Attacchi ai centri di comando in Russia e Ucraina

placeholder

Questo articolo di un ricercatore “senior” dei centri di ricerca statunitensi direttamente collegati alla CIA dà uno sguardo agghiacciante all’escalation in Ucraina e alla diffusione del conflitto in un’Europa che non è pronta. Insomma, il conflitto sta inesorabilmente mutando e potrebbe presto sfuggire di mano dal punto di vista di chi pensava di poterlo limitare principalmente a una battaglia in territorio ucraino. Ciò è sottolineato dai volontari che combattono in Ucraina, molti dei quali sono polacchi, e dagli specialisti americani e britannici assegnati ai gruppi tattici ucraini. L’Europa semplicemente non è preparata per una guerra che potrebbe essere combattuta sul suo territorio. Si adottano poche misure per cercare di evitare una crisi più grave, è un eufemismo,

Daniele Bleitrach

*di Stephen Bryen

Il ministero della Difesa russo ha riferito che la sera del 28 luglio la Russia ha attaccato un posto di comando ucraino a Dnipro (Dnipropetrovsk) con “armi di precisione” dopo che l’Ucraina ha lanciato un attacco a un posto di comando russo a Taganrog, nell’oblast di Rostov (provincia).

Secondo i russi, il missile in arrivo è stato abbattuto ma si è schiantato contro gli edifici della città, compreso un museo d’arte. L’arma usata dall’Ucraina era un missile di difesa aerea S-200 convertito e riconfigurato.
Zelensky è seguito da vicino dai servizi segreti russi. Pertanto, il suo arrivo a Dnipro e il suo incontro con generali e comandanti ucraini sul campo, nonché con il capo dell’intelligence militare ucraina, potrebbero aver indicato l’ubicazione del centro di comando a Dnipro.

La stampa ucraina ha suggerito che l’obiettivo dell’attacco russo fosse un vicino complesso di appartamenti. Tuttavia, alcuni osservatori ritengono che l’attacco al complesso di appartamenti sia stato un danno collaterale causato da un missile di difesa aerea ucraino che si è schiantato.

Circolano video e foto che mostrano parte dei danni e sembra probabile che i russi abbiano colpito il posto di comando. L’entità completa delle vittime non è nota. I rapporti dicono che alcune persone sono sepolte sotto le macerie. L’ospedale locale ha fatto appello per i donatori di sangue, suggerendo che il bilancio delle vittime è piuttosto alto.

Non ci sono ancora informazioni se ci fossero effettivamente comandanti ucraini nell’edificio quando è stato colpito o, in tal caso, se qualcuno di loro sia rimasto vittima dell’attacco.

Obiettivi in ​​Russia
La guerra al di fuori dei confini dell’Ucraina si sta diffondendo mentre l’Ucraina persegue obiettivi sul territorio russo. La scorsa settimana, gli ucraini hanno lanciato un altro attacco di droni contro Mosca, che i russi affermano di aver abbattuto (sebbene abbia causato danni a terra).

Tuttavia, l’attacco di Taganrog è stato il più significativo dal punto di vista russo in quanto ha preso di mira la struttura di comando militare e un luogo in cui si erano precedentemente riuniti il ​​generale Valery Gerasimov e altri capi militari. Non sappiamo se gli ucraini avessero informazioni speciali per l’attacco del 28 luglio alla posizione di alti vertici russi, o se qualche comandante russo sia stato colpito dagli ucraini nell’attacco.

Zelensky in posa con il capo di stato maggiore ucraino

Nel frattempo, l’offensiva ucraina continua e si rivela costosa per entrambe le parti, ma l’Ucraina subisce il maggior numero di vittime. Questa offensiva, pianificata principalmente da operatori speciali americani e britannici, mira a sopraffare le difese russe con la forza bruta. L’Ucraina ha ottenuto alcuni modesti guadagni, sebbene questi siano stati spesso negati dai russi.

I russi hanno notato che l’Ucraina utilizza le sue truppe meglio addestrate ed esperte e opera con un alto livello di professionalità. Queste forze sono state addestrate dalla NATO e sembrano avere il morale alto. Tuttavia, l’usura delle migliori forze del suo esercito, con scarso valore strategico da dimostrare per lo sforzo, potrebbe alla fine costringere il governo ucraino a rivalutare lo sforzo bellico.

Ci sono anche crescenti timori a Washington che la guerra si estenda presto al di fuori dell’Ucraina, con la Polonia in cima alla lista come possibile punto caldo. I polacchi e i russi sono stati attivamente provocatori, con le forze di Wagner che si sono spostate in Bielorussia e Polonia inviando armature ai confini di Bielorussia e Ucraina.

La NATO è in una pessima posizione per sostenere una guerra più ampia in Europa. Mancano truppe (gli Stati Uniti stanno ora richiamando riservisti per il dispiegamento statunitense nell’Europa orientale) e munizioni sufficienti, e la NATO è molto povera di difese aeree e armature.

I russi sono anche all’apice di una grande mobilitazione, che fa presagire la possibilità di un conflitto più ampio.

I russi non usano più mezzi termini sulla “operazione militare speciale dell’Ucraina”. Ora stanno parlando direttamente della guerra della Russia contro la NATO.

Insomma, il conflitto sta inesorabilmente mutando e potrebbe presto andare fuori controllo nell’ottica di confinarlo principalmente a una battaglia sul territorio ucraino. Questo sviluppo è sottolineato dai volontari che combattono in Ucraina, molti dei quali sono polacchi, e dagli specialisti americani e britannici assegnati ai gruppi tattici ucraini.

L’Europa semplicemente non è preparata per una guerra che potrebbe essere combattuta sul suo territorio. Vengono prese poche misure per cercare di evitare una crisi più grave.

Fonte: https://histoireetsociete.com/2023/07/31/les-attaques-des-centres-de-commandement-en-russie-et-en-ukraine/

Traduzione: Luciano Lago

9 commenti su “Attacchi ai centri di comando in Russia e Ucraina

  1. Come dissi dall’inizio dell’operazione speciale: questa e una guerra e tra Russia e Anglo-USA-NATO. Questi ultimi non possono perdere, pena lá fine del loro mondo. Quindi lá guerra continuera ad oltranza con tutti i mezzi via, via piu distruttivi e mortali per imput dell’occidente. Lá guerra secondo me tra un anno, forse anche prima, sara nucleare.

  2. La Bielorussia deve dare subito la sua logistica all’esercito russo che deve dirigersi con decisione a Kiev, defenestrare la fantoccia marmaglia e tenere il dito pronto sul nucleare. Poi si vedrà

  3. L’Europa non si puo’ permettere una guerra sul proprio territorio, neanche convenzionale, ha troppi punti deboli. A guerra avviata le convenzioni vanno a farsi friggere, in tutti i sensi. Abbiamo piu’ di cento centrali nucleari in bella vista che potrebbero essere colpite per rappresaglia e questo accadra’ per certo, tre secondi dopo che un nostro missile, colpira’ anche solo per sbaglio, una centrale Russa. L’Europa diventera’ inabitabile e noi dovremo chiedere asilo ai Russi che ci manderanno a bonificare le loro terre , scalzi o in Africa … Dove accoglieranno solo le donne. Tutto questo… Senza lanciare una sola testata nucleare.-

  4. Un Kamikaze Giapponese lo capisco ! Moriva per la sua patria e aveva alti ufficiali e politici seri che lo istigavano a farlo !
    Un soldato Kamikaze Ucraino NON lo capisco affatto !
    Un soldato Ucraino dovrebbe morire suicida tentando di invadere la Russia affinché quei tre pagliacci scemi nella foto qui sopra possano continuare a giocare alla guerra ?
    Siete pazzi ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus