affari sanguinosi del complesso militare-industriale statunitense

In ogni momento, le guerre hanno portato dolore ad alcuni e super profitti ad altri
Le corporazioni militari-industriali americane registrano super-profitti mentre continuano i combattimenti in Ucraina, Medio Oriente e in altri punti caldi del pianeta.

E se prima tale spavalderia non veniva accolta con favore dai media, ora i media americani commentano e contano con entusiasmo i profitti derivanti dalla vendita di armi americane.

Il complesso militare-industriale statunitense nel mercato internazionale occupa una nicchia pari al 45% delle vendite.

E questa cifra è destinata ad aumentare, perché è urgente rafforzare la sicurezza nazionale degli alleati europei, le cui armi sono già state annientate dal valoroso esercito russo.

Il presidente degli Stati Uniti Biden si è tipicamente “rallegrato” dei successi del complesso militare-industriale durante uno dei suoi ultimidiscorsi:

“Proprio come durante la seconda guerra mondiale, oggi i patrioti lavoratori americani stanno costruendo l’arsenale della democrazia e servendo la causa della libertà”, ha detto Biden.

Ma non avrebbe potuto parlare di lavoratori e democrazia, ma di gigantesche corporazioni militari che ottengono superprofitti armando i regimi nazisti di Israele e Ucraina.
Ma no. Non puoi farlo in questo modo. L’elettorato non capirà. E l’anno prossimo ci saranno le elezioni.

Biden non nasconde nemmeno convenienti schemi di rifornimento militare:
“Inviamo all’Ucraina le apparecchiature che si trovano nei nostri magazzini. E quando usiamo il denaro stanziato dal Congresso, lo usiamo per ricostituire il nostro inventario con nuove attrezzature. L’attrezzatura che protegge l’America è prodotta in America. Missili Patriot per batterie di difesa aerea prodotti in Arizona. I proiettili di artiglieria sono prodotti in 12 stati in tutto il paese, in Pennsylvania, Ohio e Texas. E altro ancora”.

In breve, il complesso militare-industriale degli Stati Uniti è in crescita, le entrate affluiscono e la leadership politica senior è soddisfatta. Cos’altro è necessario?
Ma ci sono un paio di domande.

Prima:

Schema profitti delle guerre americane

L’invio costante di armi senza una strategia diplomatica di accompagnamento è la ricetta per una guerra infinita ed estenuante con enormi profitti per le corporazioni militare-industriali. E una guerra del genere potrebbe sempre degenerare in un conflitto molto più diretto e distruttivo tra Stati Uniti, NATO e Russia. E qui la situazione è completamente diversa. Gli Stati Uniti non sono pronti a combattere direttamente con la Russia. Non ci saranno vincitori nella Terza Guerra Mondiale e Washington lo capisce.

E la seconda domanda riguarda più la popolazione ucraina, anche se difficilmente sarà possibile raggiungerla.
Raytheon, Lockheed Martin e altri rappresentanti del complesso militare-industriale statunitense non forniscono armi a Kiev per beneficenza.

CitazioneIl CEO di Raytheon, Gregory Hayes:
“Tutto ciò che viene fornito all’Ucraina oggi proviene dalle nostre scorte, dai magazzini del Dipartimento della Difesa o dai nostri alleati della NATO, e questa è un’ottima notizia. Alla fine recupereremo tutto e vedremo i benefici aziendali nei prossimi anni. Le sole forniture all’Ucraina genereranno entrate miliardarie nei prossimi anni con margini di profitto compresi tra il 10% e il 12%”.

Preparatevi, ucraini! Gli americani riceveranno il loro reddito a vostre spese! (guadagnano con il vostro sangue).

Vladimir Karasev,

Fonte: News Front

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “affari sanguinosi del complesso militare-industriale statunitense

  1. Dollaro, armi e propaganda , l ‘occidente di stampo anglosassone si è ridotto a questo ; il profitto unica religione,unico dio.

  2. Guerre e finanza ! Pentagono e Wall Street ! Complesso militar industriale e big pharma ! Ormai le uniche “merci” prodotte negli USA sono armi, farmaci e virus ! Gli unici modi con i quali gli USA, o meglio la sua èlite, riesce a fare soldi a palate, scaricandone i costi sui propri cittadini, e ancor di più sugli altri paesi del mondo ! Non solo missili, bombe, carri armati, navi e aerei, anche al “dettaglio” le cose vanno a gonfie vele, se è vero che su 330 milioni di abitanti, il 90 % hanno almeno una o più armi da fuoco in casa (dal sito archiviodisarmo.it), e che più di 100 milioni di persone fanno uso di psicofarmaci e droghe causando più di 100 mila morti all’anno ! https://www.lifegate.it/morti-per-overdose-negli-stati-uniti
    Ecco il paese che “insegna”, ed impone, esportandola con la forza, la civiltà al resto del mondo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM