Arriva Soros a supporto e sostegno delle “Sardine” in Italia

di Luciano Lago

Come era facile prevedere è arrivato da Davos il soccorso del grande finanziere, George Soros, a sostenere e prendere le difese del movimento delle Sardine.
“In Italia le sardine sono più degli squali e sono destinate a vincere”, ha detto l’ex finanziere filantropo. “Sono giunto a questa conclusione quando ho saputo di questo movimento spontaneo di giovani che si sono rivoltati contro Matteo Salvini, potenziale dittatore italiano”, ha affermato. “Questo mi porta a concludere che oggi i giovani possono aver trovato un modo di confrontarsi con la dittatura nazionalista”.
L’occasione per le dichiarazioni di Soros è stata data dalla cena di gala organizzata dalla sua “Open Society Foundation” a margine del Forum di Davos. Tra un brindisi con Champagne di marca e antipasto di caviale, Soros ha sponsorizzato il movimento delle sardine in Italia che risulta conforme agli interessi degli squali della finanza come lui e che combatte i “populismi” ed i nazionalismi che ostacolano il progetto del Nuovo Ordine Mondiale e della Società aperta agognata da Soros.


Alla fine si comprende chiaramente quali siano gli interessi che le Sardine difendono e sono fugati i dubbi che molti avevano. D’altra parte si sapeva che le “Sardine” sono un travestimento del PD che cerca di recuperare i consensi persi fra la gente comune sguinzagliando dei ragazzotti con la faccia pulita che si fingono contestatori dell’odio e dei populisti ma che hanno assunto in realtà l’ingrato compito di fare da “guardie bianche” del sistema, a difesa delle oligarchie finanziarie di Bruxelles e dei loro fiduciari in Italia.

Le sardine di Soros


Soros può contare su di loro e non dovrà più affidarsi in Italia soltanto agli screditati personaggi come Zingaretti, Renzi, Bonino, alla Boldrini ed ai Roberto Saviano. Di questi e della loro inconcludenza, iniziava a stancarsi anche lui.
Anche le Sardine adesso sono a disposizione della “Open Society” di Soros e, se lui vorrà essere prodigo anche con loro, presto arriveranno i “dollaroni” di Soros a finanziarie le Sardine, il nuovo movimento della sinistra Globalista filo finanziaria.

6 Commenti

  • Idea3online
    25 Gennaio 2020

    presto arriveranno i “dollaroni” di Soros a finanziarie le Sardine, il nuovo movimento della sinistra Globalista filo finanziaria.

    Quando mai il Futuro non è legato al Passato ed al Presente. Quando mai. Per un inizio ci vuole il capitale, durante ancora capitale, la fase iniziale o avviamento necessita di tanto capitale, il durante necessita di meno capitale. Tutte le aziende del mondo spiegano che il finanziamento iniziale o capitale di avviamento è il più massiccio. Iniziare è difficile, in tutto. Proseguire è inerzia, terminare la corsa fa parte del piano, e subito dopo è pronto un altro, chi lo sa se lo chiameranno “le coccinelle”, sarebbe stato più carino che definire degli esseri umani sardine.

  • nnicholas
    25 Gennaio 2020

    Era prevedibile ciò. Un’altro movimento/partito che instraderà i voti degli Italiani in un binario morto.
    La maggior parte degli Italiani ci cascherà di nuovo???? Vedremo

  • Bastardo senza cuore
    25 Gennaio 2020

    Quando Soros ci farà il favore di crepare sarò io a brindare a caviale e champagne… se poi esplodessero in una volta tutti i sionisti allora sarebbe da istituire un mese di festeggiamenti.

  • Eugenio Orso
    25 Gennaio 2020

    Gratta, gratta e sotto gli escrementi (in tal caso sardine) trovi sempre l’ebreo (in tal caso il crimnale finanziario soros).

    Questi bastardi collaborazionisti saranno intoccabili e strabordanti di mezzi/soldi.
    Difesi da polizia, carabinieri, gendarmeria europea, nato, cia e mossad.
    Coccolati dalle puttane mediatiche occidentali.
    Riveriti dai loro compari commissari europei (vedi il radical chic gentiloni, servo della troika).
    Portati in palmo di mano da tutti i peggiori criminali che devastano il pianeta.

    Provate a toccarli!

    Cari saluti

    • atlas
      26 Gennaio 2020

      sì Eugenio, però alla base c’è sempre la gente. Chi avalla il sistema democratico degenere, fattivamente, anche in divisa, è la gente

      però, a quanto mi risulta, i più attivi ‘intellettuali’ e manovali contro il Fascismo non erano Duo Siciliani, a cominciare da Pertini. Secondo me è una questione di razza, di sangue

      ” l’italia ” è nata come entità massone, democratica, non sarà mai una nazione, sarà sempre un paese; che mi auguro muoia il più presto possibile, per il bene di tutti, Siciliani e padani

  • Angelino
    28 Gennaio 2020

    Oramai dov’è la dignità e la sovranità di uno stato qual’è l’Italia?
    L’Italia è ormai una colonia alle dipendenze di finanziarie ebree, guarda caso!
    Il popolo giace supino da pecorone, quindi che ne facciamo di una tale nazione di merda? Possiamo solo vergognarsi nei confronti di tutto il resto del mondo!
    W la Repubblica delle banane.

Inserisci un Commento

*

code