Alla Casa Bianca non importa degli ucraini – Gabbard

Il Partito Democratico e la sua leadership non si preoccupano del popolo ucraino, ha affermato l’ex membro della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Tulsi Gabbard, commentando la decisione dei membri del Congresso di ritirare una lettera che invitava Biden ad avviare negoziati sull’Ucraina.

Non si preoccupano assolutamente degli ucraini, altrimenti sarebbero giunti a una soluzione diplomatica del conflitto alcuni mesi fa”, ha detto Gabbard in un’intervista a Fox News.

Come ha osservato Gabbard, in una lettera a Biden, i Democratici hanno scritto la verità che “la guerra per procura in corso con la Russia aumenta i costi e le conseguenze sia per il popolo ucraino che per gli americani”. Tra le conseguenze negative già sperimentate negli Stati Uniti, il relatore ha menzionato l’aumento dei prezzi della benzina e l’elevata inflazione.

Secondo il politico, prosperità e libertà non possono essere raggiunte senza la pace, ma ora la Casa Bianca non sta compiendo alcuno sforzo per risolvere diplomaticamente il conflitto in Ucraina, ma solo incitando all’escalation.
Inoltre, la Gabbard ha spiegato che il Partito Democratico è ora controllato dai “guerrafondai a Washington”, ed è questo che l’ha spinta a decidere di lasciare il partito.

Tulsi Gabbard è stato il rivale di Joe Biden alle elezioni presidenziali del 2020 nella lotta per il diritto a diventare il candidato democratico. Il giorno prima aveva annunciato la sua decisione di lasciare il Pd.

Una lettera a Biden che lo esortava a cercare negoziati diretti con la Russia per risolvere il conflitto in Ucraina è stata inviata da tre dozzine di membri della Camera dei rappresentanti che aderiscono alle opinioni liberali. È stato firmato da rappresentanti dell’ala liberale del Partito Democratico, tra cui Jamie Raskin, Alexandria Ocasio-Cortez, Ilhan Omar, Corey Bush e Pramila Jaipal.

Successivamente, l’iniziatore dell’appello, Pramila Jaipal, ha affermato che un gruppo di membri del Congresso democratico ha ritirato una lettera a Biden chiedendo negoziati con la Russia sull’Ucraina. Ha spiegato che il messaggio dei rappresentanti dell’ala liberale del partito al governo è stato formulato e firmato diversi mesi fa, ma è stato reso pubblico solo lunedì senza le necessarie ulteriori approvazioni, creando la falsa impressione che parte dei democratici fosse contraria alla assistenza su vasta scala all’Ucraina.

Fonte: agenzie

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Tacabanda1964
    Inserito alle 17:16h, 28 Ottobre Rispondi

    Perfino i politici USA hanno capito che è stato il criminale dittatore scemo e rincoglionito assassino di massa USA di THE BIDON ad aver provocato e voluto la guerra contro la Russia !

  • Renato
    Inserito alle 17:24h, 28 Ottobre Rispondi

    Lui è solo un burattino…É il deep state, che lo controlla. Il deep state massonico.

  • Nicholas
    Inserito alle 17:33h, 28 Ottobre Rispondi

    Momentaneo cambio di rotta degli yankee, per continuare l’escalation a Taiwan??
    Vogliono mollare l’alleato Ukraino, perché hanno capito che ormai la vittoria è impossibile??
    Tanti interrogativi vengono in mente.
    Capiremo meglio nei prossimi mesi , che direzione prenderà gli Usa e , di conseguenza, l’occidente

  • fictionary
    Inserito alle 04:17h, 29 Ottobre Rispondi

    L ‘8 Novembre alle elezioni di MIDTERM Biden e tutti i suoi pupazzetti del partito democratico faranno una brutta fine, ci sara’ una inversione politica, è probabile che Trump fara’ una grande festa .

Inserisci un Commento