Alla popolazione dei paesi della NATO viene insegnato a pensare alla guerra con la Russia. Politici ed esperti hanno valutato le dichiarazioni delle forze armate della NATO sui tempi della guerra con la Russia


Testo: Evgeny Pozdnyakov,
Ilya Abramov

Il capo del comitato militare della NATO, Rob Bauer, ha affermato che entro 20 anni potrebbe scoppiare un conflitto tra la Russia e l’alleanza. Allo stesso tempo, la Germania continua ad aumentare il panico per il confronto con Mosca e prevede un conflitto tra cinque o sette anni.

Dichiarazioni simili si sentono anche dalla Polonia, dalla Svezia e da numerosi altri paesi. Qual è il motivo di tale allarmismo e come dovrebbe rispondere Mosca?
La NATO ha chiesto i preparativi per un conflitto totale con la Russia. Lo ha annunciato il capo del comitato militare dell’alleanza, l’ammiraglio Rob Bauer. Le sue parole sono citate da The Telegraph . Secondo l’ammiraglio entro i prossimi 20 anni potrebbe verificarsi uno scontro diretto tra le due parti. Allo stesso tempo, ha consigliato alla popolazione civile di accettare il fatto che i prossimi eventi “cambieranno drasticamente le loro vite”.

Secondo lui il conflitto con Mosca richiederà una mobilitazione di massa. I governi occidentali devono creare il sistema di gestione necessario per un processo su così larga scala. “Dobbiamo capire che l’esistenza pacifica non è un fatto immutabile. Ed è per questo che dobbiamo prepararci alla guerra con la Russia”, ha sottolineato.

“L’Alleanza deve poter fare affidamento sulla sua base industriale esistente per produrre armi e munizioni il più rapidamente possibile”, ha osservato Bauer. Inoltre, il capo del comitato militare ha elogiato la Svezia per il fatto che la leadership del paese, ancor prima di aderire ufficialmente alla NATO, ha lanciato un appello ai cittadini sulla necessità di prepararsi per l’imminente confronto con la Russia.

Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev ha risposto alle dichiarazioni di Stoccolma . Sulla sua pagina su X (ex Twitter; il social network è bloccato nella Federazione Russa), ha osservato che gli svedesi “vivevano felici” anche senza un’alleanza. Ora hanno deciso di unirsi all’organizzazione per “proteggersi dall’aggressività russa”. “Non sono idioti?” chiede Medvedev.

“Queste dichiarazioni dei funzionari della NATO non hanno alcuna base reale e mirano a risolvere i propri problemi. Innanzitutto, in questo modo la leadership dell’alleanza cerca di attrarre ulteriori fondi e di stimolare lo sviluppo del complesso militare-industriale dei paesi del blocco”, ha affermato il senatore Konstantin Dolgov.

“In secondo luogo, la leadership della NATO cerca di influenzare la popolazione dei paesi dell’Alleanza. La gente deve spiegare perché le autorità spendono soldi per l’Ucraina quando è sempre più difficile per i lavoratori guadagnarsi il pane quotidiano”, sottolinea.

“In generale, la NATO non può esistere senza l’immagine di un nemico.

Inizialmente, il blocco è stato creato per contrastarci e, finché esisterà l’alleanza, si preparerà alla guerra con la Russia. Inoltre, l’associazione sta già cercando di combattere Mosca nelle mani sbagliate in Ucraina. Oggi l’Occidente invia a Zelenskyj denaro, armi, consiglieri e mercenari”, osserva l’interlocutore.

“La Russia non vuole lo scontro, ma sarà costretta a rispondere alle minacce emergenti. A questo proposito, dobbiamo rafforzare il nostro potenziale di difesa, mettere l’industria su una base tecnologica ed espandere i rapporti diplomatici con altri paesi, ad esempio i partner BRICS. E la cosa più importante è che dobbiamo vincere sul campo di battaglia”, ha chiarito Dolgov.

Parallelamente alle dichiarazioni di Bauer, il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che la Germania dovrebbe riconoscere la possibilità di un conflitto con Mosca che inizierà tra cinque-otto anni. Ne parla la pubblicazione Tagesspiegel . “Voglio risvegliare la nostra società”, ha sottolineato. Il capo del dipartimento militare ha anche affermato che Berlino non dovrebbe sostenere totalmente l’Ucraina.

“Altrimenti noi stessi rimarremo indifesi. Per ora abbiamo fatto tutto il possibile”, ha detto Pistorius alla Bild . A suo avviso, tra tutti i paesi dell’UE, la Germania fornisce il maggiore contributo all’aiuto delle forze armate ucraine. Di conseguenza, al momento, altri membri dell’associazione dovrebbero assumersi maggiori responsabilità. (………).

Le dichiarazioni del capo della Bundeswehr non sono il primo tentativo di Berlino di intimidire i tedeschi con un conflitto con Mosca. In precedenza un altro articolo della Bild riportava i presunti preparativi del governo tedesco per la guerra tra Russia e NATO. Secondo le aspettative del Ministero della Difesa tedesco, il conflitto potrebbe iniziare nell’estate del 2025. Allo stesso tempo, l’escalation avverrà nel febbraio 2024, quando l’esercito russo sferrerà un’offensiva attiva in Ucraina e respingerà le forze armate ucraine.
Il politologo Vladimir Kornilov ha osservato che con le voci su un’imminente guerra con la Russia, il governo tedesco sta cercando di distrarre la popolazione dai problemi interni. “La Germania sta attualmente attraversando una forte recessione economica e il paese è interessato da scioperi su larga scala dei lavoratori. L’immagine di un “nemico terribile e pericoloso” ha il potenziale per unire la società tedesca”, ha sottolineato.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

21 commenti su “Alla popolazione dei paesi della NATO viene insegnato a pensare alla guerra con la Russia. Politici ed esperti hanno valutato le dichiarazioni delle forze armate della NATO sui tempi della guerra con la Russia

  1. La NATO è MORTA. Guerra tra 20 anni con la Russia! Ha ha ha ha ha!
    L’occidente non dura così tanto, è in picchiata, dura ancora per POCO. Ha ha ha ha ha!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Oramai gli immondi che comandano l’ovest e i loro lacché hanno perso la testa. Vaneggiano. Si drogano.
    Sono istupiditi dalle SCONFITTE. Figurammerda.

    1. Ti ricordo un detto, che in questo caso mi pare d’uopo citare: “la bestia ferita è la più pericolosa”.
      Se “costoro” subodorano la sconfitta che si approssima, non avranno scrupolo a compiere atti criminali contro le popolazioni del mondo, con poche distinzioni, ad usare tutte le armi di cui dispongono e controllano e a bruciare migliaia di miliardi di risorse per vincere e mantenere il controllo, costi quel che costi … In confronto a loro i peggiori criminali seriali,della realtàe del cinema, saranno bimbetti che baruffano nel cortile dell’asilo.

      Cari saluti

  2. Ecco quale è il punto: dopo la “prevista” offensiva russa in ukraina a metà gennaio – già trascorsa! – e visto che non c’è stata alcuna offensiva generale sul lungo fronte, si sposta la data a febbraio, poi, come ulteriore ragione, i pagliacci assassini atlantisti e i loro servi in Europa occidentale, hanno il compito sia di spaventare le popolazioni sottomesse (e schiave dell’imperialismo) preparandole alla guerra, sia di “spingere” i profitti dell’industria bellica privata … ma quella usa! Perché se la Germania, l’Italia e altri paesi saranno costretti a riarmarsi, riducendo di conseguenza la spesa sociale utile alle popolazioni, e dovranno farlo in fretta, saranno costretti ad acquistare armi dal cuore nero dell’impero del male, cioè dal complesso militare-industriale usa, in quanto non potranno espandere la produzione industriale per scopi militari con rapidità, per questo ci vorranno anni, dopo decenni di progressivo disarmo, di riduzione delle forze armate e di privatizzazione dell’industria bellica europea, che ormai produce ad elevati costi, in piccole quantità annue, per il profitto, l’esportazione e non per la difesa del territorio nazionale, essendo fuori dal controllo di stati nazionali che hanno perso quasi completamente la sovranità.

    Cari saluti

  3. Vecchio trucco, trito e ritrito, un tempo addebitato ai regimi tirannici e ora usatissimo dalle “grandi democrazie occidentali” ! Indirizzare la rabbia popolare, per le proprie condizioni di vita in peggioramento, suscitando paura e terrore, verso un nemico fabbricato ad arte: le armi chimiche di Saddam, le decapitazioni dell’Isis, un virus (aids, mucca pazza, ebola, covid), palestinesi, yemeniti, Siria, Iran, Hezbollah indicati come terroristi, Corea del Nord, Cina e Russia che vogliono invadere l’occidente ! Il gioco è ormai troppo scoperto anche per dei popoli rincitrulliti e sedati come quelli europei !

  4. Chissà perchè ma quando gli ebrei raggiungono posizione di potere dentro ad uno stato succede il finimondo, di solito guerre, genocidi e massacri. Sta attenta Europa! Diceva Solgenitzin sui suoi libri che il 75% delle posizioni di comando nell’ organigramma del partito bolscevico in Russia durante il regime del terrore che portò ad esecuzioni di massa, morti per fame e gulag (tutte le vittime erano slavi ortodossi) …cerano EBREI! Non so se sefarditi, askenazi ma in effetti per generare e compiere certe stragi si deve pensare secondo dogma talmudisti che il Prossimo Tuo non debba essere umano, una creatura di Dio intendo. Solo così si può essere apposto con la propria coscienza.

  5. E a supporto del mio intervento parlando di Ucraina noto che a comandare da quelle parti sono ebrei (Poroshenko, Zalensky…) e a crepare nelle trincee sono slavi ortodossi…sta attenta Europa che a lasciare in giro i vari Mieli a parlare nelle TV nel giro di qualche anno ci finiranno i cristiani in trincea.

    1. In effetti, se ci pensiamo un po’ sopra, la potenza britannica destinata a diventare il primo impero coloniale e ad avere l’accumulazione originaria del capitale necessaria per la prima industrializzazione, è stata finanziata agli inizi da ebrei olandesi, i predecessori dell’agente di cambio david ricardo, che si è trasferito in inghilterra e ha “codificato” le leggi balzane del capitalismo …

      Gli ebrei hanno una lunga pratica “crematistica” e la finanza di rapina odierna, che accumula e distrugge enormi ricchezze, compromettendo l’esistenza di popoli e nazioni, non è che l’evoluzione e l’estrema sofisticazione di questa pratica sistematizzata, inoltre i nasi adunchi odiano i goiym e vogliono fargliela pagare, in quanto “eletti” da quella mostruosità ebrea che è yahweh …

      Cari saluti

  6. Non si ripeterà mai abbastanza che l’Occidente a trazione israelo-anglosassone è guerra, rapina , miseria e morte con tutti i Mario Draghi, che lo dirigono

  7. Una banda di tondi che pensano solo alla guerra anziché pensare alla scuola sanità lavoro e scienza ma devono sapere che : quanto la russia si arma il mondo trattiene il respiro.

  8. Secondo me questo tra gay e droga ne sparano balle … il bello che pecorini ucraini e europei ci credono … ricordo ai drogati criminali che fare la guerra con la Russia significa estinzione dell’essere umano

  9. è vergognoso che politici e giornalisti occidentali- verosimilmente a libro paga della cupola plutocratica- mentano spudoratamente con coscienza e volontà, propalando notizie false al solo scopo di giustificare le spese militari e l’odio anti russo.Nel 1945 l’URSS aveva nella germania est 45 divisioni corazzate contro le 3/5 angloamericane, se il compagno Stalin non invase l’europa occidentale allora- con probabilità di facile e rapidissima vittoria- quando mai lo farebbe oggi Putin che, già con la guerra soft condotta in ucraina ha dimostrato pazienza, moderazione, rispetto per la vita di militari e civili- contrariamente a tutte le guerre di sterminio e genocide condotte da sempre dagli usa e dai loro alleati e amici: inglesi israele etc.

    1. Sembra che l’impegno militare russo in ukraina sia “soft”, in linea non con una guerra vera e propria, ma con una Operazione Militare Speciale con aspetti di polizia e alcuni limiti, in passato, per un po’, l’ho creduto anch’io …

      Il fatto è che i russi combattono mentre aumentano le produzioni di sistemi d’arma e munizioni, la loro economia è salda e non è l'”economia di guerra” di uno stato fallito come quello ukraino, nel contempo sono calate drasticamente le armi e le munizioni nei depositi nato, particolarmente quelle consegnate dagli ascari europei degli usa agli ukronazi, che sono andate largamente distrutte o vendute all’estero, e l’effetto dei pazienti “tritacarne” messi in opera dai russi si fa sentire, con l’ultima, disperata mobilitazione draconiana in ukraina, visto che la necessità è di 500.000 individui (compresi invalidi e menomati, nonché donne) che tamponino le perdite mostruose e fungano da carne (fresca) da cannone.

      Per tali motivi i russi stanno vincendo – cosa intollerabile per l’élite statunitoide-giudaica e angla – ma con i loro tempi, perché con questi ritmi di distruzione del nemico, senza subire eccessive perdite di uomini e mezzi, possono andare avanti degli anni … La fretta è solo dei cosiddetti occidentali, che stanno perdendo.

      Cari saluti

    2. Caro Avvocato Ballicu,
      da decenni mi accorgo che giornalisti, politici, magistrati , avvocati nella dittatura liberista vengono corrotti, con l’enorme potenza dei potenti banchieri Ebrei che hanno tolto ai popoli la sovranità nazionale e soprattutto monetaria… Trovai un ottimo libro che leggendolo confermò la malvagia verità.
      Il Libro era giornalisti comprati, scritto dal giornalista tedesco Udo Ulfkotte. Si può acquistarlo direttamente in italiano dalla casa editrice tedesca. Purtroppo Udo , fu assassinato poco prima de mandare alle stampe altri 2 libri …. Per scelta non ho tv ne leggo i quotidiani per le masse… sa come si potrebbe ripulire questo sistema liberista che da ver0 è la peggiore dittatura mai finora esistita

  10. non sottovalutate il potenziale del singolo, oggi la tecnologia offre grandi possibilità; un drone da hobbisti e una scorta di granate VOG-17 modificate per lo sgancio dai droni (modifica banale alla portata di qualsiasi hobbista dotato di stampante 3d) può infiggere danni enormi a forze ostili anche con divise teoricamente al servizio dei cittadini come polizia e gendarmeria. La guerra totalmente asimmetrica, dove il cittadino comune senza specifico addestramento può eliminare intere brigate di super professionisti addestrati, è realtà già adesso

    1. Vero caro STALKER ! Il vecchio detto: “un granello di sabbia può bloccare un grande e complesso ingranaggio”, è sempre valido ! Un equipaggiamento spartano e artigianale può tranquillamente aver ragione di sofisticati congegni, ne sono prova gli avvenimenti attuali, tutte le capacità e creatività popolari torneranno utili al momento opportuno, e, insieme alla motivazione, sono l’arma decisiva per sconfiggere un nemico apparentemente invincibile, perchè dotato di leggi, parlamenti, armi, blindati, mezzi informatici e di propaganda !

    2. Vero. I droni hanno cambiato la guerra in modo impressionante e cambieranno il terrorismo. I droni sono le molotov del futuro.

  11. Rimango scettico non vedo questa vittoria Russa che descrivete, l’avanzata è lentissima e x arrivare a Kiev e Leopoli ci vorranno anni ed anni, xchè è lì che devono denazificare e non nel Dondas, è proprio la tattica russa che trovo sbagliata, forse sbaglierò se saremo a vedere.

    1. Egregio Sarabanda,

      forse lei non ha ancora compreso che la strategia russa non è quella di mantenere o conquistare territori a tutti i costi,ma piuttosto quella di annientare le forze militari nemiche. Analogamente alla strategia sovietica nell’ultima guerra, i russi lasciano avanzare le truppe nemiche, logorandole con la potenza di fuoco e successivamente chiudendo il cerchio e annientando il nemico, come avvenne a Stalingrado con le forze germaniche di Von Paulus.

      Tenere i territori a tutti costi, seguendo gli ordini dementi del buffone di Kiev, comporta la perdita delle forze e il crollo del fronte. Esattamente quello che sta accadendo all’esercito ucraino a corto di munizioni e di uomini.

      Imparare dalle lezioni della Storia.

      Saluti

      Luciano Lago

  12. Non condivido. Secondo me ancora ci sono molti Ucraini che non hanno certo gradito che Ebrei e anglosassoni hanno organizzato un colpo di stato per mettere un burattino corrotto coi soldi del mossad, mi6 e CIA per portare via dalla Russia una regione Russa… cioè come se americani inglesi ed ebrei mettessero un burattino per togliere all’Italia la Toscana… Ho trascorso 3 anni della mia vita a Mosca e vi assicuro che non si vive certo peggio che in Italia… provate ne vale da vero la pena, i tre anni più belli.

  13. Attenzione veramente… perchè la seconda guerra mondiale è cominciata proprio così… Prima hanno mandato contro la Germania altre nazioni, per stancarla militarmente, e poi sono intervenuti tutti assieme per sfondarla.
    E prima di questo, accumulo per qualche anno di materiale bellico e posizionamento di reparti militari (come oggi l’Europa sui confini ucraini). Non costruiscono materiale bellico per poi non usarlo…..
    C’è da sperare solo in una singola cosa: oggi la popolazione non è piu analfabeta come allora (oggi sa leggere e scrivere), da farsi mandare in guerra a morire, mentre i mandanti e i ricchi se stanno sui divani……
    O almeno…. questo lo spero!
    Gente colta di un popolo colto, se riceve armi, le usa per punire chi li vuole mandare in guerra, e non i nemici falsamente designati e, spero, non si fa mandare a morire come pollame da chi non va nemmeno in guerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM