Anche la Russia ha qualcosa da chiedere agli Stati Uniti”: il senatore russo Pushkov ha risposto alle parole di Biden sull’incontro con Putin

“Anche la Russia ha qualcosa da chiedere agli Stati Uniti”: così Pushkov ha risposto alle parole di Biden sull’incontro con Putin | Primavera russa
Il senatore Alexei Pushkov ha commentato la dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden sull’incontro con il suo omologo russo Vladimir Putin (che si terrà il 16 giugno).
Come precedentemente riportato da Russkaya Vesna , Biden ha affermato che non permetterà violazioni dei diritti umani e intende “far capire” questo a Putin.

“Evidentemente non ci sarà un dialogo facile a Ginevra. Biden sta di nuovo facendo dichiarazioni dure su Putin “, ha scritto Pushkov sul suo canale Telegram.

Tuttavia, secondo il senatore, “anche la Russia ha qualcosa da presentare agli Stati Uniti in questo senso”.

“Per cominciare, bisogna chiedere a Biden di smettere di perseguitare Julian Assange e di abbandonare la richiesta della sua estradizione negli Stati Uniti”, ha detto il politico russo.

Fonte; Rusvesna,ru

Traduzione: Sergei Leonov

Nota: L’avevamo scritto pochi giorni fa: la Russia non intende subire passivamente gli attacchi da parte degli USA e risponderà colpo su colpo. Meno che mai la Russia accetterà di essere investita della ipocrita propaganda degli americani sui “diritti umani” di cui si vuole fare portavoce Joe Biden, un personaggio che ha le mani sporche di sangue dei palestinesi massacrati a Gaza (70 bambini e 50 donne fra gli altri) pochi giorni fa da Israele utilizzando armi americane.
Si può immaginare che Putin, se stuzzicato da Biden su tale questione, ricorderà a Biden che negli USA soltanto dall’anno scorso ad oggi, sono stati assassinati dalla polizia USA circa un migliaio tra afroamericani e latinos. O potrebbe citare il massacro della popolazione yemenita attuato dall’ Arabia Saudita con il sostegno logistico degli Stati Uniti, oppure i tanti civili assassinati nella guerra dei droni, e tanti altri casi di massacri attuati dagli Stati Uniti. Il presidente Biden è l’ultimo personaggio che potrebbe atteggiarsi a “paladino” dei diritti umani e Putin avrà la pazienza di farglielo notare.

Nota di Luciano Lago

9 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 21:56h, 30 Maggio Rispondi

    corrotti e venduti, lenoni atlantici, lo si vede scritto sul volto, che di umano ha ben poco ?

  • luther
    Inserito alle 22:36h, 30 Maggio Rispondi

    Fossi stato io al posto di Putin non lo avrei nenche cagato il signor biden come si dice dalle mie parti. Sono quasi certo che gli americani cercheranno di strumentalizzarlo questo incontro, facendo leva sul loro usuale, sovrumano marciume mentale . No, li avrei lasciati a cuocere nel loro brodo…. a fuoco lento. Che soddisfazione!

  • Yanez de Gomeira
    Inserito alle 03:42h, 31 Maggio Rispondi

    Biden va trattato come Lavrov ha trattato Borrell.

  • Arditi, a difesa del confine
    Inserito alle 03:44h, 31 Maggio Rispondi

    “Si può immaginare che Putin, se stuzzicato da Biden su tale questione, ricorderà a Biden che negli USA soltanto dall’anno scorso ad oggi, sono stati assassinati dalla polizia USA circa un migliaio tra afroamericani e latinos.”

    perchè scrivere cazzate ??

    nel 2020 sono state uccise un migliaio di persone dalla polizia in USA
    432 bianche
    226 negri
    156 ispanici
    164 nazionalità non conosciuta
    22 altro (forse alieni? )

    per cui risulta che anche sommando negri e ispanici non si arriva manco alla metà di sto “migliaio di afroamericani e ispanici”
    allineiamoci alla propaganda sinistronza mi raccomando, 420 bianchi non contano un cazzo

    • Arditi, a difesa del confine
      Inserito alle 03:46h, 31 Maggio Rispondi

      mi son scordato il link

      https://www.visualistan.com/2021/01/people-shot-to-death-by-the-us-police-in-2020.html

      questo sito ha fatto un dato obiettivo, avevo guardato newsweek e diceva “ben il 28% di negri sono stati ammazzati, ma loro sono il 14% della popolazione”, il restante 72% non conta? sinistri infami

      • Giorgio
        Inserito alle 09:17h, 31 Maggio Rispondi

        Sarà pure che in rapporto alla popolazione la percentuale di morti ammazzati non bianchi è elevata ……
        ma fossero anche una minoranza i bianchi ammazzati, e non è cosi ……. non contano niente per i difensori dei diritti delle minoranze ?
        E’ curioso il concetto di uguaglianza dei liberaloidi di sinistra ……

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 09:28h, 31 Maggio Rispondi

    L’incontro è un errore e i russi non dovevano accettare, perché la proposta è di biden, cioè elitista, ed è stata fatta dopo gli insulti a Putin e i molti tentativi di destabilizzazione ….
    Con questo nemico non si può trattare, lo si deve combattere senza quartiere, ma senza arrivare al conflitto aperto, mondiale, che forse è quello che il nemico elitista e occidentaloide cerca.
    A meno che la Santa Russia non abbia un piano e, in base a questo, abbia accettato l’incontro (improponibile) con l’assassino biden.

    Cari saluti

  • Hannibal7
    Inserito alle 10:49h, 31 Maggio Rispondi

    Io non avrei accettato
    Ma io sono io….Putin invece è un signore ,un paziente statega…probabilmente gli ameri-CANI, dopo gli insulti di Biden, si aspettavano una risposta negativa e Putin invece,accettando, li avrà spiazzati…..
    Spero che il presidente russo tiri fuori gli attributi ridicolizzi quella mummia yankee
    Saluti né

  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 12:16h, 31 Maggio Rispondi

    Bisognerebbe ricordare agli americani,che a livello alto sono sostanzialmente dei criminali.Ricordiamoci delle atomiche sganciate su due città giapponesi facendo più di trecentomila morti e.la quasi totale eliminazione dei popoli nativi americani,i veri proprietari di quelle terre.Bastano queste due cose ,per dire che prima di parlare si dovrebbero mettere la maschera.o la museruola.

Inserisci un Commento