Arresto De Vito, parla Becchi: “Così muore il M5S di Grillo e Casaleggio”


L’arresto per presunte tangenti del presidente del consiglio comunale capitolino, De Vito, è un colpo mortale per il M5S che ha costruito la sua fortuna proprio sulla lotta alla corruzione. È la fine di un mito.

Sinora di poteva dire tutto il male che di voleva del M5S, che sono incapaci, incompetenti, arroganti e via di seguito. D’altro canto però un fatto restava incontestabile: la loro diversità rispetto alle altre forze politiche.
Certo, ormai da tempo nelle diverse scatolette di tonno si muovevano a loro agio e i danni (giudiziari) erano piuttosto innocui. Ieri c’è stato però un salto di qualità che avrà la ripercussione di un terremoto: l’arresto di un personaggio di spicco per corruzione. Tutto poteva succedere nel MoVimento, tutto, ma questo no. Perché la fortuna del MoVimento nasceva da qui, il grande consenso popolare era in fondo dettato dalla continua sbandierata dichiarazione di onestà. Al ritornello «sbaglieranno ma almeno non rubano» , «sono comunque diversi dagli altri» non crederà più nessuno.

Da tempo il M5S è cambiato, e si potrà anche discutere sul cambiamento e sui cambiamenti in corso, ma con quello che è successo ieri c’è stato qualcosa di diverso: ieri è finito il mito del M5S, ieri ha esalato l’ultimo respiro il M5S fondato da Casaleggio e Grillo, quel MoVimento che con la sua innocenza e purezza aveva conquistato milioni di italiani.

E si sono uccisi con le loro stesse mani perché i giudici non fanno altro che applicare la legge anticorruzione voluta dal MoVimento. È facile gridare «onestà-onestà-onestà» quando sei all’opposizione. Ma l’onestà te la devono riconoscere gli altri quando passi al governo di un Paese, di una regione o di una città.
Non basta fare leggi anticorruzione rigidissime che considerano reato anche il “traffico di influenze” se poi ci si fa beccare con le mani nella marmellata. Certo, la magistratura dovrà indagare, accertare i fatti e così via, ma la macchia resta comunque, e in ogni caso non sarà facile cavarsela con il solito discorso delle mele marce.

https://paolobecchi.wordpress.com/2019/03/21/arresto-de-vito-parla-becchi-cosi-muore-il-m5s-di-grillo-e-casaleggio/?fbclid=IwAR14Glitmpz_LGf8dZzz9IwE6O-eXSWQ6_DaB6cAWB9PpViFZKOC7CZ–tc

Paolo Becchi

9 Commenti

  • Anonimo
    23 Marzo 2019

    …” ieri il m5s ha esalato l’ultimo respiro” … sei felice? da quanto aspettavi questo momento?

  • Eugenio Orso
    23 Marzo 2019

    Il 5stalle non morirà tanto presto.
    Ridimensionato, resterà in vita perché fa comodo alla élite finanziario-giudea avere un movimento falso rivoluzionario, ma polcor, non violento, amante della democrazia, trasformista e filo-atlantista da usare politicamente per occupare spazi che dovrebbero essere di vera opposizione.
    La banda degli onesti (senza offesa per i grandi Totò e De Filippo) potrà tornare utile in futuro, pur con meno voti.
    Io, personalmente, vorrei che questa pustola morisse, perché ha contribuito a impedire che in Italia nascesse una vera opposizione anti-globalista, ma non sono fiducioso …

    Cari saluti.

  • Monk
    23 Marzo 2019

    Si possono disintegrare tutti questi grullini della setta di Casaleggio, amici del potere centrale negriero, con loro, anche la Lega del sionista nutella. Lo slogan dei cinque merde: ‘grazie a noi la rabbia popolare è stata indirizzata verso lidi migliori’ è l’emblema della loro falsità

  • Sed Vaste
    23 Marzo 2019

    Digitate” beppe grillo su marte”e ” casaleggio Prometheus” ecco I disturbati mentali che guidano I 5 stelle ,per non parlare poi che sono pure pro finocchi vedi Fico e Casalino ,potere alle Checche !

  • Cagliostro
    23 Marzo 2019

    Povero becchi e poveri i detrattori del mv 5*****
    Vane speranze x voi che sperate in una precoce dipartita del mv, capisco che con renzusconi vi trovavate piu a vostro agio,
    Dovrete rassegnarvi a ingoiare un sacco di rospi l’ultimo quello di salvini in riunione con verdini x almeno 3 ore, chissa cosa mai avranno avuto da dirsi.

    • Monk
      23 Marzo 2019

      Cagliostro, siete antipaticissimi, arroganti, ignoranti, negrieri, compari dei pidioti ( fate finta di dimenticare quando con il vostro amico giudeo Travaglio leccaste il culo ai negrieri piddini), per di più etichettate chi non è con voi con le solite cazzate stile ‘siete come renzusconi’, ‘rosicate’ ma non vi rendete conto che ci sono molte persone che non fanno il tifo da stadio come milioni di lobotomizzati grullini, non vi rendete conto di essere radical chic mascherati da spregevoli adepti di una setta con ambigue origini. Siete convinti di essere i migliori ma alla fine vi rivelate ibridi, pro nato, pro europa, pro euro, pro sionisti, pro tutte le merdate dell’universo. Sparite o meglio, tornate ad essere quello che eravate: sporchi comunisti.

  • Mario
    23 Marzo 2019

    Lasciate perdere i cinque stalle. Vi invito a leggere il programma politico di Casa Pound. Unico partito serio presente oggi in Italia. Andate sul sito e leggete il programma (sono circa una ventina di pagine). Gli unici socialisti sovranisti laici in questo paese.

  • Sed Vaste
    24 Marzo 2019

    Cagliostro ahh si e’ dato proprio un bel nickname Cagliostro era l’ebreo che tramutava I’ll piombo in oro, non so gli altri utenti ma a me tra berlusca salvini verdini e cinquestelle nessuno dice niente di nuovo sono tutti agenti Della cabala e Della loggia vanno a gerusalemme a prendere Ordini strisciano un po srotolano LA lingua e per loro si spiegano le vele ,tutti sti governi dal 43 Sono incaricati di vegliare sugli interessi dei figli di Israele gli Ebrei

Inserisci un Commento

*

code