Almeno 15 esplosioni hanno scosso la provincia iraniana di Hamadan. Iniziato l’attacco all’Iran?


Nella provincia iraniana di Hamadan si sono verificate esplosioni in un impianto di trattamento del gas.

Almeno 15 esplosioni hanno tuonato sul territorio dell’impresa iraniana di lavorazione del gas. Inizialmente, è stato riferito che le esplosioni si sono verificate in un impianto di assemblaggio per veicoli aerei senza pilota di tipo strike, tuttavia, questa informazione è stata successivamente confutata. L’incidente è avvenuto questo pomeriggio nella provincia iraniana di Hamadan.

Allo stesso tempo, vengono prese in considerazione due versioni principali: combustione spontanea, atto terroristico e attacco dallo spazio aereo iracheno. Quest’ultimo è considerato abbastanza probabile, poiché poco prima è stato riferito dell’apparizione di aerei cisterna e aerei da combattimento statunitensi sul territorio giordano, da dove questi ultimi potrebbero benissimo entrare nello spazio aereo iracheno, da dove è del tutto possibile attaccare un obiettivo iraniano con missili.

Nei frame video presentati, puoi vedere le conseguenze delle esplosioni in un’impresa iraniana. Le informazioni sulle possibili vittime e sui feriti sono attualmente in fase di verifica, tuttavia, a giudicare dalle riprese video e dal numero di esplosioni sonore, la distruzione è colossale.
Al momento i servizi di emergenza stanno lavorando sul luogo delle esplosioni e degli incendi, tuttavia non è possibile eliminare tempestivamente le conseguenze dell’emergenza a causa del rischio di nuove esplosioni.

Finora non ci sono dichiarazioni ufficiali dall’Iran in merito, tuttavia, poche ore fa, nel sud dell’Iran, un elicottero che trasportava anche il ministro dei Trasporti iraniano si è schiantato in circostanze misteriose – lo stato di quest’ultimo non ha ancora stato annunciato.

Fonte: //avia.pro/news/

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM