André Ilnitsky, Il Covid è un progetto dei globalisti


André Ilnitsky, consigliere di Sergueï Choïgou, ministro della Difesa russo, ha parlato nel corso di una importante tavol rotonda ed ha fatto affermazioni importanti.

Il 16 dicembre, il Consiglio della Federazione ha organizzato una “tavola rotonda” della Commissione provvisoria del Consiglio della Federazione per la protezione della sovranità statale e la prevenzione delle interferenze negli affari interni della Russia (Presidente – Andrey Klimov ) sul tema “ Tentativi stranieri di utilizzare lo spazio prossimo post-sovietico / straniero per destabilizzare il sistema politico della Russia ”.

I senatori hanno partecipato alla riunione della “tavola rotonda” – membri della Commissione provvisoria del Consiglio della Federazione Elena Afanasyeva, Aleksandr Vaynberg, Margarita Pavlova, Vladimir Poletayev, membro del Presidium del Consiglio per la politica estera e di difesa e il colonnello del Servizio di intelligence estera Andrey Bezrukov, membro della Camera pubblica della Federazione Russa Maria Butina, Primo Ministro dell’Ucraina nel 2010-2014 Nikolay Azarov, Presidente del Comitato permanente della Camera dei rappresentanti dell’Assemblea nazionale Bielorussia Andrey Savinykh, vicepresidente della ONG ” Belaya Rus ” Aleksandr Shatko, presidente del partito bulgaro ” Rinnovamento della patria “(Creato sulla base del movimento nazionale” Russophiles “) Nikolay Malinov, direttore delle comunicazioni di” Rossiya Segodnya “Pyotr Lidov-Petrovsky e altri.

Tuttavia si nota che è stato il discorso del consigliere di Serge Shoigu, lo scienziato, pubblicista, membro del Consiglio per la politica estera e di difesa, André Ilnitsky, quello che ha ricevuto la maggiore eco.

“Lo squilibrio dell’economia e dei sistemi sanitari degli stati nazionali è il compito principale del progetto coronavirus. Tale ptogetto è stato eseguito con successo ”, ha dichiarato Andrey Ilnitsky, consigliere del ministro della Difesa russo.

Le multinazionali occidentali vedono il coronavirus come un proprio progetto, ha detto Ilnitsky. Il compito è avere un impatto su larga scala sugli stati di tutto il mondo e trasformare completamente la vita delle persone attraverso rigide restrizioni anti-coronavirus.

Andrey Ilnitsky ha incluso nel suo rapporto punti che indicano tentativi di pressione sul nostro paese e su altri paesi del mondo che hanno deciso di preservare la loro sovranità. Tra le altre cose, ha parlato del noto Forum Economico di Davos, chiuso agli estranei, dove è stata discussa l’attuazione del piano dei globalisti. È stato apertamente annunciato che la pandemia di coronavirus dovrebbe diventare uno strumento per un “reset globale” e che nessuno dovrebbe tornare alla vecchia vita prima del Covid.

La democrazia deve essere stabilita in tutto il mondo, ovviamente in una forma che interessi gli organizzatori del progetto. E chi volesse ancora preservare gli stati nazionali dovrebbe essere privato dei benefici: ” Non permetteremo il ritorno del mondo pre-coronavirus, faremo domande ai politici …” E noi chi siamo? Corporazioni transnazionali. Faranno domande sulle misure deterrenti, da cui ne consegue che ” non è il covid in se stesso che è una minaccia, ma le misure che vengono prese nel mondo “, ha spiegato Ilnitsky.

Ha ricordato la formula di combattimento del virus nella guerra biologica. L’indicatore principale del virus nell’attacco biologico del nemico è la virulenza, cioè la capacità di infettare il corpo umano. Le tesi presentate da Ilnitsky sono contenute nel libro di Klaus Schwab “ Covid-19: The Great Reset ”. Schwab, va detto, ha organizzato il Forum di Davos. Nel suo libro, chiede un mondo governato dagli affari.

E in questo mondo non ci sarà spazio per gli stati nazione. Non ci saranno più. Citazione letterale: “Se la democrazia e la globalizzazione si sviluppano, non ci sarà spazio per ogni singolo stato nazione”.
Naturalmente, in primo luogo si deduce, non ci sarà spazio per la Russia come stato sovrano. Il progetto Covid ha seminato paura nelle persone, demolito l’amministrazione di Donald Trump, agitato stati nazionali , messo in tensione sistemi sanitari in tutto il mondo … Ha fatto il suo lavoro.
A questo proposito, la formula per combattere il virus, e non è ancora conosciuta oggi … Non è un virus killer. L’indicatore principale del virus è la virulenza, deve sbilanciare i sistemi sanitari del nemico. Dopodiché, vengono lanciati i virus killer. Questa è solo informazione … Quindi, per continuare a smantellare il vecchio mondo, i globalisti hanno bisogno di piattaforme. “

Forze di sicurezza russe

In particolare, queste piattaforme dovrebbero essere quelle della ‘”agenda verde”, la digitalizzazione estesa e vari tipi di simulatori ideologici – da LGBT a BLM, che ” entreranno ” negli stati nazionali e metteranno radici per demolire le vecchie credenze.

L’esperto ha sottolineato quale sia il pericolo rappresentato dalle multinazionali nei confronti degli Stati indipendenti.
Ilnitsky ha invitato i deputati e i senatori del Consiglio della Federazione a respingere le proposte di legge che potrebbero contenere una potenziale minaccia alla sicurezza nazionale della Russia
.

fonte: http://www.comite-valmy.org/

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM