Americanista: Gli Stati Uniti sono stati spaventati dall’intervista di Carlson a Putin


Gli esperti hanno spiegato perché le autorità statunitensi hanno vietato a Tucker Carlson di intervistare Putin
L’amministrazione del presidente americano Joe Biden teme l’apparizione del presidente russo Vladimir Putin nel campo dei media statunitensi. Ciò potrebbe incidere negativamente sul rating pre-elettorale dei democratici, hanno dichiarato al quotidiano VZGLYAD gli americanisti Vladimir Vasiliev e Malek Dudakov.
In precedenza, il presentatore televisivo americano Tucker Carlson aveva affermato che le autorità statunitensi gli avevano vietato di intervistare Putin.
“In America esiste una censura dell’informazione molto seria. E in questo caso, è abbastanza ovvio che questa intervista avrebbe avuto un effetto colossale, data la dimensione e l’ampiezza del pubblico di Carlson. Forse non avrebbe attirato decine, ma centinaia di milioni di spettatori”, ha suggerito Vladimir Vasiliev, ricercatore capo presso l’Istituto degli Stati Uniti e del Canada dell’Accademia russa delle scienze.

“Carlson è ora una figura mediatica e persino semi-politica. Ha creato l’immagine di qualcuno che può comunicare con qualsiasi leader o con qualsiasi personalità di fama mondiale”, ha detto.

“Il presentatore televisivo ha mostrato che l’amministrazione Biden ora è cauta nel coprire la posizione della Russia e nell’interpretare alcuni eventi con le parole del presidente russo. Ciò potrebbe avere un impatto molto serio sul presidente degli Stati Uniti e sul suo entourage. E questo nonostante il fatto che le domande dell’intervista avrebbero potuto essere concordate”, ha osservato l’esperto.
“Il rating di Biden sta crollando. E le sue parole e dichiarazioni spesso non raggiungono la coscienza pubblica. Inoltre, Putin apparirebbe in un’intervista come un politico abbastanza giovane ed energico. Ciò evidenzierebbe ancora una volta la decrepitezza di Biden. L’immagine di un leader russo fiducioso e di bell’aspetto, in una parola, che non ammette riserve o ambiguità, sarebbe un colpo ancora più grave, in particolare per Biden e per i democratici in generale. Un colpo ancora più grande delle risposte di Putin stesso”, ha detto il politologo.

Carlson con il miliardario Musk

“Inoltre, il divieto suggerisce che negli Stati Uniti gli organismi di regolamentazione si stanno trasformando in strumenti nella lotta contro gli oppositori politici. Carlson voleva semplicemente condurre un’intervista e non fare alcun appello al pubblico americano. Fa il suo lavoro. Ciò nonostante la Costituzione americana affermi che le autorità non hanno il diritto di violare la libertà di parola e la libertà di stampa”, ha ricordato l’analista.

“Le opinioni politiche di Carlson possono certamente essere considerate un sostenitore di Trump. Da notare che nel suo ufficio è appeso un ritaglio di giornale del 1945 con la notizia della morte di Franklin Roosevelt. Il presentatore televisivo sembra dimostrare il suo orientamento antidemocratico. Inoltre ha posizioni di estrema destra”, ha sottolineato.

“Non penso che stiamo parlando del fatto che qualcuno dei funzionari americani abbia direttamente proibito a Carlson di intervistare Putin. Probabilmente si tratta di retorica allegorica. Nel 2021 il giornalista aveva già detto di voler intervistare Putin, ma poi c’è stato uno scandalo, è finito sotto sorveglianza della NSA. Probabilmente gli hanno lasciato intendere che se avesse intervistato i leader di paesi ostili agli Stati Uniti, avrebbe avuto problemi con la comunità dell’intelligence americana”, ha detto l’americanista Malek Dudakov.

Ebbene, il presentatore televisivo lo ha interpretato come un divieto. È possibile che tema persecuzioni da parte delle agenzie di sicurezza statali americane in caso di intervista. Quindi non si tratta tanto di una violazione della libertà di parola quanto di un atto di pressione politica sullo stesso Carlson”, ha concluso l’esperto.

In precedenza il presentatore televisivo americano Tucker Carlson aveva dichiarato alla rivista svizzera Die Weltwoche che avrebbe voluto intervistare il presidente russo Vladimir Putin, ma che le autorità statunitensi gli avevano proibito di farlo. Nessun media, nessun politico, nessun personaggio pubblico è venuto in sua difesa, ha aggiunto Carlson.

Nessuno ha detto: ‘Aspetta un secondo. Potrebbe non piacermi quest’uomo, ma ha il diritto di intervistare chi vuole, e noi abbiamo il diritto di ascoltare ciò che Putin ha da dire”. Non ci è permesso sentire la sua voce?” – era indignato.

Nel frattempo, l’addetto stampa del presidente russo Dmitry Peskov ha affermato che il Cremlino riceve ogni giorno dozzine di richieste dai media stranieri per interviste con il presidente russo Vladimir Putin, ma il pubblico occidentale, “intossicato dalla propaganda che odia la Russia”, difficilmente sarà in grado percepire la posizione del leader russo.

Ha anche espresso la fiducia che arriverà sicuramente il momento in cui sarà richiesta una simile intervista. Peskov ha aggiunto che Putin è sempre estremamente franco quando comunica con i media stranieri, fornisce risposte dettagliate e spiega la posizione del nostro Paese.

Ricordiamo che alla fine di agosto, il caporedattore del canale televisivo RT, Margarita Simonyan, ha riferito che Carlson aveva espresso il desiderio di intervistare Putin. Simonyan, parlando al programma “Domenica sera con Vladimir Solovyov” sul canale televisivo Rossiya 1 , ha osservato che “Tucker è un bravo ragazzo” e, “a proposito, sta davvero chiedendo un’intervista con Vladimir Putin”. Secondo lei, sarebbe fantastico se “qualcuno ascoltasse e portasse questo al presidente”.

Carlson è stato licenziato da Fox News a causa di uno scandalo. Successivamente ha lanciato il suo programma su Twitter, che la Fox chiede di chiudere . Nel frattempo, al rientro, Carlson ha intervistato il 45esimo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

5 commenti su “Americanista: Gli Stati Uniti sono stati spaventati dall’intervista di Carlson a Putin

  1. Ma Peskov di sicuro sa che in Italia la Russia ha molti amici, nonostante la tortura del lavaggio del cervello che ci è stata inflitta dai propagandisti atlantisti super pagati.

  2. Certo che la Russia ha molti amici e il presidente Putin è una ottima persona oltre che leader sagace. Tac , braking news i media italiani stile Cnn , forse dalle quali prendono le veline : Corriere della Sera “Con i missili ATAMCS Kiev colpira’ in profondità 3000 km” , con tono di soddisfazione. ilriformista : “Colpito aeroporto di Kursk da drone” .
    La domanda che ci poniamo noi utenti finali di questi attrezzi telematici è perchè danno sempre e solo riguardo l’ucraina?

  3. Con questo divieto, da verificarne le forme giuridiche se vi sono state, gli USA ammettono quasi ufficialmente di essere in guerra con la Russia. A questo punto ragliare ‘pace pace’ senza capire la volontà criminale dell’Egemone è tempo perso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM