ASSAD VISITA TEHERAN, INCONTRA L’AYATOLLAH KHAMENEI PER LA PRIMA VOLTA DALL’INIZIO DELLA GUERRA


Il 25 febbraio il presidente siriano Bashar al-Assad è arrivato a Teheran dove ha incontrato il capo della rivoluzione islamica Ayatollah Seyyed Ali Khamenei e altri alti funzionari del paese persiano. Questa è stata la prima visita del genere dall’inizio della guerra.

Durante l’incontro, Assad ha espresso la sua gratitudine all’Iran per tutto quello che ha fatto per la Siria durante il conflitto. La presidenza siriana ha aggiunto che i leader “hanno rivisto le relazioni fraterne e forti tra i loro due popoli, che sono stati il ​​fattore principale nel mantenere la Siria e l’Iran di fronte alle trame dei paesi nemici”.

Khamenei ha detto ad Assad che la resistenza del presidente e del popolo siriano era stat la ragione principale della sconfitta degli Stati Uniti e dei suoi mercenari regionali.

“La Repubblica islamica dell’Iran considera il sostegno al governo e al popolo siriano come un fondamentale aiuto per il movimento e l’asse della resistenza, e ne è orgoglioso dal profondo del cuore”, ha detto Khamenei aggiungendo che ” La questione della zona cuscinetto, che gli americani cercano di stabilire in Siria, è tra quelle trame pericolose che devono essere categoricamente respinte e resistere “.

“L’ Iran e la Siria sono reciprocamente la profondità strategica e l’identità e il potere del fronte di resistenza e questa dipende da questa relazione continua e strategica . Questo impedirà ai nemici di rendere operativi i loro piani “, ha aggiunto.

Khamenei ha anche elogiato il ruolo di Assad nel conflitto.

“Grazie alla tua risolutezza, tu [Assad] sei diventato l’eroe del mondo arabo e la resistenza dei popoli nella regione ha guadagnato più potere e credito attraverso te “, ha sottolineato enfatizzando che l’Iran continuerà a sostenere la nazione siriana “perché ritiene questo essenziale per aiutare il consolidamento dell’asse della resistenza “.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, anche lui ha voluto incontrato Assad, osservando che il suo paese è pronto a partecipare alla ricostruzione della Siria ea ripristinare la sua stabilità.

“La Repubblica islamica dell’Iran ha sempre sostenuto la nazione e il governo siriano nella lotta contro il terrorismo in Siria e non ha risparmiato sforzi in questo senso”, ha detto il presidente iraniano.

Assad con Khamenei, leader supremo dell’Iran

Questo incontro è un altro esempio dei legami profondi, che si erano sviluppati tra Damasco e Teheran durante il conflitto in corso. Probabilmente questi legami cresceranno ulteriormente, in quanto non vi sono pressoché precondizioni che possano limitare l’influenza iraniana nella parte del paese detenuta dal governo.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code