Addio Vecchia Europa

placeholder


di Jean Goychman.

“Addio, vecchia Europa, possa il diavolo portarti via” l Così i legionari cantarono durante la guerra algerina. Sessanta anni dopo, questa profezia si sta avverando?

Nata dopo la guerra, va detto, da una volontà più americana che europea, quella che viene comunemente chiamata Unione Europea, sta forse vivendo i suoi ultimi momenti?

Lo sviluppatore di Coronavirus
Lungi dal superare le difficoltà che l’Unione Europea sta attraversando da 15 anni, la crisi del Coronavirus potrebbe rivelarsi fatale. Bloccato dal fallito referendum del 2005, trasformato pietosamente nel Trattato di Lisbona, adottato quasi in segreto sotto il pannello dorato della riunione del Congresso a Versailles, non riuscendo a rinunciare alla via del federalismo che è sempre più improbabile, e non avendo mai voluto un’altra architettura basata sul rispetto per le persone, la loro storia e la loro sovranità, la sua costruzione si era fermata “sul bordo della riva dove l’abbiamo lasciata …” come avrebbe detto de Gaulle.

Naturalmente, di tanto in tanto, nel caso derivante da eventi e da crisi, alcuni, rifiutando di vedere distrutti quello che per loro rappresentava il lavoro di una vita, sono scivolati nelle loro parole secondo cui l’integrazione era il rimedio universale . La crisi del coronavirus è stata colta come un’opportunità per “mettere la copertura” sulla distesa del federalismo, cercando di far credere che, grazie alla solidarietà dei paesi europei, ridurremmo al minimo gli effetti di questa pandemia e le sue conseguenze economiche.
Non possiamo dire che, nonostante lo zelo mostrato dai ministri e dai Capi di stato, riuniti per intere notti, il risultato dipende dalle poste in gioco.
Abbiamo persino raggiunto il contrario dell’obiettivo desiderato
Giudichiamo: fin dall’inizio, gli accordi del Trattato di Schengen sono stati infranti. Nonostante la beffa e il sarcasmo di un Emmanuel Macron che afferma che “i virus non conoscono i confini”, il che significa che era inutile ristabilirli, la maggior parte degli stati membri dell’Unione Europea li ha chiusi immediatamente. Poi abbiamo scoperto, sorpreso, che al nostro paese (la Francia) mancava tutto. Non abbastanza letti ospedalieri per i pazienti in terapia intensiva, purtroppo sempre di più. Nessuna mascherina protettiva quando servivano, dovevamo avere più di un miliardo, nemmeno abbastanza farmaci o test di screening, in breve, quasi “la miseria secondo Charles Dickens”.

In questa occasione, abbiamo preso la misura della nostra dipendenza e di come la deindustrializzazione a “marcia forzata” condotta dall’inizio degli anni ’80 ci abbia portato a questa situazione. E abbiamo anche scoperto che non eravamo i soli paesi dell’Unione Europea a subire questa miseria. Altri, senza dubbio più lungimiranti, avevano mantenuto la loro autonomia. Questo è particolarmente vero per la Germania e altri paesi del nord Europa. Un bell’esempio della cosiddetta “solidarietà europea” è stato dato con le mascherine protettive a cui nessun paese voleva rinunciare. Ciò che doveva essere la prova lampante dell’esistenza di questa solidarietà tra i popoli e si è trasformata nel fiasco più totale. Per non essere totalmente contraddetto dai fatti,

L’Italia, che ha chiesto aiuto, è stata salvata da Cina, Cuba e Russia. Domande europee, possono fare di meglio … Per non parlare del fatto che la Repubblica Ceca (ma sono sicuramente pettegolezzi) avrebbe catturato durante il passaggio sul suo territorio un carico di maschere destinate ai nostri vicini italiani e provenienti dalla Cina.

Dopo mezzi medici, la finanza
Alla luce del paragrafo precedente, il governo francese è stato costretto alla soluzione del “contenimento”. Mezzi ritenuti “medievali” da alcuni, resi essenziali per mancanza di qualcosa di meglio. Altri paesi hanno preferito generalizzare l’uso di maschere protettive ed eseguire il maggior numero possibile di test di screening, ma, a quanto pare, non abbiamo avuto nessuno dei due. La conseguenza ò stata la dormienza economica del paese.

E questo ha un costo, che è proibitivo. Perché possiamo sostenere differenze di competitività legate a tasse sui salari in eccesso, orario di lavoro settimanale insufficiente o qualsiasi altra causa, ma in questo caso stiamo distruggendo la nostra posizione economica. Non produciamo più in molti settori di attività, ma dobbiamo anche sostenere la nostra popolazione privata del reddito derivante dal loro lavoro.

Inizia quindi il secondo processo di decostruzione dell’Unione europea, che non rispetta più i trattati europei. Jean Claude Juncker, un grande “democratico” davanti al Potere, si disse che i trattati europei avevano la precedenza sulla democrazia.

Innanzi tutto, sono stati i criteri di convergenza del Trattato di Maastricht a essere messi in fumo. Ricorda: un massimo del 3% del PIL in uno squilibrio fiscale e un debito pubblico, sempre espresso in percentuale del PIL, che non supera il 60%. Quindi, il famoso trattato TCSG, a volte chiamato il “Trattato sulla regola d’oro” del 2013, che ha ridotto il disavanzo di bilancio massimo allo 0,5% del PIL nell’anno in corso.

Il ” Qualunque cosa costi ” pronunciato da Emmanuel Macron nel suo discorso di giovedì 12 marzo svuota questi trattati del loro significato rendendoli inapplicabili. Questo ricorda de Gaulle, rispondendo ad Alain Peyrrefitte che gli ricordò l’esistenza dei trattati europei, rispose dandogli queste ultime parole:

“I tuoi trattati sono uno scherzo!” Hai mai visto un grande paese impegnarsi a rimanere sul divano, con il pretesto che un trattato non ha nulla in programma nel caso in cui fosse un babbeo? No. Quando dormi, dici “Sto dormendo. Bene, eccoti! “Queste sono storie di avvocati e diplomatici, tutto ciò”

Rivolta dei gilet gialli in Francia

La conclusione è ovvia
Ora sappiamo che il debito della Francia, dell’Italia e della Spagna aumenterà in modo sproporzionato e che il loro PIL diminuirà a causa di una ragione quasi opposta. Non rispettiamo più le regole stabilite nei trattati. La solidarietà tra stati non esiste, non più che la cosiddetta amicizia tra popoli. Non avendo né l’accettazione di quest’ultimo, né un trattato in grado di definirne il funzionamento, acconsentito e rispettato liberamente, la conclusione è evidente: le possibilità di sopravvivenza della zona euro sono praticamente zero. Dato che non si può lasciare la zona euro senza lasciare l’Unione europea, quest’ultima può solo crollare.
Certo, puoi sempre trasformare una rotta in una vittoria, ma i fatti ci sono e sono testardi.

Solo un accordo tra i popoli potrebbe ancora salvare questa situazione disperata, ma non sarà trovato sulla base del federalismo imposto da un’élite euro-globalista a detrimento dei popoli sovrani che desiderano soprattutto proteggTroussonere dagli eccessi di questa élite.

https://www.minurne.org/billets/23490

Fonte: Minurne Resistance

Traduzione Gerard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus