AEREI DA GUERRA RUSSI HANNO BOMBARDATO PROXY STATUNITENSI AD AL-TANF IN SIRIA IN RISPOSTA AL RECENTE ATTACCO


All’inizio del 16 giugno, una serie di attacchi aerei ha colpito le posizioni del gruppo terrorista Maghaweir al-Thowra (MaT) sostenuto dagli Stati Uniti nell’area siriana sudorientale di al-Tanf, dove la coalizione guidata dagli Stati Uniti mantiene una guarnigione.

Un funzionario militare statunitense ha detto al giornalista della BBC Nafiseh Kohnavard che gli attacchi aerei sono stati effettuati da aerei da guerra delle forze aerospaziali russe (VKS) in risposta a un attacco con una bomba sul ciglio della strada che ha provocato vittime militari russe. Il funzionario senza nome ha affermato che la Russia ha incolpato MaT per l’attacco. La coalizione guidata dagli Stati Uniti è stata allertata prima degli attacchi aerei.

MaT ha condiviso su Twitter le foto che mostrano le conseguenze degli attacchi aerei russi. Il gruppo ha affermato che gli attacchi aerei hanno provocato solo alcune perdite materiali.
Circa 200 soldati statunitensi e 300 MaT sono solitamente presenti nella guarnigione di al-Tanf, che sarebbe stata istituita per contrastare l’ISIS.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti mantiene una no-fly zone di 55 chilometri intorno alla guarnigione. Nonostante ciò, gli aerei da guerra VKS effettuano regolarmente sortite di ricognizione nell’area.
Tra marzo e maggio, le truppe governative siriane intorno ad al-Tanf sono state attaccate in diverse occasioni. Mentre alcuni degli attacchi sono stati attribuiti all’ISIS, che è noto per essere presente all’interno della zona di 55 chilometri, altri sono stati attribuiti al MaT.

Zona Bombardata
Base USA di Al Tanf

Le recenti attività del MaT non si sono limitate alla zona di 55 chilometri e ai suoi dintorni. Nell’ultimo anno, MaT ha instaurato relazioni con una fazione armata nel governatorato siriano sudorientale di al-Suwayda. La fazione, nota come Counter Terrorism Force, è stata neutralizzata dalle forze filogovernative all’inizio di questo mese. I militanti della fazione sono caduti in un’imboscata mentre tentavano di fuggire verso la guarnigione di al-Tanf. Il suo capo è stato ucciso nell’imboscata.

A parte le sue attività destabilizzanti, MaT sarebbe coinvolto nel traffico di armi, prodotti del tabacco e persino droga tra Siria, Giordania e Iraq.

Gli attacchi aerei russi su al-Tanf sembrano essere più un avvertimento per la coalizione guidata dagli Stati Uniti e per i suoi delegati ,che continuano a utilizzare l’area come base avanzata per il sabotaggio. I disordini nell’area potrebbero presto trasformarsi in uno scontro.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus