Annientare il Libano dopo Gaza? Sanno cosa li aspetta?

di Nabih al-Bourg

Il sito web Al-Mayadeen ha riferito il 12 ottobre che gli americani hanno chiesto a Israele di concentrarsi su Gaza e di lasciare loro ad occuparsi degli Hezbollah libanesi.
Così avrebbe detto il commentatore di questioni militari Alon Ben David su un canale televisivo israeliano: Channel 13. Chiedendosi se sia il caso di lanciare un’operazione preventiva contro Hezbollah, avrebbe aggiunto; “ Sembra che gli americani stiano influenzando la decisione israeliana o cercando di fornire una soluzione alla confusione in Israele ”.1

I social network e le televisioni locali hanno riportato informazioni più esplicite:
Scoop di Amichai Stein: L’amministrazione statunitense ha inviato messaggi attraverso i canali diplomatici in Libano e attraverso elementi regionali legati a Hezbollah: Hezbollah deve restare fuori dalla scena. Perché in caso di guerra; Il Libano come paese sarà danneggiato e ferito da Israele… il 9 ottobre 2023 ” .

E il 14 ottobre, The Times of Israel ha pubblicato poche ore fa che il capo del Consiglio di sicurezza nazionale israeliano, Tzachi Hanegbi, ha dichiarato che anche Israele aveva inviato messaggi per dissuadere Hezbollah dall’unirsi ad Hamas. Ha aggiunto: ” Il nostro obiettivo non è quello di farci trascinare in una guerra su due fronti… Crediamo che Hezbollah non inviterà alla distruzione del Libano, perché non sarà da meno se ci sarà una guerra lì… ” .2

Anche la Siria ha ricevuto la sua parte di minacce:

“ Israele avverte Nasrallah: gli Stati Uniti interverranno e anche Assad sarà in pericolo… il 9 ottobre 2023. ”

Nota dell’editore: Traduzione vera o inesatta del titolo di Ynet, la stampa di lingua araba riporta che Washington e Tel Aviv hanno minacciato di attaccare la Siria e attentato alla vita del presidente Bashar al-Assad se Hezbollah interviene nella loro guerra dichiarata a Gaza. Gli Emirati Arabi Uniti sarebbero responsabili di aver trasmesso queste minacce al presidente siriano. Nel frattempo, il 12 ottobre, i missili israeliani hanno messo fuori combattimento entrambi gli aeroporti internazionali di Aleppo e Damasco3 e, la sera del 14 ottobre, nuovi scioperi hanno preso di mira Aleppo e il suo aeroporto4 che era appena stato rimesso in servizio.


Un alto funzionario arabo ha dato il seguente consiglio a una figura di spicco libanese: “ Vuoi scappare dall’inferno? Per questo hai solo l’America ”. Ma abbiamo qualche influenza sull’agenda americana? O meglio, esiste un solo arabo che possa influenzare l’agenda americana?

Adesso arriva il momento drammatico. L’armata americana, compresa quella nucleare, si precipita al servizio del Tempio e ci riporta alla nostra eterna domanda: “Chi guida chi, gli Stati Uniti d’America o Israele?”

Anni fa Edward Said scrisse: “ Il rapporto tra Washington e Tel Aviv è più che strategico e più che ideologico ”. Ci si chiede fino a che punto i puritani che fuggirono dall’Inghilterra in America nella seconda metà del XVII secolo finirono per abitare il subconscio religioso e filosofico degli Stati Uniti di oggi. Il miliardario newyorkese Sheldon Adelson non ha forse dichiarato: ” Come americani, aspettiamo la comparsa del Messia nella Terra Promessa “? E questo, senza che capiamo perché i rabbini di tutte le religioni credono che il Salvatore verrà a camminare sui teschi degli esseri umani. In questo caso, quali altri teschi oltre a quelli degli arabi verrebbero calpestati al momento di una simile apparizione?

Un ex diplomatico egiziano ci ha provocato dicendo: ” La portaerei americana nel Mediterraneo è in missione diplomatica, non militare “, almeno questo sembra aver imparato dalla teoria di Henri Kissinger: “la valigia o il carro armato ”; (in altre parole: scappare o morire?; ndr). Ma siamo realisti e chiediamoci se solo gli americani stanno servendo Israele.

Il fatto è che anche gli arabi sono al suo servizio. Quando abbiamo visto una pistola brandita da un leader arabo contro Netanyahu? Tanto che sembra che il mondo intero sia dalla parte di Israele. Anche la Germania gli sta inviando due droni da combattimento Heron TP affinché possano partecipare alla guerra contro i palestinesi, mentre Olaf Schulz è rimasto sorpreso nel vedere che il presidente dell’Autorità Palestinese, Mahmoud Abbas, non ha indossato la sua uniforme militare per stare in piedi insieme al ministro della Difesa israeliano Yoav Galant.

Inoltre, probabilmente non è questo il momento adatto per chiedere ai vertici di Hamas quale sia lo status del loro sponsor turco, ora che abbiamo appreso che coloro che prepararono l’operazione “Al-Aqsa Flood” contro Israele avevano messo da parte il tarbouche del fondatore dei Fratelli Musulmani, Hassan al-Banna, in nome di questa terra che ha sofferto e soffre ancora gli orrori del barbaro calpestio.

In ogni caso, quando Netanyahu e tutti i politici in Israele dicono che elimineranno tutti i membri di Hamas mentre progettano di annientare o espellere tutti i palestinesi, come potrebbero non pensare di annientare tutti i membri di Hezbollah e perfino qualunque libanese che si rifiuti di vedere la Stella di David che vola sulle loro spalle?

Annientare il Libano dopo Gaza? Sanno cosa li aspetta a Gaza e cosa li aspetta in Libano? Da qui la diplomazia ombra guidata dagli Stati Uniti, lontano dai rumori militari, per prevenire il terremoto che potrebbe verificarsi.

Del resto, gli articoli del quotidiano israeliano Haaretz testimoniano la sorpresa dei redattori di fronte ai commenti del leader del Likud riguardo al cambiamento atteso in Medio Oriente; un cambiamento che i presidenti americani non sono stati in grado di realizzare da George W. Bush fino ad oggi.

Chiunque legga dietro le facce e tra le righe si rende conto che gli Stati Uniti hanno paura per Israele, hanno paura di qualsiasi esplosione che possa cambiare la mappa strategica del Medio Oriente contrariamente ai suoi interessi, anche se alcuni ritengono che l’invio della loro potente armata dovrebbe necessariamente seminare il panico tra coloro che mostrano ostilità nei loro confronti o nei confronti di Israele.

Senza tornare ai commenti americani sull’interesse militare di un simile approccio, quale sarebbe l’impatto della portaerei e dei sottomarini nucleari su Hezbollah? Assolutamente nessuno. A questo proposito, un paragone immaginato da Edward Clark, un blogger americano, ha attirato la nostra attenzione: due uomini sono in una stanza, uno porta con sé una bomba nucleare e l’altro un coltello. La domanda è: chi vince?

Il pensatore e professore americano Leo Strauss credeva che gli arabi ” non sono nemmeno adatti a fungere da combustibile per l’inferno ” e il suo allievo William Kristol aggiungeva: ” Dio sta dove sta l’America “.

Queste persone sono responsabili dell’isteria di alcuni. Una cricca che ha portato Shlomo Sand, storico e autore del libro “ Chi ha inventato il popolo ebraico?” » – per dire che sono i loro coetanei che “ spingono gli israeliani al suicidio ” e chiedersi di chi sono gli eredi: Mosè o Nietzsche?

Oggi, di fronte alla barbarie che sta distruggendo Gaza, Shlomo Sand potrebbe chiedersi: “fino a dove porterà il servo il suo padrone?”

Fonte: Addiyar (Libano)

traduzione di Mouna Alno-Nakhal

Dal francese: Gerard Trousson

6 commenti su “Annientare il Libano dopo Gaza? Sanno cosa li aspetta?

  1. Ricordiamoci che in Siria ci sono i russi che non possono permettersi di perdere Bashar al-Assad ma si sa che quelli che comandano veramente negli states sono impazziti e sono pronti a tutto visto anche la brutta piega presa dall’avventura in Ucraina e per questo inviano un secondo gruppo di portaerei e forse per lo stesso motivo i russi hanno fatto improvvisamente partire diverse navi nel mar Nero. C’è da augurarsi che non intendano risolvere anche la questione Iran partendo dal Medio Oriente cioè sistemare Libano, Siria , quindi Iran coinvolgendo direttamente la Nato (con la scusa del terrorismo ) e le sue basi turche, greche ed italiane. Forse questo è un piano già preparato da tempo, a prescindere dal risultato ucraino (visto la gran quantità di armi ed attrezzature arrivati stranamente integri nella striscia di Gaza) per sistemare proprio l’Iran partendo dal Mediterraneo e proprio con le spalle coperte dai paesi Nato. Certo è che le nubi all’orizzonte sono sempre più scure e sembrano nascondere un’altra guerra mondiale più vicina che mai.

  2. Dal numero di ebrei presenti nel gabinetto Biden è vacile dire chi tra l’entità sionista e il suo golem di oltre oceano sia al comando, tra l’altro il fatto che l’oligarchia ebraica ucraina pare sia stata abbandonata al suo destino dimostra che questo popolo di mercanti e usurai tenda a spostarsi dopo aver saccheggiato e devastato un paese, ad esempio durante la falsa pandemia erano state pesantemente saccheggiate e devastate Australia e Canada dove ora le condizioni economiche sono pessime, un’altro paese che sta molto soffrendo per colpa loro è l’Argentina, dove controllano il settore bancario e l’import-export, in effetti forse la loro estrema diluizione dal punto di vista demografico con gli altri popoli li sta un pò facendo svanire, ormai in Europa, Americhe ed Oceania molti di loro hanno solo un nonno ebreo se non di meno, l’entità sionista faceva un pò da centro di gestione di queste comunità sempre più evanescenti, ma le mazzate che sta prendendo e continuerà a prendere potrebbero accelerare la scomparsa del popolo ebraico.

  3. Eloquente la frase : “due uomini sono in una stanza, uno porta con sé una bomba nucleare e l’altro un coltello. La domanda è: chi vince ? ” … si potrebbero fare tanti altri esempi del genere … tipo : “uomo con un bazooka contro uomo disarmato ma che gli libera addosso uno sciame di vespe inferocite” … anche qua indovinate chi vince ?

  4. Leggetevi il libro “L’ebreo internazionale” di Henry Ford (il padre fondatore della Ford automobiles). Pubblicato solo grazie alla propria casa editrice e poi bandito dal mercato (chissà perchè). Lo troverete in formato pdf.
    In America, già negli anni 20, comandavano loro. Ogni presidente americano aveva un segretario di stato ebreo. Buona lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM