America e progetti di caos creativo.. Biden ripete la follia di Trump


In definitiva , il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha cambiato la politica del suo predecessore, Donald Trump: l’aviazione americana ha attaccato le località siriane Al-Bukamal e Al-Qaim, in una nuova follia americana in cui Washington ha violato le leggi e le norme internazionali, alzando il livello di tensione politica nella regione e ha sollevato molte domande sui messaggi del presidente degli Stati Uniti Joe Biden e sulla loro risposta.


Il mondo – il problema del giorno

Biden sta giocando con il fuoco nella regione orientale della Siria, sì, sono i suoi aerei che sono stati lanciati nello spazio aereo iracheno e le incursioni nei punti delle Forze di Mobilitazione Popolare irachena al confine tra Siria e Iraq. il che significa che Biden ha ordinato questo, ed è entusiasta sull’instabilità nei due paesi, e l’uso della forza militare come messaggi diplomatici nella regione e nell’area, e tutto questo conferma che gli stessi Stati Uniti non sono cambiati, e che hanno cambiato il nome del presidente in carica, così che quel Joe Biden sta ancora seguendo il percorso degli ex presidenti degli Stati Uniti d’America.

Commemorazione caduti della Resistenza


Per i calcoli della politica estera americana in particolare, una persona come Joe Biden non farà la differenza fra loro, e non ridurrà lo stato di ostilità all’asse di resistenza, o l’invenzione della sedizione e dell’ostilità e l’assunzione di nemici, e questa aggressione americana si sviluppa sempre dall’escalation di azioni aggressive. Dal riscaldamento politico al campo e dall’investimento diplomatico di Qom, e tutto questo si ripete in una scena che aumenta la conferma dell’assurdità americana, e rafforza i punti di certezza che Washington non sta cercando soluzioni politiche, ma piuttosto scommette sui fattori di escalation, che le capacità di qualsiasi osservatore non mancano di analizzare.
La presenza degli occupanti e il rafforzamento del ruolo dei mercenari dall’ISIS e di altri gruppi, ricorrendo all’uso di fronti paralleli, la recente aggressione americana può essere compresa solo attraverso gli sviluppi politici e militari sul terreno, e allora lo spazio del piano americano diventa chiaro.

Truppe occupanti USA nelle loro basi

Esaminare le giustificazioni americane e i motivi e pretesti dell’aggressione, non impedisce di rendersene conto o di appoggiarsi a quelle per alleviare la gravità della crisi e l’intrattabilità politica che gli Stati Uniti stanno vivendo dopo la grande sconfitta del loro progetto nella Regione.
L’amministrazione di Washington, che non è stata in grado di investire a lungo negli strumenti del caos creativo nella regione, ed è stata sconfitta nel suo disegno, sta cercando di usare la forza militare come un caso di pressione sulla Siria e sulla decisione siriana fortificata di vincere le elezioni presidenziali , cosa che rivela l’ignoranza dei cambiamenti politici nella regione da parte dell’amministrazione Biden, e il vero problema Sta nel fatto che Biden non legge né impara dalle lezioni della storia, anche se ha ricoperto la carica di vicepresidente Obama e ha assistito alla loro sconfitta in Iraq e il loro ritiro forzato nel 2011.


Questo scenario riflette l’entità dell’incoscienza americana che sta cercando di imporre nuove regole di ingaggio a spese dell’asse, e non è altro che un riflesso della politica di brutalità americana, che è scivolata nello spargere sangue con la logica del brutale e più orribile surplus di potere della storia, e disegna grandi punti interrogativi, sulle finalità che gli Stati Uniti perseguono da dietro l’aggressione, e perché hanno fallito? Tutti sanno che Siria e Iraq sono la chiave per la stabilità dell’intera regione, e la forza di questi due Paesi è la vera leva per il ritorno della stabilità nella regione.
Tutto ciò porta al fatto che la risposta che è stata effettuata contro la base militare illegale statunitense presso il campo petrolifero di Al-Omar a Deir ez-Zor non è altro che una chiara prova del fallimento dei tentativi statunitensi di tracciare nuove equazioni, e che la regione sta per affrontare un piatto caldo, le cui stagioni sono calde quest’estate, e gli Stati Uniti Gli Stati Uniti raccoglieranno i frutti del loro fallimento, della rovina e del caos che hanno provocato. La risposta nel campo della vita arriverà ai messaggi americani con il fatto che né gli accordi americani, né il surplus di potere o l’indiscrezione politica trarranno beneficio in questa regione, e che l’ultima parola qui è diversa da tutte le parti della terra, poiché la presenza americana finirà e lo spargimento di sangue con altro sangue e bombardamenti con attacchi indiscrimiati.
Hossam Zeidan

Fonte: Al Alam

Traduzione: Fadi Haddad

Nessun commento

Inserisci un Commento