Almeno 100 morti dopo il massiccio attacco israeliano alla città di Rafa a Gaza

Sono stati segnalati attacchi contro case e tre moschee nel nord e nel centro della città, provocando almeno 230 feriti.
Almeno 100 persone (donne e bambini) sono morte questa domenica a seguito di un massiccio attacco delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) contro la città di Rafa, nella Striscia di Gaza, al confine con l’Egitto, ha riferito il Ministero della Sanità dell’enclave palestinese .

Sono stati segnalati attacchi contro case e tre moschee nel nord e nel centro della città, provocando almeno 230 feriti . Uno dei templi ospitava centinaia di sfollati provenienti da altri territori dell’enclave.

I feriti, soprattutto donne e bambini, sono stati portati all’ospedale Kuwatí nel centro della città. Secondo la stampa locale, le squadre di ambulanze hanno continuato ad arrivare al centro medico sotto colpi di arma da fuoco che hanno impedito loro di svolgere il loro lavoro. “L’ospedale è pieno di feriti e non ci sono abbastanza medicine o sieri “, ha detto il direttore Suhaib Al Hams.

La Mezzaluna Rossa Palestinese ha avvertito che le forze israeliane stanno intensificando gli attacchi aerei contro le case abitate davanti al suo quartier generale, situato nel centro di Rafa. Sono stati registrati almeno 50 attacchi aerei da parte di caccia bombaradieri israeliani

Da parte sua, l’esercito israeliano ha confermato che oggi hanno effettuato attacchi nella zona. “L’IDF ha effettuato una serie di attacchi contro obiettivi terroristici nell’area di Shaboura, nel sud della Striscia di Gaza. Gli attacchi sono terminati “, hanno riferito.

In questo senso, hanno riferito di essere riusciti a salvare due ostaggi rapiti dal movimento palestinese Hamas il 7 ottobre 2023 durante la loro incursione in territorio israeliano. Le persone soccorse sono in buone condizioni e sono state portate in un ospedale israeliano per essere esaminate.

“Operazione massiccia”
Venerdì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ordinato ai suoi militari di fare piani per evacuare più di un milione di civili palestinesi stipati nella città
, l’ultimo rifugio disponibile per gli sfollati della Striscia di Gaza, prima di iniziare una “operazione di massa”.

“È impossibile raggiungere l’obiettivo della guerra di eliminare Hamas lasciando quattro battaglioni di Hamas a Rafa “, aveva dichiarato allora il presidente israeliano.

Critiche all’operazione israeliana
Di conseguenza, domenica scorsa il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avuto una conversazione telefonica con il suo omologo israeliano, avvertendolo che il suo Paese non dovrebbe effettuare operazioni nella popolosa città di Rafa, senza un piano “credibile ed eseguibile” per proteggere i civili.

Allo stesso modo, anche il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha affermato che le notizie sull’imminente offensiva israeliana a Rafa sono “estremamente preoccupanti”. “Continuare con i piani potrebbe avere conseguenze seriamente devastanti per 1,4 milioni di persone che non hanno nessun altro posto dove andare e che non hanno quasi nessun posto dove cercare assistenza medica”, ha affermato .

D’altra parte, è stato anche riferito che l’Egitto sta valutando la possibilità di sospendere gli accordi di Camp David, firmati con Israele nel 1978, se il governo Netanyahu invierà truppe a Rafa. Questo storico trattato di pace è stato negoziato con la mediazione dell’allora presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter e comprende diverse disposizioni che regolano lo spiegamento di forze su entrambi i lati del confine.

Il numero totale delle vittime dell’aggressione israeliana ha superato i 28.000 morti e più di 67.611 feriti . Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) stima che 17.000 bambini non siano accompagnati o siano stati separati dalle loro famiglie e che quasi tutti i minori avrebbero bisogno di supporto per la salute mentale.

Fonte: RT Actualidad

Traduzione: Luciano Lago

.

3 commenti su “Almeno 100 morti dopo il massiccio attacco israeliano alla città di Rafa a Gaza

  1. Fanno quel che vogliono e nessuno fa nulla. il mondo intero odia questi pazzoidi, eppure loro continuano per la loro strada, tanto nessuno interverrà mai. Perchè? Chi sono questi demoni???

  2. Attenzione che i ”fratelli maggiori ” nemmeno le critiche tollerano. I goym come si permettono di criticare il ” popolo eletto ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM