Attacco di Londra: i terroristi occidentali mordono la mano che li nutre (di nuovo)

di Tony Cartalucci (*)

L’ultimo incidente a Londra è stato così del tutto prevenibile che è difficile descriverlo come qualcosa di meno che deliberato.

In un altro attacco terroristico che ha attirato i titoli dei media – un uomo armato nel sud di Londra ha lasciato diversi feriti – alcuni seriamente – con il sospetto ucciso sulla scena dalla polizia.

Completamente prevedibile era il fatto che il sospettato di nome Sudesh Amman – era un noto terrorista – essendo stato precedentemente arrestato, processato e imprigionato per reati legati al terrorismo, soltanto per essere poi inspiegabilmente rilasciato presto.

Il London Telegraph nel suo articolo, “Il cavaliere dell’attacco di Streatham nominato come Sudesh Amman che aveva una precedente condanna del terrore “, riferirebbe riguardo alla sua precedente convinzione che:

Alexis Boon, allora capo del Metropolitan Police Counter Terrorism Command, ha dichiarato al momento della sua cattura che Amman aveva un “feroce interesse per la violenza e il martirio”.

Foreign Fighters europei

Ha spiegato: “Il suo fascino per la morte in nome del terrorismo era evidente in un blocco note che abbiamo recuperato da casa sua. Amman aveva scarabocchiato i suoi “obiettivi di vita” nel blocco note e in cima alla lista, al di sopra delle attività familiari, stava morendo un martire e stava andando a “Jannah”, l’aldilà.

Anche prevedibile era il fatto che questo noto terrorista avrebbe minacciato ancora una volta il pubblico – essendo solo l’esempio più recente di una serie di attacchi terroristici che hanno attirato l’attenzione di persone similari, analogamente conosciuti dalla polizia e dalle organizzazioni di intelligence, ma altrimenti inspiegabilmente autorizzati a minacciare il pubblico.

Anche i principali attacchi terroristici in Francia e Belgio sono stati effettuati da sospetti del tutto noti alla polizia locale e alle organizzazioni di intelligence regionali.

Non solo questi sospetti sono noti alle autorità occidentali, ma sono anche affiliati alle organizzazioni terroristiche sponsorizzate dall’Occidente, in particolare Al Qaeda, i suoi vari franchisee e il cosiddetto Stato islamico in Iraq e Siria (ISIS) che hanno da quasi un decennio servìzio come delegati nelle guerre di cambio di regime progettate dall’Occidente contro la Libia, la Siria, l’Iraq, lo Yemen, l’Iran e altre.

L’ultimo incidente a Londra è stato così del tutto prevenibile che è difficile descriverlo come qualcosa di meno che deliberato.

È solo una questione di tempo prima che i politici inizino a girare e sfruttare l’incidente – utilizzandolo per modellare la politica sia straniera che domestica – consentendo agli analisti di capire meglio perché un simile atto di violenza del tutto prevenibile sia stato comunque consentito.

Attacchi dei terroristi a Parigi

Da Londra a Parigi: il terrore perpetuato dell’Occidente

Come visto in quasi tutti gli attacchi terroristici negli ultimi anni sia in Europa che in Nord America, inclusi incidenti di alto profilo come lo “l’attacco di Charlie Hebdo ” e l’attacco di Garland, Texas , i presunti sospetti hanno tutti un filo conduttore: erano già tutti elementi sotto sorveglianza da anni da parte delle agenzie di sicurezza, alcuni addirittura incarcerati una o più volte per reati connessi al terrorismo e / o altri violenti, altri addirittura viaggiando all’estero per combattere al fianco di terroristi sostenuti dall’Occidente in Libia, Siria, Iraq, Yemen e oltre.

Il Guardian in un articolo intitolato “La Francia approva una nuova legge di sorveglianza in seguito all’attacco di Charlie Hebdo “, ha ammesso poi che solo il governo francese aveva sorvegliato oltre 1.400 persone, tra cui centinaia di terroristi che sono recentemente tornati dai combattimenti a fianco dei terroristi appoggiati dall’Occidente in Siria, Iraq e Yemen.

Tra questi potenziali rischi monitorati c’erano infatti i sospetti dietro la “sparatoria di Charlie Hebdo”.

La rivista Slate avrebbe riportato nel loro articolo, ” I dettagli del sospetto di Parigi sulla condanna del terrorismo di Cherif Kouachi nel 2008 “, quanto segue:

Kouachi è stato arrestato nel gennaio 2005, accusato di aver pianificato di unirsi ai jihadisti in Iraq. Si diceva che fosse caduto sotto il dominio di Farid Benyettou, un giovane “predicatore autodidatta” che sosteneva la violenza, ma in realtà non aveva ancora viaggiato in Iraq o commesso alcun atto di terrore. A quel tempo gli avvocati affermarono che lui non aveva ricevuto addestramento sulle armi e di “aver iniziato a ripensarci”, arrivando al punto di esprimere “sollievo” da essere arrestato.

Secondo quanto riferito, Kourachi e suo fratello avrebbero viaggiato in Medio Oriente per ricevere addestramento da Al Qaeda, quindi per aver combattuto in Siria in una guerra sostenuta in parte dalla Francia , prima di tornare a casa e portare a termine il loro raccapricciante attacco terroristico, il tutto pur essendo seguito dall’intelligence francese.

Se in precedenza Kouachi poteva essere arrestato per “associazione con trasgressori con l’intenzione di commettere un atto terroristico”, perché non è stato immediatamente arrestato al suo ritorno in Francia per aver successivamente ricevuto e assunto addestramento militare da un’organizzazione terroristica?

La CNN avrebbe riferito, in un articolo intitolato “La Francia dice di un sospetto degli Stati Uniti di Parigi, addestrato con al Qaeda nello Yemen “, che:

Funzionari dell’intelligence occidentale si stanno arrampicando per saperne di più sul possibile viaggio dei due sospetti dell’attacco terroristico di Parigi, i fratelli Said e Cherif Kouachi, con nuove informazioni che suggeriscono che uno dei fratelli ha recentemente trascorso del tempo in Yemen associandosi con al Qaeda in quel paese, i funzionari statunitensi hanno informato la questione ha detto alla CNN. Ulteriori informazioni da una fonte francese vicino ai servizi di sicurezza francesi collocano uno dei fratelli in Siria.

Il problema che ha portato alla “sparatoria di Charlie Hebdo” – o qualsiasi attacco di alto profilo da allora – non era chiaramente una mancanza di intelligence o sorveglianza.

Le agenzie di sicurezza francesi hanno quindi più che adeguatamente identificato gli autori degli “spari di Charlie Hebdo” come potenziali minacce e li hanno rintracciati per anni prima. Più recentemente, le autorità britanniche erano più che ben consapevoli del pericolo che Sudesh Amman rappresentava per la società.

Il problema è invece quello che sembra essere uno sforzo deliberato per mantenere in circolazione questi terroristi che vagano liberamente nella società. Liberi di unirsi alle forze mercenarie sostenute dall’Occidente all’estero per combattere nelle varie guerre per procura occidentali e liberi di commettere atroci atti di terrore in patria, in entrambi i casi al servizio dell’agenda riservata dell’espansione dell’egemonia USA/occidentale all’estero, preservando il primato di determinati interessi speciali in patria attraverso i quali dividere e conquistare la scena politica e l’uso della paura come arma politica.

Qualunque sia la parte della divisione politica che il pubblico si trova a proposito del terrorismo in patria e delle infinite guerre all’estero dell’Occidente, ci dovrebbe essere un terreno comune su cui tutti possono incontrarsi per quanto riguarda la negligenza e l’incompetenza imperdonabile o gli sforzi deliberatamente ugualmente imperdonabili per perpetuare una mortale minaccia terrorista .

In entrambi i casi, vengono sfruttati attacchi come quelli in Francia e in Belgio o questo evento più recente nel Regno Unito, usato per paralizzare il pubblico con la paura e costringere ad accettare crescenti vincoli alla loro libertà a casa e ad aumentare le spese in sangue e tesori per le guerre all’estero.

I terroristi sono davvero una minaccia per la pace e la stabilità della società. Lo stesso vale per quegli interessi che li perpetuano sostenendoli attivamente o permettendo loro passivamente di compiere violenza.
Relativamente al governo britannico – questo è colpevole di entrambi – e nel caso di questo recente attacco a Londra – non importa davvero se si trattasse di negligenza della polizia o un atto deliberato di violenza facilitato di nascosto dallo stato – ma avrebbe potuto e dovuto essere prevenuto. Ora il pubblico deve chiedersi perché non ci sia stata la prevenzione.

https://journal-neo.org/2020/02/12/london-attack-wests-terrorists-bite-the-hand-that-feeds-again/

*Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore geopolitico di Bangkok, in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook” .

Traduzione: Luciano Lago

2 Commenti

  • Sed Vaste
    13 Febbraio 2020

    Ma quante volte mi tocchera’ ripeterlo che ci stanno gli Ebrei dietro a tutto digitate” ken o’keefe ebrei sub ita” ve lo dice un Experto militare ! piu di cosi !!! e poi intanto che ci siete fate leggere a quella vetusta vecchietta bugiarda Della segre che va in giro ovunque a ripetere come un disco rotto le sue fantasie i suoi deliri sulle camere a gas che ha visto solo lei e altri ebrei bugiardi che per tornaconto personals sarebbero capaci di dire di aver visto anche gli UFO in Sogno digitate” I Biugiardi Della Shoah ” non l’ho letto ma mi piace il titolo questo invece l’ho letto digitate”ero un bimbo nel lager di Auschwitz SMASCHERATO falso sopravvissuto ” girano a MIGLIAIA per le scuole DI tutto il mondo per mentire per fare soldi e per fare il lavaggio del Cervello ai Giovani :! Vergogna !

  • Woland
    13 Febbraio 2020

    Non è esatto dire che i terroristi allevati dall’occidente mrdono la mano che li ha nutriti: è un pochino (ma molto poco) più complesso.
    E cioè: i terroristi allevati dai vari paesi occidentali vengono manovrati dai servizi per far mordere la mano al vicino che vogliono punire.
    Ad esempio una punizione per la brexit…

Inserisci un Commento

*

code