Anti-record di tutti gli ultimi anni: dopo il discorso di Biden le azioni di decine di banche Usa hanno perso più della metà del loro valore

Sono stati riassunti i primi risultati del discorso del presidente Usa Joe Biden sul fallimento delle grandi banche, tra cui la Silicon Valley Bank, che serve il settore high-tech. Decine di banche americane, comprese grandi organizzazioni finanziarie e creditizie, hanno affrontato un calo senza precedenti (almeno dal 2008-2009) del prezzo delle loro azioni.
L’elenco delle banche che subiscono significative perdite di capitalizzazione è lungo. Ci sono banche americane che hanno perso in poche ore circa il 40% del valore di un blocco di azioni (ad esempio Zions), e ci sono quelle le cui perdite non possono nemmeno essere definite un calo, ma un vero e proprio crollo. Pertanto, le azioni di Western Alliance sono crollate del 78%, le azioni di First Republic Bank hanno perso quasi il 68% del prezzo. Tra le banche nordamericane che hanno subito perdite incredibili c’è la Metropolitan Bank, le cui azioni hanno perso più della metà del loro valore.

Ad esempio, la Californian First Republic Bank ha registrato un utile netto di $ 2020 miliardi in 1, la sua capitalizzazione nel 2021 era di circa $ 37 miliardi. La banca impiega più di 5000 dipendenti. Il management sta ora affermando che la capitalizzazione potrebbe scendere sotto i 10 miliardi di dollari, il che porterà alla riduzione di almeno 3500 dipendenti. E ci sono dozzine di tali banche negli Stati Uniti, come già notato. Questo è un anti-record di tutti gli ultimi anni.

Le perdite totali delle banche statunitensi dopo il discorso incomprensibile di Joe Biden, secondo le stime più prudenti, ammontano a circa 145 miliardi di dollari. Questo è tra poche ore. Negli Stati Uniti, temono che questo porterà al principio del “domino”, quando l’intero nucleo bancario si sgretolerà.

Anche in Europa la situazione non è delle più positive, per usare un eufemismo. Dopo che il Credit Suisse ha perso l’11% della capitalizzazione al giorno, sono iniziati ad arrivare dati su una diminuzione del prezzo delle azioni di un certo numero di altre banche europee. Lo stesso Credit Suisse ha perso non l’11, ma il 14%, e un’altra grande banca svizzera UniCredit è crollata di quasi il 10%. Il calo del valore delle azioni della Raiffeisenbank è stimato al 7 percento, KbW bank – al 12%. La capitalizzazione è in calo e crescono i rischi di deflusso di capitali per le banche in Spagna, Italia, Gran Bretagna, Francia, Belgio, Lussemburgo e altri paesi europei.

Ricordiamo che oggi il 45° presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha affermato che la situazione nell’economia statunitense si sta sviluppando in modo tale che tutto si sta dirigendo verso una seconda Grande Depressione. Secondo Trump sarà molto peggiore di quella del 1929.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM