Attaccato dall’Esercito di Kiev il convoglio russo di aiuti umanitari giunto in Ucraina

Attenzione Notizie importanti dall’Ucraina

Secondo informazioni arrivate da fonti russe, l”Esercito di Kiev avrebbe attaccato oggi  il convoglio russo di aiuti umanitari diretto nella zona di Lugansk.

In particolare l’attacco sarebbe avvenuto ad opera di un battaglione punitivo Aidar che aveva pianificato di minare la strada dove era previsto il percorso dei mezzi (percorso concordato con le autorità di Kiev).

Venerdì scorso, Mosca aveva accusato l’Ucraina di aver tentato di distruggere il convoglio di aiuti umanitari, ora che i preparativi per la sua consegna avevano raggiunto le loro fasi finali e tutte le questioni essenziali sono state concordate.

“Richiamiamo l’attenzione sula forte intensificazione delle azioni militari da parte delle forze ucraine con l’obiettivo evidente di bloccare il percorso, concordato con Kiev, del convoglio umanitario dal confine Russia-Ucraina alla volta di Lugansk,”, aveva dichiarato  il ministero degli Esteri Russo in un comunicato.

La Russia ha inviato un convoglio di 280 camion che trasportano aiuti umanitari – tra cui materiale medico, prodotti alimentari, compresi gli alimenti per bambini, sacchi a pelo e altre necessità di basNewse per le popolazioni civili bloccate all’interno delle zone dilaniate dal conflitto nel sud-est dell’Ucraina. Da Martedì Il convoglio era attualmente bloccato vicino al confine ucraino, ed era in attesa di approvazione finale da Kiev prima di procedere in avanti.

La notizia ha destato enorme preoccupazione per la possibilità di un allargamento del conflitto in corso con intervento diretto delle forze russe.

Tutte le borse europee rimaste aperte, da Francoforte a Parigi, hanno accusato il colpo e si è riscontrato una brusca caduta delle quotazioni per l’avvenimento imprevisto che riacutizza la tensione internazionale.

Fonte: RT News

4 Commenti
  • Ares
    Inserito alle 23:51h, 15 Agosto Rispondi

    I soliti servi di regime (TV) non fanno altro che dire che è stata la Russia ad entrare con blindati in territorio Ucraino.

  • mogol_gr
    Inserito alle 10:26h, 16 Agosto Rispondi

    La recente ris. ONU 2170 rompe anche l’esclusiva mediatica del conflitto ucraino lottizzato dall’occidente.

  • Werner
    Inserito alle 12:48h, 16 Agosto Rispondi

    USA e UE vogliono il conflitto perché sono governate dai giudeomassoni sionisti, satanisti e anticristiani, i quali vogliono che l’Europa e gli europei bianchi e cristiani scompaiano dalla faccia della terra, dinque quale miglior modo per farlo se non facendo scoppiare una guerra nucleare con la Russia.

  • Idea3online
    Inserito alle 11:11h, 17 Agosto Rispondi

    E’ normale che gli aiuti umanitari sono una strategia di guerra, ricordiamoci che quando l’avversario applica la stessa strategia del leader è perchè il leader attuale(USA) stanno perdendo colpi. Aiuti umanitari per occupare territori, o per gestire un conflitto in modo diplomatico con l’uso si Amore-Odio è antico quanto il mondo. Gli USA era meglio che avessero permesso al leader europei di presentarsi alle Olimpiadi di Sochi, ma tutti uniti escluso Letta hanno disertato il lieto evento tanto caro a Putin. Mentre Putin si godeva lo spettacolo delle Olimpiadi, l’Occidente invadeva l’Ucraina. Con la freddezza che solo un mafioso russo può esprimere, ricordiamoci la politica è Mafia ad altissimi livelli, Putin ha continuato a guardare le Olimpiadi, soddisfatto della Russia conquistatrice di più medaglie come all’epoca dell’URSS, ma dopo la chiusura dei Giochi Olimpici, con una mossa quasi voluta dall’alto ed dall’alto assistita oltre alle medaglie la Russia ha vinto la Crimea. Da pochi giorni la Russia ha dato un colpo di grazia alla Globalizzazione made in Occidente sul settore alimentare. Che dire adesso la Russia si prende il lusso di inviare 300 camion bianchi, tale essere una strategia militare umanitaria, parte del movimento operativo per disciplinare l’Occidente, e voler essere in futuro quello che Ciro il Grande fu contro Babilonia.
    Se avessero “partecipato alle Olimpiadi” sicuramente il mafioso Putin avrebbe avuto meno rabbia in corpo.
    Ci troviamo ad uno scontro tra un Occidente disconnesso e potente, ed un Oriente connesso e meno potente. La connessione di tanti piccoli poteri militari connessi ad uno centrale, essere la Russia più della Cina, sarà indicato dallo scriba come nuovo capitolo della storia dell’umanità intitolato: il Declino dell’Occidente. Quando Obama disse che Putin si mette dalla parte sbagliata della Storia, non aveva messo in conto che nel passato Regni erano guidati dall’alto per fare quello scritto in anticipo. Solo gli eventi futuri confermeranno se ci troviamo nella fase della storia di Daniele 11:29,30 che indica un rafforzamento militare dell’Oriente che resisterà all’attacco dell’Occidente. Certo per adesso siamo alle prime fasi, ma se siamo in un periodo storico disconnesso dalla volontà dell’Elite i primi a soffrire saranno i Regnanti in quanto tutto inizierà ad essere fuori dal loro controllo.

Inserisci un Commento