Attacco Crocus: una dichiarazione di guerra “ufficiale” dell’Occidente contro il popolo russo?

dal professor Red Outsider

Sfortunatamente, a questo punto, non importa nemmeno se sia stato Biden stesso o i suoi burattinai a firmare questo attacco, o se dietro le quinte si tratti di una cabala del Deep State all’interno del governo degli Stati Uniti che intende fomentare la guerra e scuotere le cose, o se è stata semplicemente quella vile feccia di Budanov (capo dei servizi intelligence ucraini) ad aver perpetrato tutto ciò di propria iniziativa. In definitiva, tutto indica che Washington è responsabile dell’istigazione o dell’orchestrazione totale dell’atto terroristico. Questo è vero terrorismo di Stato, un chiaro casus belli se fosse ammesso pubblicamente.

Il parametro più importante, che ancora sfugge ai calcoli della maggior parte dei funzionari occidentali, è il popolo russo. Non importa quello che Putin o i funzionari russi potrebbero voler dire o fare, il fatto è che i russi non sono animali senza cervello e hanno una propria opinione pubblica, e questo attacco costituisce un altro potente argomento per presentare l’Occidente come apertamente e brutalmente ostile alla Russia: quali siano le lacrime di coccodrillo ufficiali concordate, tutte le versioni plausibili di questa operazione (ignoriamo le stupide stronzate secondo cui ” i russi stanno solo bombardando o stanno uccidendosi” per scopi di pubbliche relazioni! ” che viene tirata fuori ogni volta dal 2014 , e anche prima, quando i terroristi caucasici appoggiati dagli Stati Uniti e dal Regno Unito facevano esplodere bombe in Russia negli anni ’90) si riferiscono all’Occidente, e questo è in ogni caso quello che i russi capiscono.

In questo senso, questa azione viene interpretata come una dichiarazione di guerra “ufficiale” non verbale e molto viscerale da parte dell’Occidente contro il popolo russo. Un’atrocità pubblica deliberatamente visibile e dimostrativa che non ha altro obiettivo se non quello di danneggiare i russi.

Terroristi arrestati

Tuttavia, questa azione porterà a una risposta molto russa: non esplosioni irrazionali e immediate di violenza casuale, come i pianificatori occidentali sembrano sempre aspettarsi, ma una furiosa intensificazione della determinazione a vedere questo conflitto continuare fino alla sua amara fine e a vedere i corpi di coloro che vi si trovano, i responsabili dell’organizzazione dell’intero conflitto, oscillare nel vento. Questo non squilibrerà i russi, ma li rafforzerà nel loro rifiuto di intraprendere percorsi tortuosi o soluzioni “approssimative” fino a quando non sarà stata data vendetta alle forze che portano avanti questa campagna di terrorismo di stato – e i russi ritengono che le autorità di Kiev non siano altro che mercenari che eseguono la volontà di Washington in questa materia, nonostante tutti i tentativi di smentita del tipo “non siamo noi, sono loro” da parte di questi ultimi.

Ripeto, la volontà di Putin e del governo russo non è nulla in confronto alla volontà del popolo russo stesso – e questo è arrabbiato, ma non con una reazione emotiva passeggera, ma con la fredda furia di una persona che cerca la verità e la definitiva vendetta. I funzionari russi non avranno altra scelta che aderirvi, e la loro stessa popolarità dipenderà dal fatto che vi aderiranno.

Aggiornamento: Dalle indagini e dagli interrogatori delle forze di sicurezza risulta che tutti e quattro i terroristi sono stati addestrati in uno dei campi in Turchia, precisamente vicino Istanbul. Osserva che i terroristi sono stati addestrati a Istanbul per due mesi. Uno di loro ha pubblicato sue foto da Instanbul in Febbraio. La Turchia è un paese della Nato e ospita campi di addestramento per terroristi? (Fonte: Top War)

Fonte: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

15 commenti su “Attacco Crocus: una dichiarazione di guerra “ufficiale” dell’Occidente contro il popolo russo?

  1. Io la chiamerei una ennesima provocazione dell’ Occidente Satanista verso la Madre Russia cristiana. Fossi al posto dei generali russi spedirei un kinzal negli uffici della CIA. Un altro direttamente a casa della Nuland in un giorno di festa…

  2. e questi vermi sarebbero Jiaidhisti o guerrieri islamici???? Non si sono nemmeno fatti esplodere e non hanno resistito alla cattura…..adesso collaboreranno completamente e confesseranno di tutto e di più, e ci faremo delle (amare) risate…. il duplice scopo di questo attentato era di terrorizzare l’opinione pubblica russa ma ancora di più aprire un nuovo focolaio di guerra contro gli Stati eurasiatici e islamici, ma gli si ritorcerà contro……

  3. Beh, il fatto che i terroristi siano stati addestrati in Turchia non ha molta rilevanza, e di sicuro,se anche fosse, non con l’approvazione del governo.Ne sono convinto. Erdogan avrebbe troppo da perdere, e poi bisogna assolutamente considerare i curdi che sono enormemente sospetti di essere coinvolti nell’addestramento dei quattro, e nemici giurati del governo Turco. Penso invece che la faccenda sia stata preparata con cura dagli ucraini con l’illuminante consulenza anglosassone e probabilmente israeliana vista la recente aggressività contro Mosca. Fondamentalmente credo che loro sapessero e,naturalmente insieme agli americani,che non mancano mai, abbiano orchestrato tutto. Punto e basta. Chi altri poteva avere interesse ad un’azione simile? Parliamoci chiaro, l’esercito russo avanza come un rullo compressore,Putin stravince le elezioni, tutte le aspettative occidentali morte, finite nel cesso. Cos’altro resta ai nemici della Russia? Far finta di mandare ad Odessa un contingente insignificante? Atti disperati di terrorismo pur sapendo che questo non cambierà una virgola riguardo all’esito guerra? Esatto!

  4. Riflessione, è un secolo che l’Europa combatte la russia adesso siamo alla resa dei conti uno deve vincere, faccio appello al presidente francese macron affinché passi alla storia, l’Europa parla inglese, vogliamo che proponga e faccia approvare dal consiglio europeo la lingua francese lingua dell’Unione europea renderà grande la Francia è l’Europa è lui sarà un grande uomo politico.

  5. Da qualche tempo ci sono settori dello stesso partito di cui fa parte anche Putin, Russia Unita, il Partito Comunista della Federazione Russa che rappresenta il maggior partito dell’opposizione (legale), parte significativa della popolazione della Federazione e ampi settori dell’Armata che chiedono al Cremlino un atteggiamento più duro nei confronti del cosiddetto occidente collettivo (si legga impero del male) e una minor “delicatezza” nel condurre le operazioni militari contro gli ukronazi di kiev e leopoli, il suo braccio armato in Europa.

    Queste pressioni ora dovrebbero trovare conforto nella necessità del Cremlino di dare una risposta adeguata agli organizzatori dell’atto terroristico a Mosca – coperti mediaticamente e propagandisticamente dal fantomatico “brand” isis-K, utilissimo per le “false flag” – soltanto che la risposta sarà data non d’impulso, con la probabilità di commettere errori o di fornire un pretesto per l’intervento nato in ukraina, come vorrebbero gli organizzatori, ma sarà una risposta durissima ed efficace, anche se non immediata.

    Cari saluti

  6. L’ articolo dice una cosa molto vera e molto russa. Saranno ancora più uniti, freddi e determinati. E’ il loro DNA. Gl’ ‘ americani nazisti non hanno mai avuto a che fare direttamente contro di loro, e nella loro infinita arroganza di vaccari presuntuosi non lo sanno e lo sottovalutano totalmente. Grave errore, letale. Per quanti riguarda i terroristi ormai è palese che nulla hanno a che fare con gl’ estremisti islamici, per vari motivi. Indicano DIO con la sinistra impura, hanno accettato ricompense pecuniarie, non si sono immolato al martirio. La matrice è indubbiamente ucro-usa. Infine non concordo ritenere irrilevante il fatto che sono stati addestrati in un paese NATO. Anzi altra prova che dietro le quinte c’ è la regia dei sionisti di Washington!

  7. L’impero del Male non fa mai le provocazioni a caso, gli attentati a caso, il caso per questi assassini non esiste, si sono autoprocurati l’11 settembre 2001 dove sono morte persone per loro totalmente insignificanti, non l’hanno fatto a caso, tutto è pianificato, tutto segue un progetto preciso, ecco, bisogna mandare all’aria quel “progetto”, solo questo li indispetterà totalmente, quindi nessuna risposta russa che il mondo si aspetta, chi se ne frega dei nostri bisogni scaricati su altri, no? Quindi nessuna risposta giusta ad un simile crimine, bisogna invece capire il “progetto” e sabotarlo, ignorare la provocazione e andare al punto, parlare chiaramente dell’intento dell’impero del Male, dei suoi progetti, dei suoi obiettivi, e di cosa costerà a noi occidentali la fame di potere dei nostri padroni, dai oggi e dai domani la gente capirà, specie se si tratta di “pagare”… Certo si può dire “faremo quello che deve essere fatto, punire i colpevoli”, ci mancherebbe, ma non deve essere per niente questo l’obiettivo! L’obirttivo è uno solo : non fare assolutamente ciò che “loro” si aspettano la Russia faccia! Confido molto sull’intelligenza di Putin e di tutto il suo enturage, come qui ha scritto qualcuno, calma e gesso come si dice dalle mie parti. Calma e pazienza… L’importante è non cadere nei loro tranelli che tanto sono sempre gli stessi, non è poi nemmeno difficile capirli se li vedo io stando solo sul divano di casa e guardare cosa dice la tv dove la prima parola è vera, il titolo è vero, poi trasformano tutto in menzogne, semplicissimo. Per una misteriosa legge che sta sopra il genere umano, ogni potere deve dire la verità, ne è costretto, ma subito dopo averla detta ecco che per la sua necessità personale è costretto poi a trasformarla per rendere credibile la sua menzogna. Qaui è in ballo il futuro dell’intera umanità, Dio è con la Russia, ne sono certissima, non il Dio degli ebrei, quello era solo un Elohim, io intendo quello vero… Perché Dio esiste? Una domanda fondamentale, direi. Mettiamo che non esista, IO esisto e Dio no? Apperò… Se IO esisto e Dio no direi che vuole dire solo una cosa, e cioè che IO sono Dio, no? Dio ESISTE e non opera perchè è buono o cattivo, opera per l’equilibrio, tutto quello che crea squilibrio non può durare, è una legge sopra tutte le cose…

  8. L’impero del Male non fa mai le provocazioni a caso, gli attentati a caso, il caso per questi assassini non esiste, si sono autoprocurati l’11 settembre 2001 dove sono morte persone per loro totalmente insignificanti, non l’hanno fatto a caso, tutto è pianificato, tutto segue un progetto preciso, ecco, bisogna mandare all’aria quel “progetto”, solo questo li indispetterà totalmente, quindi nessuna risposta russa che il mondo si aspetta, chi se ne frega dei nostri bisogni scaricati su altri, no? Quindi nessuna risposta giusta e logica ad un simile crimine, bisogna invece capire il “progetto” e sabotarlo, ignorare la provocazione e andare al punto, parlare chiaramente dell’intento dell’impero del Male, dei suoi progetti, dei suoi obiettivi, e di cosa costerà a noi occidentali la fame di potere dei nostri padroni, dai oggi e dai domani la gente capirà. Certo si può dire “faremo quello che deve essere fatto, puniremo i colpevoli”, ci mancherebbe, ma non deve essere per niente questo l’obiettivo! L’obiettivo è uno solo : non fare assolutamente ciò che “loro” si aspettano la Russia faccia! Confido molto sull’intelligenza di Putin e di tutto il suo enturage, come qui ha scritto qualcuno, calma e gesso come si dice dalle mie parti. Calma e pazienza… L’importante è non cadere nei loro tranelli che tanto sono sempre gli stessi, non è poi nemmeno difficile capirli, la prima parola è vera, poi trasformano tutto in menzogne.

  9. È come scoprire l’acqua fredda che in Turchia ,anche ad Istanbul, si indottrina e si radicalizzi.A Toronto ,perfettamente legali ,ci sono decine di Moschee e centri culturali interamente pagati dal governo turco.Io ,vivendo li, ci passo per lavoro.Non è una novità. Devono farli confessare e sopratutto , devono dire chi erano i complici in Ucraina.L’unica cosa che mi consola è che la società russa non li sostiene.

  10. Le osservazioni di Eugenio Orso mi sembrano pertinenti e permettono di dare un riscontro all’interno della rappresentanza politica e.della società russa delle stesse domande che, più modestamente, si pongono coloro che, qui in Occidente, assistono a uno scontro i cui termini non sono tutti del tutto chiari. La prudenza necessaria può essere interpretata come un segno di debolezza e di passività, di mancanza di iniziativa o di incapacità di analisi e di decisione da parte russa: e portare a provocazioni maggiori, col rischio che la prudenza porti alle conseguenze che si volevano scongiurare. Non senza creare fratture nella dirigenza politica e militare e nella società russa: uno scenario che ogni persona che ha a cuore le sorti del mondo e della pace, in gioco specialmente in questa guerra, non può che paventare.
    L’auspicio, per paradossale che sia, è che la Russia rompa gli indugi e sferri il colpo di grazia sul fronte di combattimento, con un crollo militare che provochi il collasso del regime al potere a Kiev. È chiaro che prolungare la guerra produrrà solo il rischio di effetti imprevedibili e irreversibili: e che l’unico modo per evitarlo è mettere gli atlantisti di fronte all’ennesimo fallimento e sotto gli occhi del mondo l’inaffidabilità di un Occidente invasato dalla febbre della guerra come strumento per conservare il predominio e di salvezza da un crollo strutturale sul piano economico che è nella logica dei fatti e dei bilanci degli Stati consorziati in una impresa comune d’affari e rapina a mano armata sull’orlo della bancarotta.

  11. I mandanti degli attentatori (gli USA) dimostrano una arroganza senza limiti ! Li hanno addestrati in una delle proprie basi presenti in Turchia, paese musulmano ! Come dire, nelle nostre basi, sia NATO che USA, facciamo quello che vogliamo, quando vogliamo, e come vogliamo, e del paese “ospitante” non ci frega niente, perchè se rifiuta di fare da zerbino, oppure osa interloquire o dubitare, è già pronta una rivoluzione colorata o un omicidio mirato, o un tentato golpe, come quello fallito contro Erdogan nel 2016 ! Inoltre il particolare dell’addestramento in Turchia degli attentatori è utile agli anglo americani per tentare di suscitare una ondata di sdegno anti arabo e anti musulmano, non solo in Europa, ma soprattutto in Russia ! Come sarebbe bello per gli USA se la Russia si lanciasse in proclami o in politiche anti arabe e anti musulmane, rompendo i ponti con Iran, Yemen, Siria ecc., secondo la nota tattica del “divide et impera” ! Ma non accadrà, perchè come al solito, i presuntuosi yankee sottovalutano l’intelligenza dei loro nemici, e questo gli sarà fatale ! D’altra parte paragonare lo spessore politico dei leader russi-cinesi-iraniani con quello dei vari Biden, Blinken, Nuland e company, sarebbe una bestemmia ! La cricca al potere in USA-UK-UE non si vale nemmeno un’unghia del mignolo di Putin, Xi, Kim, Khameney, Assad, Maduro ecc. !

  12. Il commento di White Warrior sembra logico e consequenziale ai fatti, ma non mi convince perché A) Questo attentato ha uno scopo. B) Il “progetto” dei padroni dell’Occidente prevede la 3° guerra mondiale, sono pronti, talmente ben programmata da dover aspettare solo la scusa per iniziarla, scommetto che ci hanno messo anche la data di inizio… C) Per la Russia chiudere la questione con l’Ucraina, che sembra ora la cosa più logica da fare, invece potrebbe essere proprio quello che la feccia assassina padrona dell’Occidente aspetta con ansia per intervenire e siamo così alla 3° guerra mondiale, i segnali della volontà in questo senso ci sono tutti e chiari, le parole della oscena von der Leyen con marito dentro la Pfizer, Macron, i nostri nemmeno li nomino, poverelli accettati nel mondo che conta, quando si guardano allo specchio si pizzicano per capire che sono svegli, che non stanno ancora sognando di essere dove sono. Non capisco niente di strategie di guerra, in realtà sono una pacifista con però ben chiaro il concetto di legittima difesa, ma sopra ogni cosa metto il non fare quello che il nemico sta facendo di tutto per farmelo fare… Il Male è maestro in questo, si sa… Noi non abbiamo bisogno di nessuna 3° guerra mondiale. Putin invece di cadere nel tranello dovrebbe chiedere al mondo occidentale che non è suo nemico di palesarsi apertamente, testa e corpo, intellettuali e massa, se poi una testa questo corpo ce l’ha, perché ne dubito fortemente…. Putin dovrebbe fare scoprire alla massa ormai inebetita occidentale che non c’è nessun testa alternativa, che il Potere dell’Occidente non ha opposizione, e solo la più spaventosa delle Dittaure non ha oppositori.

  13. Rispondo a Tania, White Warrior e Luther. A me il servizio militare come sottufficiale e tiratore scelto, poi finito agl’ arresti per disubbidienza mi ha insegnato a trovare risposte facendomi le domande giuste. Cosa è che gli statunoidi e la naziNato non riesce ma vorrebbe fermare? Ovviamente l’ Svo e la vergognosa resa degl’ Ucraini nazisti. Quindi compiere un tale atto osceno ha come obbiettivo implicito far sclerare i russi contro gl” islamici, forzandoli ad inviare più truppe in Siria od in Tagikistan. Così da fare mancare risorse alla potenza sul fronte dei russi. Pii illusi nazisti sanguinari, FALLIRANNO!

  14. Proposta:
    Visto che adesso i sarmat sostituiscono gli r36 voevoda detti dalla nato SATAN e che dovrebbero essere smantellati con costi considerevoli suggerirei di attuare politiche GREEN di riciclo senza sprechi a cui L’UNIONE DELLE REPUBBLICHE SOCIALISTE SOVIETICHE D’EUROPA tiene moltissimo e mostrare loro un fulgido esempio di riciclo dei materiali smaltendoli sul territorio UKRONAZI con testate termobariche da 45 tonnellate ( leggi F. O. A. B.) si unirebbe l’utile al dilettevole si risparmierebbe molti denari per lo smaltimento e si strinerebbe SNIFFOLO, MERDANOV, SYRISKY, KLITSHCO, E LA RADA TUTTA È LANCIANDO UN FORTE MESSAGGIO AGLI ANGLOMERDE OCCIDENTALOIDI VOTATE AL NEOFROCIANESIMO.
    DASAVIDANIA TOVARICH
    SLAVA RUSSIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM