AI: la coalizione saudita ha attaccato la prigione dello Yemen con bombe guidate statunitensi


Amnesty International (AI) afferma che la coalizione saudita ha compiuto l’attacco mortale a una prigione nello Yemen con armi di precisione statunitensi.

Come pubblicato giovedì dalla catena libanese Al Mayadeen , l’organizzazione per i diritti umani ha dichiarato che la bomba a guida laser utilizzata dalla cosiddetta coalizione guidata dall’Arabia Saudita per l’offensiva nella provincia yemenita di Saada, che ha causato decine di morti, è prodotta dalla compagnia militare americana Raytheon.

La ONG ha descritto l’attentato come ” l’ultimo pezzo di una più ampia rete di prove dell’uso di armi di fabbricazione statunitense in incidenti che potrebbero equivalere a crimini di guerra “.

Lynn Maalouf, direttore della ricerca di AI per l’Asia occidentale e il Nord Africa, ha sottolineato che “le orribili immagini che trapelano dallo Yemen nonostante una chiusura di Internet di quattro giorni sono un stridente promemoria di chi sta pagando il prezzo orribile della redditizia vendita di armi degli stati occidentali a Arabia Saudita e i suoi alleati della coalizione.

Maalouf ha esortato gli Stati Uniti e altri stati esportatori di armi a interrompere immediatamente la fornitura di armi all’Arabia Saudita e ai suoi alleati, sottolineando che gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia sono responsabili delle violazioni dei diritti umani che commette la coalizione degli aggressori .

Gli aerei da combattimento della cosiddetta coalizione guidata dall’Arabia Saudita hanno attaccato venerdì una prigione temporanea situata a Saada , lasciando finora un bilancio di 91 morti e 263 feriti; reato che ha provocato una diffusa condanna.

MSF incolpa la coalizione saudita per il brutale attacco allo Yemen
Marc Garlasco, consigliere militare dell’organizzazione per i diritti umani PAX con sede nei Paesi Bassi, ha dichiarato domenica sulla sua pagina Twitter che i resti di un missile trovato sul luogo dell’attentato mostrano che si tratta di un’arma prodotta dall’azienda americana Raytheon.

La coalizione saudita ha utilizzato missili statunitensi per un attacco mortale allo Yemen
Nel 2015, la cosiddetta coalizione saudita, sostenuta dagli Stati Uniti, ha lanciato una campagna di guerra contro la nazione yemenita per riportare l’ex presidente yemenita latitante Abdu Rabuh Mansur Hadi al potere e schiacciare il movimento popolare Ansarolá. Tuttavia, non hanno raggiunto i loro obiettivi e la loro sola aggressione ha causato la morte di centinaia di migliaia di yemeniti e altri milioni di sfollati.

L’ONU esprime preoccupazione per la nuova brutalità saudita nello Yemen.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento