Andare, andare, andare: giocare mentre l’ovest brucia


di Batiushka

Allora, quando inizierà l’offensiva invernale della Russia? Alcuni pensavano che sarebbe avvenuta a dicembre, quando il terreno si sarebbe ghiacciato. Ci stiamo avvicinando al mese di febbraio.

Tuttavia, ricorda che la cosiddetta offensiva invernale russa è stata inventata dai generali di sala. Certo, potrebbe esistere come uno dei tanti scenari di stato maggiore russo e potrebbe accadere ancora e ancora e presto, ma un’offensiva invernale potrebbe anche trasformarsi in un’offensiva primaverile, persino estiva. La pianificazione dovrebbe essere flessibile, considerando i nuovi ingredienti che entrano nel mix. Finché le forze di Kiev continuano inaspettatamente a distruggersi lanciandosi nell’elicottero con artiglieria, missili e droni nel sud-est dell’Ucraina, tra Soledar e Artemovsk, con perdite russe minime, perché affrettarsi? Non c’è nessuna emergenza. Gli unici che hanno fretta sono gli occidentali. Hanno bisogno che questo conflitto finisca e rapidamente,

Quindi c’è stato un ritardo. Perché correre dei rischi quando Kiev vuole suicidarsi? Lasciali stare. Inoltre, gli ultimi eventi suggeriscono altri motivi per ritardare il processo: divisioni interne.

In primo luogo, il 17 gennaio, Arestovitch si è dimesso dalla sua posizione di consigliere della presidenza, apparentemente perché ha detto la verità, vale a dire che il condominio distrutto a Dnipro è stato direttamente o indirettamente colpito da un missile ucraino mal mirato (non è la prima volta…).

Poi, il giorno successivo, il 18 gennaio, l’elicottero francese Super Puma si è schiantato a Brovary (non a Kiev). Diverse personalità sono state uccise, tra cui il ministro dell’Interno e il suo vice, oltre a bambini innocenti in una scuola materna. Un amico che vive nelle vicinanze è stato in grado di fornirmi fatti e foto subito dopo. Ignorando la possibilità che l’Eurocopter sia stato abbattuto da un altro missile ucraino mal indirizzato, l’incidente sembra essere avvenuto perché il pilota stava volando basso nella nebbia e ha colpito un edificio di 14 piani. Il mio amico dice che il cielo sopra di loro è pieno di elicotteri di stato ogni giorno, è così che si muove il regime di Zelensky. Troppo spaventato per fare altrimenti. Prima o poi, un incidente era inevitabile. Qualunque sia il motivo dell’incidente, questo significa che ora ci sono posti vacanti al vertice. È probabile che sia in corso una lotta per il potere. E questo c’era da aspettarselo, perché le forze di kyiv sono state cacciate dalla città strategica di Soledar, Artemovsk (Bakhmut) sta per cadere e con essa il resto del Donbass. È una disfatta perché le perdite ucraine sono enormi, per non dire suicide.

Di conseguenza, il regime di Kiev sta supplicando alcuni paesi occidentali di ottenere più carri armati. Nella migliore delle ipotesi, potrebbe ricevere da vari paesi occidentali circa 200 (in realtà, probabilmente meno di 100) carri armati e blindati obsoleti assortiti, e probabilmente solo in pochi mesi. Mentre ieri aveva bisogno di 2000 carri armati e veicoli blindati. Ma per ora, l’occidente diviso è riluttante a concedere all’Ucraina altro che dolcetti. Promesse, promesse… non costano molto, soprattutto quando sei a corto di soldi e sai che i russi probabilmente distruggeranno la maggior parte delle attrezzature donate prima ancora che arrivino al fronte. Più, il tutto in un contesto in cui l’economia ucraina è mantenuta nel breve termine (nessuno le darà nulla nel lungo termine) con aiuti occidentali mensili (altrimenti non si possono pagare stipendi o pensioni). E questo da un Occidente che è sull’orlo del caos sociale, economico e politico e nel contesto di un sistema energetico ucraino che, per ora, è stato distrutto al 50% e di un sistema logistico militare che è stato gravemente interrotto dai missili russi.

Zelensky con i leader europei

Non c’è da stupirsi che il regime di Kiev diffidi dell’Occidente. Quest’ultimo non ha tasche senza fondo. La missione di Zelensky sta probabilmente volgendo al termine. Ha già avuto un’ondata di freddo a Washington prima di Natale. Ora sembra essere osteggiato dal comandante delle forze armate a Kiev, Zaluzhny, che sembra aver avuto colloqui con il suo omologo americano in Polonia alle spalle di Zelensky. In generale, i militari odiano le guerre; sono solo opera dei politici. Dopotutto, i politici non corrono il rischio di congelarsi, essere mutilati o morire in agonia. Forse assisteremo a un rimpasto a Kiev. Tutto quello che ordinano i burattinai americani. Ma il problema qui è che i burattinai americani sanno cosa vogliono ordinare? Sembrano divisi tra loro.

Mentre Washington e i suoi alleati della NATO non hanno alcuna strategia per vincere la guerra in Ucraina, per non parlare di una strategia di uscita, i russi sì. Nei quattro mesi successivi all’ordine di mobilitazione parziale della Russia, altri 300.000 riservisti si sono uniti alle loro unità a est o lungo il confine settentrionale dell’Ucraina. Nel frattempo, nel sud, pattuglia la flotta russa del Mar Nero. Finora, la fanteria russa non ha realmente preso parte a questa guerra. Finora, il grosso del lavoro è stato svolto dai combattenti per la libertà ucraini anti-kyiv (Donbass) e dal gruppo a contratto Wagner.
La scena è pronta per una guerra di terra, o da est, o da nord, o da sud, o forse tutti insieme. L’incubo di Washington. Perché nessuno a Washington, abituato a combattere fanatici suicidi male addestrati armati solo di Kalashnikov, lo aveva mai previsto. Più di 500.000 russi armati stanno aspettando ai confini del territorio controllato da Kiev per liberare i loro fratelli e sorelle ucraini dal regime fantoccio americano a Kiev. E gli unici fanatici suicidi e mal addestrati sono le forze di Kiev.

Andare, andare, andare. A Mosca c’è chi sa giocherellare mentre l’Occidente brucia.

Non dimentichiamo che il conflitto in Ucraina riguarda la lotta degli Stati Uniti per mantenere il proprio status di dinosauro come ultima superpotenza mondiale. Più precisamente, si tratta del tentativo degli Stati Uniti di distruggere la Cina come rivale. Perché poiché la Cina, alleata con la Russia, è imbattibile, questa deve essere attaccata attraverso la Russia eurasiatica.
In questa folle fantasia di videogiochi neocon, gli Stati Uniti hanno trascurato l’Europa occidentale. In un certo senso, è comprensibile, dal momento che i suoi leader sono solo un gruppo di segugi pavloviani senza cervello decisi a copiare il loro padrone a Washington – e un mucchio di dollari aiuta notevolmente la loro sbalorditiva capacità di imitazione. Tuttavia, l’errore degli Stati Uniti è, come al solito, quello di guardare solo i suoi burattini. È lo stesso errore di Baghdad e Kabul, o del resto a Teheran e Saigon, per non parlare di Manila e di una miriade di capitali latinoamericane.
Nomina un yes-man di lingua inglese, dagli un conto bancario svizzero pieno di dollari e un passaporto americano, assicurati che controlli la capitale e la sua stazione televisiva e radiofonica, e poi controllerai l’intero paese. Solo Hamid Karzai non l’ha fatto e nemmeno tu lo farai.

Anche l’Europa occidentale, l’UE e il Regno Unito, insieme a pochi altri pezzi, sono abitati da 500 milioni di persone (gli altri 50 milioni appartengono all’élite). Alcuni, soprattutto tra le élite, vivono nelle capitali. La stragrande maggioranza non vive lì e generalmente disprezza chi vive nelle capitali. Chiedi a un francese cosa pensa degli “sporchi parigini”, a un rumeno cosa pensa dell’élite di Bucarest, a un polacco cosa pensa di quelli di Varsavia o a un inglese cosa pensa dei londinesi. Se non mi credi, chiedi a Macron in Francia. Altrimenti, chiedi a qualsiasi francese cosa pensa dei veri governanti della Francia: la super-élite strapagata di Bruxelles. Gli inglesi li odiavano così tanto da ottenere la Brexit. Molti tedeschi, che in modo schiacciante

Se in Europa occidentale alla stragrande maggioranza non piacciono i loro leader, alla fine loro – anche i britannici passivi – se ne sbarazzeranno e nomineranno leader che a Washington non piacciono, Le Pen, Farage, ecc. Ti ricordi di Orban? È già al potere, proprio come Erdogan (anche se è in Turchia). Il conflitto ucraino sta già rimodellando l’obsoleta architettura di sicurezza europea (1945) e imponendo una riconfigurazione. Questo riallineamento non sarà a favore di Washington. Manifestazioni contro la Nato stanno già iniziando in vari paesi europei. Ma ciò che ha più probabilità di abbattere l’élite fantoccio americana sono gli scioperi e le proteste. Gli europei odiano le loro élite. Le élite viziate possono dire alla loro gente: “Lascia che mangino la loro torta”.

Una volta che l’Europa occidentale, incluso anche il Regno Unito, se ne sarà andato, la fine della breve era unipolare sarà qui. L’effetto domino, da Kiev a Dublino, è sicuramente solo questione di tempo. Ricorda la caduta del muro di Berlino nel novembre 1989. In venticinque mesi, l’intero impero sovietico nell’Europa orientale cadde, un paese dopo l’altro, finché nel dicembre 1991 cadde la stessa Unione Sovietica.

Da Berlino a Vladivostok. Bene, ora è giunto il momento per l’impero americano a sua volta. Cadrà anche, e per gli stessi motivi. L’Unione Sovietica è scomparsa. Proprio come il suo opposto, gli Stati Uniti. Stelle rosse, stelle bianche, entrambe hanno avuto il loro momento. Tieni d’occhio l’Europa occidentale.

fonte: Il Saker

Traduzione: Gerard Trousson

2 Commenti
  • Acquagratis
    Inserito alle 20:39h, 22 Gennaio Rispondi

    E chi è sto Batiuskha? Un mago?
    10-100-1000 Batiuskha!!!

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 22:02h, 22 Gennaio Rispondi

    La Russia non è stata nè destrutturata nè rapinata in questa ‘ terza guerra patriottica’ in cui l’Ucraina ha accettato la parte della punta della lancia. Quindi la Russia sta vincendo e ha una grande parte nell’opera di ri -dimensionamento del dollaro, la cosiddetta de-dollarizzazione con tutte le conseguenze ,che questa comporta.

Inserisci un Commento