Ai bombardamenti su Gaza i palestinesi rispondono con i razzi sul sud di Israele

Una nuova ondata di violenze nella Striscia di Gaza causata da attacchi aerei israeliani mortali e attacchi di rappresaglia da parte dei palestinesi è entrata nel suo terzo giorno, spingendo le Nazioni Unite ad allarmare per la “pericolosa escalation”.

Le tensioni sono scoppiate venerdì dopo l’uccisione di quattro palestinesi, due in un raid aereo israeliano nel sud di Gaza e due durante il fuoco deli cecchini del regime sionista contro manifestanti anti-occupazione vicino a una recinzione che separava l’enclave costiera bloccata dai territori occupati.

L’esercito israeliano ha affermato che il suo primo attacco aereo era arrivato in risposta al ferimento di due dei suoi soldati da colpi di arma da fuoco palestinesi vicino alla recinzione di Gaza.

L’ultimo lancio di razzi da Gaza ha ucciso un uomo israeliano di 60 anni. Un totale di circa 83 israeliani sono stati feriti.

Il regime di Tel Aviv riferisce che circa 430 missili sono stati sparati dalle terre occupate negli ultimi giorni. L’esercito israeliano afferma che i suoi aerei da guerra hanno preso di mira circa 180 siti nella Striscia di Gaza.

Anche un edificio che ospita gli uffici dell’agenzia di stampa statale turca Anadolu a Gaza è stato preso di mira da Israele. Il bombardamento dei locali è stato condannato dal governo turco.

Gli attacchi israeliani hanno causato la morte di un totale di sette palestinesi, tra cui Saba Mahmoud Abu Arar, un abambina di 14-mesi e la sua madre incinta di 8 mesi, oltre a un vecchio e una ragazza, .

L’ONU esprime preoccupazioni

inviato in Medio Oriente delle Nazioni Unite si è detto “profondamente preoccupato per l’ennesima escalation pericolosa a Gaza”, aggiungendo che vari diplomatici da diverse nazioni, in Egitto stavano tentando di mediare per porre fine ai combattimenti.

“Le Nazioni Unite stanno lavorando con l’Egitto e tutte le parti per calmare la situazione. Invito tutte le parti a fermare immediatamente il fuoco e tornare ai negoziati degli ultimi mesi. Coloro che cercano di distruggere avranno la responsabilità di un conflitto che avrà gravi conseguenze per tutti “, ha detto Nikolay Mladenov in una dichiarazione.

Gaza distruzioni e miseria

“Continuare lungo il percorso attuale di escalation annullerà rapidamente ciò che è stato raggiunto e distruggerà le possibilità di soluzioni a lungo termine per la crisi. Questo ciclo infinito di violenza deve finire e gli sforzi devono accelerare per realizzare una soluzione politica alla crisi di Gaza “, ha aggiunto.

Il regime israeliano attacca regolarmente e costantemente la Striscia di Gaza con il pretesto di colpire posizioni appartenenti al movimento di resistenza di Hamas. La zona di Gaza è sottoposta ad un assedio da parte delle forze israeliane da oltre 11 anni e nella striscia e la popolazione manca di generi di necessità, di medicinali e di acqua potabile, la situazione descritta dall’ONU è quella di emergenza umanitaria.

Il mese scorso, Israele e Hamas hanno raggiunto “intese” di cessate il fuoco mediate dall’Egitto dopo una tornata di ostilità avutasi in precedenza.

La Palestina condanna l’aggressione israeliana

Nel frattempo, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha condannato fermamente l’aggressione israeliana a Gaza.

“Il silenzio verso i crimini di Israele e le violazioni del diritto internazionale la incoraggiano a continuare a commettere più crimini contro il nostro popolo palestinese”, ha detto in una dichiarazione alla stampa.

Il ministero degli Esteri palestinese ha anche sottolineato che “l’odiosa” offensiva “rivela la realtà dell’aggressione razzista commessa dalla coalizione sionista americana contro il popolo palestinese”.

Ha anche affermato che il popolo palestinese non aveva bisogno di progetti di aiuto, ma piuttosto di una ferma posizione internazionale che gli consentisse di esercitare il proprio diritto all’autodeterminazione.

Il ministero ha inoltre invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a intervenire immediatamente per fermare la brutale aggressione israeliana sulla nazione palestinese.

La striscia di terra costiera è sotto assedio da parte di Israele dal 2007 e ha visto tre guerre dal 2008.

È stata anche teatro di tensioni mortali dal 30 marzo 2018, che hanno segnato l’inizio delle proteste anti-occupazione della Grande Marcia del Ritorno, con i partecipanti che chiedono il diritto al ritorno per le persone cacciate dalla loro patria dall’aggressione israeliana.

Fonti: Press Tv Hispan Tv

1 commento

  • Gabriele
    5 Maggio 2019

    Purtroppo i sionisti come il cancro si sono impossessati del mondo sono infiltrati a tutti i più alti livelli sono padroni delle più grandi banche mondiali che accumulano ricchezze con il sangue di chi non si piega alla loro folle supremazia e come un tempo erano i maggiori trafficanti di schiavi anche oggi hanno schiavizzato il mondo con il loro denaro sporco di sangue. l’America tanto grande si sta rendendo complice di questo scempio ma presto tutto si ritorcera’ contro di loro perché la gente è stanca delle bugie e dei soprusi di questi sciacalli.

Inserisci un Commento

*

code