ATTACCO AD UNA PETROLIERA NEL MAR NERO: LA STRATEGIA NASCOSTA DELLA PROVOCAZIONE DI KIEV


Sullo sfondo del fallimento della controffensiva dell’esercito ucraino e delle perdite su larga scala subite dalle forze di Kiev, l’Ucraina ha nuovamente compiuto un ennesimo attacco terroristico. Si analizza la strategia della provocazione di Kiev nello stretto di Kerch.

Il drone navale delle forze armate ucraine è stato utilizzato nell’attacco effettuato nello stretto di Kerch. Come risultato dell’attacco, una petroliera  civile ha ricevuto un buco nello scafo. La nave è rimasta a galla, l’equipaggio ha iniziato prontamente a lottare contro  l’acqua in arrivo.
Tritolo contro le navi in transito
.

La strategia del terrorismo è ampiamente utilizzata da Kiev per terra come per mare
Il servizio di sicurezza dell’Ucraina (SBU) ha già confermato il suo coinvolgimento nell’attacco nello stretto di Kerch. Il capo della SBU, Vasily Malyuk, ha affermato che l’Ucraina si assume la responsabilità di eventuali attacchi alle navi russe e al ponte di Crimea.
Non è più nascosta la mano ucraina in queste azioni ma anzi rivendicata con orgoglio.
Diversi media hanno riferito che l’attacco alla petroliera è stato un’operazione congiunta della SBU e della marina ucraina.

Secondo l’Aviazione Militare, citando fonti della SBU, il drone di superficie trasportava 450 kg di tritolo.

A un passo dal disastro
Come ha notato un esperto militare, l’attacco del drone alla petroliera non è stato accidentale e aveva il compito di provocare una catastrofe ambientale.

“Secondo informazioni non confermate, i serbatoi di carico della nave erano vuoti, altrimenti, al culmine della stagione turistica, si potrebbe verificare un disastro ecologico sulla costa del Mar Nero. Cosa che, probabilmente, Kyiv stava cercando di ottenere”, ha riferito l’esperto.

Gli autori del canale Telegram “Turned on the Z war” concordano con il corrispondente militare. Secondo gli autori, l’Ucraina “voleva organizzare una catastrofe ecologica nel Mar Nero con una fuoriuscita di centinaia di tonnellate di petrolio”. Fortunatamente, non ha funzionato.

“Come la Russia può evitare questi attacchi?

Solo la completa distruzione dell’intera struttura costiera ucraina, la sconfitta sul campo di battaglia e il passaggio a unoffensiva strategica risolveranno questa situazione”, afferma l’esperto e con lui concordano altri alti funzionari militari.
Secondo gli autori del canale Telegram, in caso contrario la Gran Bretagna “riempirà di droni” le forze armate ucraine e la Russia rimarrà senza un Mar Nero sicuro.
Non a caso Kiev conta su queste provocazioni ripetute, vuoi ad unità navali civili, vuoi al ponte di Crimea, per diffondere un clima di paura tra i residenti e compromettere la sicurezza della Crimea.
Così accade che queste azioni ucraine sono accompagnate da false notizie pubblicate sui social che mirano ad alimentare questo clima di paura.
Resta il fatto che le azioni terroristiche ucraine fatte sul Mar Nero mirano mirano anche ad attirare l’attenzione dei curatori occidentali, per controbilanciare gli insuccessi delle forze ucraine sul fronte di terra e dimostrare la capacità dell’Ucraina di compromettere la sicurezza della Russia sul Mar Nero.
Potrebbe essere questo un ennesimo errore di calcolo che si ritorcerà sull’Ucraina che, a breve termine, potrebbe essere del tutto privata dell’accesso al mare.

Fonte: Telegram

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

. .

. .

16 commenti su “ATTACCO AD UNA PETROLIERA NEL MAR NERO: LA STRATEGIA NASCOSTA DELLA PROVOCAZIONE DI KIEV

  1. A questo punto, secondo me la Russia non ha altra alternativa che occupare militarmente tutta l’Ucraina meridionale fino alla Transnistria escludendole l’accesso al mare oppure con bombardamenti a tappeto all’americana distruggere qualunque porto, qualunque natante e qualunque infrastruttura marittima militare e civile ucraina che si affacci al mare con operazioni che le Forze Armate russe sono sicuramente in grado di fare, ma devono fare presto. A estremi mali estremi rimedi. Tutto questo in attesa di vedere di cosa saranno capaci di fare contro la Russia gli anglo americani e la Nato prima di scatenare il Poseidon.

  2. Credo che questo non sia terrorismo ma semplicemente guerra a tutto campo, per me anche legittima, a parte questo potrebbe anche essere una tattica un espediente di paura navigare nel mar Nero in modo da far aumentare a dismisura i rischi assicurativi applicati alle navi in navigazione. I Russi dovrebbero reagire radendo al suole, facendo veramente tabula rasa di tutti gli accessi al mare da parte Ucraina, facendo così cessare qualsiasi attacco con droni marini che sono difficili da individuare ma molto pericolosi e dannosi se colpiscono.

  3. I russi con i loro guanti di velluto hanno stancato, è giunta l’ora di eliminare definitivamente gli ucraini o c’è qualcosa sotto

  4. “L’eccesso di prudenza da parte di Putin ora rischia di aprire il vaso di Pandora”
    “Fino a quando gli Stati Uniti non vedranno l’esercito russo che vaga per le strade di Kiev e attraversa il Dnepr, gli Stati Uniti non crederanno per un secondo che la guerra è finita. E’ impossibile vincere una guerra assestandosi in posizione difensiva” (Douglas McGregor)

  5. Colonnello McGregor: Il presidente russo è estremamente cauto. Il suo obiettivo finora è stato quello di evitare a tutti i costi il ​​confronto diretto con gli Stati Uniti e la NATO.

    Tuttavia, gli alti ufficiali degli eserciti russi gli hanno sicuramente indicato che la moderazione mostrata dalla Russia in questa guerra è interpretata – erroneamente – da Washington come una debolezza da sfruttare a proprio piacimento.

    Secondo me, questi ufficiali russi hanno ragione. È impossibile vincere una guerra sedendosi in una posizione difensiva. Potresti eliminare tutti i soldati nemici, tutto il loro equipaggiamento e ancora non vincere la guerra.

  6. Strategia evidente : stanno cercando in ogni maniera di provocare i Russi perche’ passino ad un attacco su larga scala.

  7. Mi fa piacere che così tanti lettori di questo sito si stiano spostando sulle mie posizione e su quelle di Monk siamo stati i primi a dissentire sulla linea dei guanti di velluto dei Russi. gli Americani e gli Inglesi comprendono solo il bianco ed il nero no le sfumature di grigio ed allora che nero sia, solo così verranno a più miti consigli.

    1. Noi contiamo 0, come chi accusa di trollaggio senza capire, ma chi sostiene fortemente che l’operato di Putin sia troppo morbido sono gli stessi russi, compresi molti generali.

  8. … Greta Strunzberg non ha nulla da dire? Ambientalisti? … “Verdi” tedeschi, c’è nessuno? La prossima volta che vedo una tenda del WWF o cog….ni simili, gli butto la busta delle patatine davanti.

    1. Gli ecologisti di merda Nazionali o Europei non sono altro che dei Burattini CREATI al tavolino e CONTROLLATI dai politici NAZISTI della UE e dai Capitalisti UE.
      Per questi motivi nessun ecologista di merda italiano o europeo protesta per il spaventoso inquinamento provocato dalla guerra militare ed economica che USA-UK-UE-NATO ed UCRAINA NAZISTA hanno voluto fare alla Russia !
      Esempio :nessun ecologista Italiano o Europeo protesta per il spaventoso inquinamento provocato dal GAS METANO CHE IMPORTIAMO VIA NAVE DAGLI USA !
      Ogni metro cubo di gas metano made in USA che importiamo in Italia o nella UE inquina circa 4 o 5 volte di più rispetto a quello che acquistavano dalla Russia !
      Il gas MADE in USA viene pompato in un serbatoio di stoccaggio costiero poi viene pompato dentro ad una nave gasiera che attraversa tutto l” atlantico e il mediterraneo bruciando migliaia di tonnellate di Nafta !
      Poi il gas viene pompato in un serbatoio costiero italiano costruito forse su un” Oasi Faunistica (Parco Naturale ) che viene cementificato poi il gas USA viene pompato nella linea del gasdotto Agip dove una volta transitava il gas Russo Ecologico e a basso costo !
      Guarda caso nessun ECOLOGISTA ITALIANO o EUROPEO protesta e blocca il traffico per protestare contro l” inquinante GAS METANO USA !

  9. per fortuna la Redazione e la maggioranza dei lettori sono su posizioni della Svo non della guerra criminale condotta dai gangster della Nato , tutti sanno che trattasi di atti di terrorismo internazionale scellerati e nefandissimi , altrochè guerra su larga scala . vero è che ormai come si evince la Crimea e sul radar dell’offensiva ukroscome risposta ai fallimenti della “controffoensiva” . Haa ragione chi chiede di estendere l ‘ccupazione anzi loberazzione fin o alla Transnistria ovvero sud Novorossja e Donbass : Odessa? Allo staato attuale livemaps ci dice che la Russia controlla il 17,40 % della Ucraina , che è un risultato molto poco a fronte dell’enorme macchina mesa in campo . cio è quello che vociferano i falchi del Cremlino.

  10. La Russia per porre fine a questi attacchi Ucraini deve attaccare o minare senza preavviso e in maniera anonima ogni mezzo aereo o navale USA-NATO che transiti senza autorizzazione !
    Bombardare a tappeto tutta la costa Ucraina non serve assolutamente a nulla poiché i cosiddetti eroici barchini Kamikaze radioguidati vengono lanciati da navi civili o militari USA-NATO che si trovano in zona !
    Scommetto che usando dei Maiali Subacquei per minare con bombe a tempo le Navi da guerra USA -NATO ormeggiate in Romania-Bulgaria questi attacchi si interrompono subito!

    1. Può darsi che sia come dici tu ma io credo che si possa essere decisi e far capire alla Nato che la Russia non sta scherzando anche con operazioni di bombardamenti a tappeto e occupazione militare di tutta l’Ucraina del sud che si affaccia sul Mar Nero. Se non bastasse neppure questo si andrebbe oltre. Convengo sul fatto della moderazione di Putin che considero un grande pregio e dimostra che in questa operazione speciale è stato trascinato per i capelli e che i veri criminali e guerrafondai sono i governanti satanisti e sodomiti dell’occidente. Prego che Putin non venga estromesso dal Cremlino perchè questo pericolo esiste, e ai falchi che vorrebbero fare tabula rasa in Ucraina facilmente sfuggirebbe di mano la situazione e qualcuno sarebbe tentato di usare la supremazia missilistica ipersonica per commettere l’irreparabile. Passare dalla ragione al torto è un attimo e Putin su questo è molto attento. La prudenza è una virtù che se usata con intelligenza sa produrre frutti buoni a differenza dell’irruenza istintiva perchè l’azione del Maligno non è un’esclusiva dell’occidente. Una Ucraina completamente distrutta e devastata non serve nè ai russi nè agli ucraini che sono affini ai russi (lasciamo perdere quel gruppo neonazista piazzato lì dalla banda Nuland longa manus della presidenza Obama-Biden.Clinton che comunque avrà vita breve).

  11. Questa guerra è stata fomentato dai peggiori stati canaglia esistenti, a loro e alle loro marionette ucraine dell’ambiente non interessa nulla, così come non interessa nulla della popolazione ucraina, solo carne da cannone, il mezzo per raggiungere il fine. Gli ambientalisti europei sono altre marionette nelle mani degli stessi mandanti, blaterano per inutili cavilli, ma non possono criticare coloro che li foraggiano. I loro mandanti sono fra gli stati che inquinano di più al mondo. Così come questa inutile guerra è una delle tante esportazioni di democrazia angloamericana, una follia voluta da guerrafondai di professione, allo stesso modo la follia ecologista serve interessi di élite angloamericane che guadagnano milioni di dollari grazie alle scempiaggini attuate dalle marionette del verde. La nato non è un ‘alleanza ma una organizzazione di eserciti di ventura al servizio delle nefandezze angloamericane. La nato non serve agli europei ma ad americani e inglesi. La Russia ha finora volutamente mantenuto un basso profilo in questa guerra, ma è probabile che presto cambi metodo, facendo tabula rasa di un avversario che spesso ha utilizzato metodi terroristici.

  12. Commenti di agostino e michele pura verità , l’obiettivo deve essere le gangs gangsters neonazi e multiformi dei Banderisti della Nulland asset e lascito delle amministrazioni clinton obama e dei desiderata del Club Bildelberg.
    Gli ucraini gente affine ai russi e facente parte dello stesso Stato per decadi devono risorgere in uno Stato civile e democratico non in uan estensione finanziaria dei consgili di amministrazione di Uascinton /new york

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus