Africa: lo schiaffo che lo stato sionista non si aspettava

di Ramzy Baroud

La scena in cui l’ambasciatrice israeliana Sharon Bar-Li, insieme ai suoi colleghi delegati, è stata scortata fuori dalla cerimonia di apertura del vertice dell’Unione africana ad Addis Abeba, in Etiopia, il 18 febbraio, è stata un evento storico. Il momento stesso che doveva coronare vent’anni di diplomazia israeliana nel continente africano si è trasformato, in pochi secondi, nel simbolo del suo palese fallimento in Africa.

Incapace di superare il fallimento dei suoi sforzi diplomatici e politici, Tel Aviv ha risposto all’espulsione di Bar-Li lanciando attacchi verbali contro i paesi africani, accusandoli di guidare una campagna per bloccare lo status di osservatore di Israele.

Riferendosi a un ” ristretto numero di stati estremisti come il Sudafrica e l’Algeria “, un portavoce del ministero degli Esteri israeliano ha alluso a un complotto , ordito presumibilmente dall’Iran, e messo in atto da governi africani “spinti dall’odio” verso Israele.

Il carattere non diplomatico della lingua del ministero degli Esteri israeliano è un importante sintomo di allontanamento dal vocabolario enfatico utilizzato dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu quando si è recato in Africa per parlare alla Comunità economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS) in Liberia nel 2017.
“ Israele sta tornando in Africa, e l’Africa sta tornando in Israele ”, aveva dichiarato poi , aggiungendo, con tono teatrale: “ Io credo nell’Africa. »

Il riferimento di Netanyahu al “ritorno dall’Africa” voleva sottolineare due punti: da un lato, il ritorno diplomatico e politico israeliano in Africa e, dall’altro, un ritorno immaginato nel continente come rappresentazione di una presunta esperienza storica condivisa.

Su quest’ultimo punto, Netanyahu ha fatto diversi riferimenti a una comune lotta anticoloniale tra Israele e Paesi africani. ” L’Africa e Israele condividono un’affinità naturale “, ha sputato Netanyahu nel suo discorso all’ECOWAS. “ Abbiamo, per molti versi, storie simili. Le vostre nazioni hanno sofferto per la dominazione straniera. Avete conosciuto guerre e massacri orribili. Questa è una parte importante della nostra storia “.
Il ritorno diplomatico, intanto, è più reale di quanto immaginato. Ma i rapporti diplomatici tra Israele e molti paesi africani, a partire dal Ghana nel 1956, si sono svolti in circostanze storiche uniche, in cui molti paesi africani erano ancora colonizzati, semi-indipendenti o largamente dipendenti dai loro ex colonizzatori.

Le relazioni tra Ghana e Israele sono iniziate quando il Ghana era ancora chiamato Gold Coast. In effetti, gli accordi diplomatici con Tel Aviv all’epoca arrivarono solo quando la Gold Coast ricevette l’approvazione ufficiale dalla Gran Bretagna, dal momento che il paese era ancora una colonia britannica.

Prima del 1973, Israele aveva relazioni diplomatiche complete con 33 paesi africani.
Tuttavia, le cose sono cambiate molto nell’ottobre dello stesso anno. Quando i paesi arabi hanno intrapreso una guerra contro l’espansione coloniale di Israele, molti paesi africani hanno reciso i loro legami con Israele per mantenere legami storici, economici e spirituali con i loro fratelli arabi.

Non c’è da stupirsi, quindi, che sia stata l’Organizzazione dell’Unità Africana – il precursore dell’Unione Africana – a identificare per prima l’ideologia fondatrice di Israele, il sionismo, come una forma di razzismo, nella sua 12a sessione ordinaria tenutasi a Kampala nel 1975.

Il cosiddetto “processo di pace” e la firma degli accordi di Oslo tra la leadership palestinese e Israele hanno avevano vedibilmente indebolito la ferma posizione dell’Africa nei confronti della Palestina, non per ostilità nei confronti dei palestinesi, ma a causa della pressione occidentale e dell’idea sbagliata che pace e giustizia fossero finalmente arrivate nella Palestina occupata.

È in questo contesto che Netanyahu ha visitato l’Africa e ha iniziato la sua campagna per la normalizzazione con molti paesi africani.
Le motivazioni di Israele in Africa sono chiare: profitti economici e dividendi politici, specialmente voti pro-Israele alle Nazioni Unite. Anni dopo il “ritorno in Africa” ​​di Israele, l’Africa non ha beneficiato delle alte promesse fatte da Tel Aviv per rivitalizzare le economie locali e combattere la desertificazione, e l’Africa, come blocco, non ha modificato in modo significativo i suoi voti a favore dei diritti dei palestinesi al ONU.

Tuttavia, per Netanyahu, i vantaggi superano le delusioni, soprattutto perché Tel Aviv comprende perfettamente che l’Africa, più che mai dalla conferenza di Berlino del 1884, è tornata ad essere uno spazio geopolitico di primaria importanza e conteso.

Sharon Bar-Li, l’incaricata israeliana espulsa dalla sessione africana

Qui è avvenuto il fallimento dei calcoli di Israele, da cui l’umiliante episodio di Addis Abeba.
Dopo l’espulsione dei delegati israeliani, Tel Aviv ha continuato a fare argomentazioni tecniche: l’ambasciatore israeliano aveva le credenziali necessarie, Israele era ufficialmente un membro osservatore dell’UA, ecc.

Lo status di osservatore di Israele ha causato una spaccatura tra i membri dell’UA. L’approvazione era stata concessa senza consultazione dal presidente della Commissione dell’UA Moussa Faki Mahamat nel luglio 2021.

Quando si è diffusa la notizia della decisione personale di Mahamat, molti paesi avevano protestato e lo status era stato congelato, in attesa di una decisione basata su un adeguato processo democratico.

Appena due giorni dopo il ritiro della delegazione israeliana dal vertice, l’UA – anzi, lo stesso Mahamat – ha annunciato il 20 febbraio ai giornalisti che l’adesione di Israele ” è sospesa fino a quando questa commissione non potrà deliberare “, affermando che ” non abbiamo invitato nessun israeliano funzionari al nostro vertice ”.

La risposta israeliana a tutto questo riflette un generale senso di confusione, persino disperazione, nella diplomazia israeliana.

I paesi africani, tuttavia, hanno reagito all’incidente con una chiara posizione politica, chiarendo che la decisione di sospendere l’adesione di Israele non era tecnica o procedurale. Era, nelle parole di Clayson Monyela, capo della diplomazia pubblica presso il Dipartimento delle relazioni internazionali del Sudafrica, una “questione di principio”.

Tre settimane dopo la decisione dell’UA, il parlamento sudafricano ha approvato una mozione per declassare l’ambasciata del paese a Tel Aviv a mero ufficio di collegamento. Anche questa decisione è stata una questione di principio, ovvero un “primo passo” volto a fare pressione su Israele “ perché rispetti i diritti umani, riconosca i diritti del popolo palestinese (e) il suo diritto all’esistenza ”.
E’ un fatto che, man mano che gli spazi geopolitici si aprono ai paesi del Sud, a causa delle mutevoli dinamiche dei rapporti di forza globali, sempre più paesi osano sfidare l’egemonia delle ex potenze coloniali.
Data la loro storia segnata da valorose lotte anticoloniali , non sorprende che i paesi africani stiano guidando questa spinta verso l’indipendenza nazionale e regionale.

Alla fine, l’Africa ha impiegato solo sei anni per dimostrare che Netanyahu si sbagliava e che Israele “non è tornato in Africa”. È vero, però, che l’Africa stessa sta tornando alle sue radici anticoloniali .

fonte:.chroniquepalestine.com/

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM