Alexandre Dugin: La mia visione del nuovo ordine mondiale e della guerra di Gaza

In un mondo multipolare, Israele e Ucraina sono agenti dell’egemonia occidentale.

Si stanno sviluppando nuove civiltà, tra cui quella cinese, islamica, indiana, africana e latinoamericana. La Russia li considera alleati e potenziali partner in un ordine multipolare autentico ed equo, spiega Alexander Dugin.
Ramia Yahia

*di Alexandre Duguine

L’attuale ordine mondiale sembra essere in una fase di transizione. Stiamo assistendo all’abbandono di un mondo unipolare, nato dal crollo dell’Unione Sovietica e dalla disintegrazione del blocco sovietico, a favore di un mondo multipolare.

Le fondamenta di questo mondo multipolare stanno diventando sempre più evidenti, con attori chiave tra cui Russia, Cina, mondo islamico, India e potenzialmente Africa e America Latina. Queste entità rappresentano civiltà distinte, molte delle quali sono unite all’interno del gruppo BRICS.

In particolare, dopo il vertice di Johannesburg del 2023, questo gruppo si è ampliato fino a includere paesi importanti del mondo islamico, come il Regno dell’Arabia Saudita, l’Iran e l’Egitto, nonché l’Etiopia, che rafforza la prospettiva africana, e l’Argentina, che consolida la presenza dei paesi sudamericani.

Questa espansione evidenzia la crescente influenza dell’ordine mondiale multipolare segnalando al contempo un indebolimento dell’egemonia occidentale.

La determinazione degli Stati Uniti e dell’Occidente a preservare il loro dominio unilaterale
Gli Stati Uniti e le potenze occidentali si aggrappano risolutamente al concetto di unilateralismo. In prima linea nella leadership globale, gli Stati Uniti, in particolare, sono determinati a mantenere il proprio dominio in campo militare, politico, economico, culturale e ideologico. Questa ricerca permanente dell’unipolarismo costituisce la contraddizione centrale del nostro tempo, segnato dall’intensificarsi della lotta tra unipolarità e multipolarità.

In questo contesto, è imperativo esaminare i principali conflitti e sviluppi nella politica globale, compresi gli sforzi per indebolire la Russia mentre questa riafferma la sua sovranità e presenza come polo indipendente. Questa dinamica aiuta a chiarire il persistente conflitto in Ucraina.

Il sostegno del mondo occidentale al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj è guidato, in gran parte, dal desiderio di impedire alla Russia di riemergere come attore globale autonomo – un’aspirazione sostenuta dal presidente Vladimir Putin durante tutto il suo mandato.

Putin ha rafforzato la sovranità politica della Federazione Russa e ha gradualmente enfatizzato lo status della Russia come civiltà indipendente che non solo si oppone all’egemonia occidentale, ma rifiuta anche il suo sistema di valori.

La Russia ha affermato inequivocabilmente il proprio impegno nei confronti dei valori tradizionali, rifiutando fermamente il liberalismo occidentale, compresa la promozione dell’agenda dei diritti dei gay e di altre norme ideologiche occidentali, che la Russia percepisce come aberrazioni e deviazioni.

In risposta, l’Occidente ha sostenuto attivamente il colpo di stato del 2014 a Kiev, ha fornito considerevoli aiuti militari all’Ucraina, ha favorito la diffusione dell’ideologia neonazista nel paese e ha provocato la Russia a lanciare un’operazione militare straordinaria.

Senza l’intervento di Putin, Kiev avrebbe probabilmente compiuto passi simili in modo indipendente, il che ha portato all’apertura del primo fronte nella feroce lotta tra multipolarità e unipolarità in Ucraina.

Allo stesso tempo, la Russia, sotto la guida di Putin, riconosce che non può essere uno dei due poli del mondo, come lo era ai tempi dell’Unione Sovietica.

Si stanno sviluppando nuove civiltà, tra cui quella cinese, islamica, indiana, africana e latinoamericana. La Russia li vede come potenziali alleati e partner in un ordine multipolare autentico ed equo, una prospettiva che non è ancora ampiamente riconosciuta dal resto del mondo.

Tuttavia, la consapevolezza del concetto di multipolarità sta gradualmente crescendo e rafforzandosi, come dimostra la situazione di Taiwan, che non è stata risparmiata dal diventare il prossimo punto caldo nel confronto tra unipolarità e multipolarità, in particolare nella regione del Pacifico.

La guerra di Israele a Gaza segnala un confronto più ampio
Gli eventi in Israele e nella Striscia di Gaza sono strettamente legati a questo problema. Due tragici incidenti si sono verificati in rapida successione. In primo luogo, Hamas ha attaccato Israele, provocando un gran numero di vittime civili e rapendo ostaggi.

Successivamente, Israele ha lanciato attacchi di ritorsione sulla Striscia di Gaza, caratterizzati da grande brutalità e da un numero significativo di vittime civili, in particolare donne e bambini. Queste azioni costituiscono inequivocabilmente violazioni dei diritti umani e crimini contro l’umanità e non hanno alcuna giustificazione.

Ma allo stesso tempo, l’applicazione da parte di Israele dei principi della “lex talionis” (un principio sviluppato nell’antica legge babilonese e che afferma che una punizione imposta deve corrispondere in grado e tipo al reato commesso dall’autore, come un occhio per un occhio, dente per dente) ha provocato quello che viene descritto come un genocidio diffuso e condizioni di vita brutali per i residenti della Striscia di Gaza.

Sia l’attacco di Hamas che la risposta di Israele sono visti come azioni che esulano dall’ambito dei metodi umanitari accettati per risolvere i conflitti politici.

Mondo Multipolare

Entra poi in gioco il panorama geopolitico e, sebbene la portata delle azioni di Israele sia notevolmente maggiore, la valutazione della situazione nella Striscia di Gaza non dipende esclusivamente da questo, ma piuttosto dalle tendenze geopolitiche sottostanti.
Gli eventi avvenuti in Israele, compreso l’attacco di Hamas e la risposta di Israele, hanno portato a un confronto più ampio tra l’Occidente e il mondo islamico. Questo confronto nasce da quello che viene percepito come un sostegno incondizionato e unilaterale a Israele nonostante la natura esplicita dei crimini commessi contro la popolazione civile di Gaza.

Il mondo islamico viene presentato come un polo distinto contro le azioni di Israele a Gaza e nei territori palestinesi più ampi, tenendo conto delle ingiustizie subite dai palestinesi che sono stati sfollati dalle loro terre per vivere in condizioni povere e isolate.

L’unità del mondo islamico è diventata innegabile, con la questione palestinese che funge da forza unificante che riunisce sunniti, sciiti, turchi e iraniani, nonché fazioni coinvolte nei conflitti interni in Yemen, Siria, Iraq e Iran.

Questa questione riguarda direttamente paesi come Pakistan, Indonesia, Malesia e Bangladesh.

Inoltre, i musulmani residenti negli Stati Uniti d’America, in Europa, in Russia e in Africa non possono rimanere indifferenti. In particolare, nonostante le loro disparità politiche, i palestinesi di Gaza, della Cisgiordania e della regione della Giordania sono uniti in uno sforzo collettivo per salvaguardare la loro dignità.

La causa palestinese e gli Stati Uniti
Negli ultimi decenni, gli Stati Uniti sono riusciti con successo a impedire ai musulmani di unirsi attorno alla questione palestinese e a incoraggiarli a normalizzare le relazioni con Israele.

Ma questi tentativi non sono più coronati da successo. Tutti questi sforzi si sono rivelati inutili nelle ultime settimane, poiché continua il sostegno inequivocabile a Israele. I massacri di civili perpetrati da Israele a Gaza, di cui l’intera comunità internazionale è stata testimone, stanno costringendo il mondo islamico a mettere da parte le sue divergenze interne e a considerare il confronto diretto con l’Occidente.

Israele, come l’Ucraina, non è altro che uno strumento di prepotente e spietata egemonia occidentale. Non esita a commettere atti criminali o ad adottare retorica e azioni razziste.

Tuttavia, la radice del problema non risiede in Israele in sé, ma piuttosto nel suo ruolo di strumento geopolitico nel quadro di un mondo unipolare. Questo è esattamente ciò che il presidente Vladimir Putin ha recentemente espresso quando ha parlato della rete di ostilità e conflitto tessuta dai “ragni”, una metafora dei globalisti che impiegano tattiche colonialiste basate sul principio del “divide et impera”.

Per contrastare efficacemente coloro che cercano disperatamente di preservare il mondo unipolare e il dominio occidentale, è essenziale comprendere l’essenza della loro strategia. Armati di questa comprensione, possiamo costruire consapevolmente un modello alternativo per affrontare questa agenda, andare avanti con fiducia e unirci per creare un mondo multipolare.

Il conflitto in corso nella Striscia di Gaza e nella Palestina nel suo complesso pone una sfida diretta non solo a gruppi specifici o addirittura agli arabi in generale, ma anche all’intero mondo islamico e alla civiltà islamica. È sempre più chiaro che l’Occidente è impegnato in un confronto con l’Islam stesso, una realtà ormai riconosciuta da molti.

Necessità collettiva di difendere le nazioni musulmane dai maltrattamenti
Da nazioni come Arabia Saudita, Turchia, Iran e Pakistan alle regioni che vanno dalla Tunisia al Bahrein, dai salafiti ai sunniti e ai sufi, alle diverse fazioni politiche in Palestina, Siria, Libia e Libano, fino alla divisione tra sciiti e Sunniti, c’è un bisogno collettivo di difendere la dignità della civiltà islamica. Si afferma come una civiltà sovrana e indipendente che rifiuta ogni maltrattamento.
L’evocazione del jihad da parte di Erdogan come risposta al conflitto ricorda le storiche crociate, ma questa analogia non coglie appieno l’essenza della situazione attuale. La moderna globalizzazione occidentale si è notevolmente allontanata dalla civiltà cristiana, avendo reciso molti legami con la cultura cristiana a favore del materialismo, dell’ateismo e dell’individualismo.

Il cristianesimo ha poco a che fare con le scienze materiali o con il sistema socioeconomico orientato primariamente al profitto, e certamente non sostiene la legalizzazione delle deviazioni o l’adozione della patologia come norma, né l’inclinazione verso un’esistenza postumana – un concetto promosso con entusiasmo dal filosofo post-umanista israeliano Yuval Harari.

L’Occidente, nella sua forma contemporanea, rappresenta un fenomeno anticristiano, senza alcun collegamento con i valori del cristianesimo o con l’adesione alla croce cristiana. È essenziale riconoscere che quando il mondo islamico si oppone all’Occidente, non entra in conflitto con la civiltà di Cristo, ma piuttosto con una civiltà anticristiana, che può essere descritta come la civiltà dell’Anticristo.

La Russia, uno dei principali attori globali, è attivamente impegnata in una guerra con l’Occidente sul suolo ucraino.

Sfortunatamente, a causa dell’influenza della propaganda occidentale, molti paesi islamici non hanno compreso appieno le ragioni, gli obiettivi e la natura di questo conflitto, spesso percependolo semplicemente come una disputa regionale. Tuttavia, poiché la globalizzazione ha un impatto diretto sui musulmani in tutto il mondo, l’operazione militare speciale della Russia in Ucraina assume un significato molto diverso.

In definitiva, questo è un conflitto tra un mondo multipolare e un mondo unipolare, cioè questa guerra serve non solo gli interessi della Russia come polo mondiale, ma anche indirettamente, o addirittura direttamente, di tutti questi poli. La Cina è ben attrezzata per capirlo e, all’interno del mondo islamico, l’Iran è tra coloro che riescono a cogliere questa prospettiva.

In particolare, la coscienza geopolitica è rapidamente avanzata in altre società islamiche, tra cui il Regno dell’Arabia Saudita, l’Egitto, la Turchia, il Pakistan e l’Indonesia. Ciò ha portato a iniziative come la riconciliazione tra Arabia Saudita e Iran e il perseguimento di una politica sovrana da parte della Turchia.

Il massiccio massacro di civili da parte di Israele a Gaza, testimoniato dall’intera comunità mondiale, sta costringendo il mondo islamico a mettere da parte le sue differenze interne e a considerare il confronto diretto con l’Occidente.

Le motivazioni russe e lo spettro della Terza Guerra Mondiale
Poiché il mondo islamico si riconosce sempre più come un importante snodo e una civiltà unificata, le motivazioni delle azioni russe diventano più ovvie e comprensibili.

Il presidente Vladimir Putin ha già guadagnato fama internazionale e gode di grande popolarità in tutto il mondo, soprattutto nei paesi non occidentali. Questa popolarità dà un significato preciso e una chiara giustificazione alle sue decisioni strategiche.

In sostanza, la Russia sta combattendo vigorosamente l’unipolarismo, il che si traduce in una lotta più ampia contro la globalizzazione e l’influenza egemonica dell’Occidente. Oggi vediamo l’Occidente, spesso visto come agente attraverso il suo procuratore, Israele, prendere di mira il mondo islamico e sottoporre i palestinesi al genocidio.

Ciò significa che il momento dell’Islam arriva nel mezzo di questa guerra tra i musulmani e l’egemonia occidentale che potrebbe scoppiare in qualsiasi momento. Da quello che so degli israeliani, non c’è dubbio che non si fermeranno finché non avranno eliminato i palestinesi.

“La guerra ora sembra essere veramente globale sulla scala di un consiglio di amministrazione”. In questo caso, soprattutto, il mondo islamico ha degli alleati oggettivi, come la Russia, ma anche la Cina, che ha il problema di Taiwan da risolvere al più presto. Altri fronti probabilmente emergeranno nel tempo.
La questione qui è se ciò potrebbe portare allo scoppio di una terza guerra mondiale. Ciò sembra molto probabile e, in un certo senso, sta già accadendo.

Affinché la guerra si diffonda su scala globale, è necessaria una massa critica di contraddizioni irrisolte che richiedono una soluzione militare. Questa condizione è soddisfatta. Le potenze occidentali non sono disposte a rinunciare volontariamente al loro dominio, e i nuovi poli, le civiltà indipendenti emergenti e le regioni espanse non desiderano più accettare o tollerare questo dominio.

Inoltre, è stata dimostrata l’incapacità degli Stati Uniti e dell’Occidente collettivo in generale di essere leader dell’umanità senza abbandonare politiche che incitano e alimentano nuovi conflitti e guerre.

L’inevitabile guerra deve essere vinta.

Oggi vediamo l’Occidente, spesso visto come agente attraverso il suo procuratore, Israele, prendere di mira il mondo islamico e sottoporre gli arabi palestinesi al genocidio. Ciò significa che il momento dell’Islam sta arrivando, nel mezzo di questa guerra tra musulmani e egemonia occidentale che potrebbe scoppiare in qualsiasi momento.Trump contro Biden
In definitiva, che ruolo gioca l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nell’escalation del confronto tra Islam e Occidente? Il presidente Joe Biden è un forte sostenitore della globalizzazione, un oppositore della Russia e un forte sostenitore dell’unipolarismo.

Ciò spiega precisamente il suo incrollabile sostegno al nuovo regime nazista a Kiev e la sua totale esenzione di Israele per le sue azioni, compreso il genocidio diretto.

La posizione di Trump, però, è diversa. Incarna una classica prospettiva nazionalista, dando priorità agli interessi degli Stati Uniti come nazione rispetto ai piani affrettati per il dominio del mondo.

Per quanto riguarda i rapporti con la Russia, Trump mostra indifferenza, concentrandosi maggiormente sulle questioni commerciali e sulla concorrenza economica con la Cina. Tuttavia, è allo stesso tempo sottomesso e totalmente influenzato dalla potente lobby sionista negli Stati Uniti.

Pertanto, l’imminente guerra tra l’Occidente e l’Islam non deve essere affrontata con compiacenza, non solo dal punto di vista occidentale, ma anche dal punto di vista dei repubblicani nel loro insieme.

In questo contesto, se Trump dovesse riconquistare la presidenza, potrebbe potenzialmente diminuire il sostegno all’Ucraina, una preoccupazione cruciale per la Russia. Tuttavia, potrebbe adottare un approccio ancora più duro nei confronti di musulmani e palestinesi, superando addirittura la severità delle politiche di Biden.

Il realismo è imperativo e dobbiamo prepararci per un conflitto difficile, serio e prolungato all’orizzonte.

È importante capire che questo non è un conflitto religioso, ma piuttosto una guerra di impostori materialisti e atei contro tutte le religioni tradizionali. Ciò significa che potrebbe essere arrivato il momento della battaglia finale.

—————————(continua)

Fonte; Alexender Dugin

Traduzione: Sergei Leonov

4 commenti su “Alexandre Dugin: La mia visione del nuovo ordine mondiale e della guerra di Gaza

  1. Il tempo non gioca a favore dell’occidente collettivo.
    Ormai, il destino è quello del crollo dell’impero occidentale e solo questione di tempo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM