione saudita dal primo giorno dell’aggressione , il 26 marzo 2015 ”, lamenta una dichiarazione del suddetto ministero yemenita, raccolta dalla Saba. Rijad ha acquistato con i suoi petroldollari il silenzio internazionale sui crimini commessi nel corso dell’aggressione commesa ai danni dello Yemen.

Questo spiega il silenzio inspiegabile dei media internazionali sulle vicende di questo conflitto e sui crimini commessi dall’Arabia Saudita nel corso dell’aggressione attuata contro il più povero dei paesi arabi della regione.


Famiglia annientata nello Yemen

La nota insiste anche sulla formazione di comitati “imparziali” per indagare sui crimini perpetrati dall’alleanza di Riyadh in Yemen e sollecita i paesi del mondo a prendere una posizione seria per porre fine alle violente aggressioni contro lo Stato più povero del mondo arabo.

Senza tenere conto degli avvertimenti delle autorità yemenite e delle organizzazioni per i diritti umani sulla situazione umanitaria critica nello Yemen, il regime di Al Saud ha intensificato le sue brutali offensive contro questo paese, che finora ha ucciso oltre 100.000 persone .

Un rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) stima che, se la guerra non dovesse cessare, il bilancio delle vittime potrebbe raggiungere le 500.000 entro la fine del 2020.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code