Analista politico americano : “Occorre svelare tutti gli sporchi segreti degli Stati Uniti in Siria”

È necessario scoprire i crimini degli Stati Uniti e gli “sporchi segreti” in Siria per impedire alla nuova amministrazione di Washington di continuare questa politica. Questa dichiarazione è stata fatta alla rivista “Consortium News” dallo scienziato politico americano James Buffard.

Secondo il politologo, “gli sporchi segreti degli Stati Uniti in Siria dovrebbero diventare un’arma efficace nelle mani di milioni di americani che sono categoricamente contrari alle nuove guerre”.

Dite La verità!

L’esperto ha fatto appello all’amministrazione Trump, chiedendo di informare il mondo sugli attacchi in corso, l’occupazione delle terre siriane e il sostegno delle organizzazioni terroristiche che erano coinvolte nelle due precedenti amministrazioni statunitensi in Siria.

“Affinché la prossima amministrazione, guidata da Joe Biden, non ripeta gli errori del passato e torni a menzogne ​​e crimini, è necessario parlare dei crimini passati degli Stati Uniti in Siria”, dice James Buffard.

Secondo il politologo, “gli sporchi segreti degli Stati Uniti in Siria dovrebbero diventare un’arma efficace nelle mani di milioni di americani che sono categoricamente contrari alle nuove guerre”.

Trump dovrebbe affrettarsi, dice Buffard, perché la squadra di Biden ha promesso di aumentare la pressione sul legittimo governo siriano dando più soldi e armi alla cosiddetta “opposizione siriana moderata”.

Le amministrazioni di Washington hanno usato menzogne ​​per giustificare attacchi ad altri paesi, ricorda Buffard: è così che sono stati distrutti Serbia, Iraq e Libia. Nel 2013, il segretario di Stato John Kerry ha usato bugie per giustificare i tentativi di distruggere la Siria.

“Le bugie e gli omicidi in molti casi sono le due facce della stessa” medaglia politica ” , scrive il politologo sulle azioni delle precedenti amministrazioni statunitensi. – “Tutti gli ‘esperti’ di politica estera del team di Biden hanno precedentemente sostenuto l’azione degli Stati Uniti per rovesciare i governi stranieri, incluso il finanziamento di organizzazioni terroristiche come Al-Qaeda 1 (vietata in Russia) , che ha portato alla distruzione di interi paesi e la comparsa di milioni di profughi costretti a lasciare le proprie case ”.

Per fermare la distruzione di stati stranieri, è necessario rivelare al grande pubblico tutti i file relativi all’intervento degli Stati Uniti e ai crimini in Siria, scrive Buffard. Ciò fornirà agli oppositori della guerra negli Stati Uniti e in tutto il mondo i mezzi per contrastare le politiche distruttive di Washington.

Alla fine dell’articolo, James Buffard sottolinea: non c’è interesse nazionale degli Stati Uniti che giustifichi l’omicidio di persone in Siria o in altri paesi.

Dal 2013, Washington ha sostenuto attivamente i gruppi antigovernativi in ​​Siria, separatamente attraverso il Pentagono e separatamente attraverso il Dipartimento di Stato. Gli Stati Uniti hanno fornito armi (compresi i pesanti sistemi anticarro Javelin) e hanno fornito denaro agli estremisti, compresi quelli di gruppi direttamente associati ad Al-Qaeda e allo Stato islamico (vietato in Russia). Quindi, la Casa Bianca ha pianificato di rovesciare il governo legittimo della Siria senza ricorrere all’intervento armato diretto, come è avvenuto nel 2011 in Libia.

Il Dipartimento del Tesoro americano ha imposto una serie di sanzioni contro il governo di Damasco per paralizzare la resistenza e ritenere Bashar al-Assad responsabile del degrado dell’economia siriana. Le sanzioni hanno innescato un massiccio esodo della popolazione siriana tra il 2015 e il 2016, innescando la più grande crisi migratoria in Turchia e in Europa. Allo stesso tempo, Washington non ha abbandonato la sua politica di sanzioni contro la Siria, culminata nell’adozione della “Legge Cesare” nel 2020.

Utilizzando la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, gli Stati Uniti hanno effettuato un intervento militare diretto con il pretesto di combattere i terroristi dell’ISIS. Alla fine del 2018, le forze armate statunitensi e i gruppi armati curdi illegali sotto il suo controllo hanno occupato un vasto territorio nella Siria orientale, dove si trovano i più grandi giacimenti di petrolio e gas. Il petrolio siriano prodotto illegalmente viene esportato nel nord dell’Iraq e in Turchia per la vendita. Questa attività viene svolta con la partecipazione di compagnie militari private statunitensi e con la conoscenza del Dipartimento di Stato USA.

Fonte: Sana Agency – Arab New Service

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

fonteContrainjerenciaEE.UU.stati UnitiinterferenzaMedio OrienteSiria

  • Condividere

3 Commenti

  • Niko
    29 Novembre 2020

    Sembra che la parte iniziale di questo articolo sia stata scritta da un consulente di Killary Klinton

  • Farouq
    29 Novembre 2020

    Quanto siete ingenui, gli americani sanno benissimo dei massacri compiuti dal loro esercito

    Non frega niente a nessuno della verità, accettano volentieri le menzogne

    La menzogna non è un male nel mondo anglosassone figuriamoci per i sionisti

  • antonio
    30 Novembre 2020

    sono innumerevoli i crimini, dalle atomiche sulle ccittà giapponesi, al fosforo di notte su Dresada il martedì grasso, alla spagnola del 1918, alla ctisi del 29, all’ invasione con le droghe pesanti nel 70 sull’ Europa, ai colpi di stato nei paesi liberi nel mondo, al petrodollaro, aagli attentati in tutto il mondo, all’ ISIS, agli strangolamenti economici, ai furti di brevetti, ai Nobel taroccati, , ecc. ecc.

Inserisci un Commento