APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Addio, Movimento 5 Stelle…..

di Gabriele Sannino

Ci ho creduto. Dio solo sa quanto ci ho creduto.
Mi sono iscritto a questo Movimento nel 2011, quando ancora nessuno lo conosceva.
Di Grillo ho apprezzato tutti i contenuti sparsi qua e là nei vari vaffa-day: a differenza di molti miei colleghi giornalisti, infatti, non mi sono mai soffermato sulle cosiddette “parolacce”.

Nel 2012, uno dei miei libri – I segreti del debito pubblico, un libro che parla di signoraggio e moneta-debito – è apparso perfino sul blog, e per ben due volte, inorgogliendomi non poco.


Poi, nel 2013, la magnifica campagna elettorale fatta da Grillo, lo Tsunami Tour, che ha fatto uscire milioni di italiani dalle loro case, dimentichi per una sera della solita propaganda televisiva.

Me lo ricordo bene quel giro d’Italia: Beppe tuonava contro l’Euro, l’Europa delle banche, il liberismo economico, la Nato guerrafondaia, la casta e i suoi privilegi.
La chiusura trionfale del Tour avveniva a Piazza San Giovanni a Roma, e mostrava un Grillo passionale, sicuro, un vero e proprio guerriero, mentre dietro di lui un gruppo di giovani (i futuri parlamentari) restavano muti e adoranti.

Il Movimento 5 stelle, nel 2013, entrava ufficialmente in Parlamento: per gli altri partiti – ovviamente – erano sbarcati “gli alieni”, quelli da evitare come la peste, perché – una volta tanto – rappresentavano per davvero la volontà popolare.
Dal 2013 al 2017, i grillini hanno fatto un’opposizione politica considerevole, propria di chi intende accreditarsi… per governare: la raccolta firme per il “fuori dall’Euro”, le manifestazioni contro la casta e i suoi privilegi, perfino scioperi a oltranza contro i vari provvedimenti a favore di banche e lobby finanziarie, il tutto bilanciato da tante proposte di legge a cui io ho stesso ho partecipato votando sulla piattaforma Rousseau.

Oggi, nel 2018, e con molto rammarico, devo ammettere che il Movimento 5 Stelle è cambiato.
Profondamente cambiato.
Grillo non c’è più: ha creato un sito che porta il suo nome ed è perfino scollegato da quello del movimento, che invece si chiama “blog delle stelle”.
Anche Gianroberto Casaleggio non c’è più: purtroppo, lui è passato a un’altra dimensione.

Al posto dei due leader, c’è un ragazzo napoletano, Luigi Di Maio, che dal 2013 al 2018 è divenuto prima vice presidente della Camera e poi capo del movimento.
Di Maio ha iniziato la sua campagna elettorale ripartendo proprio dai temi cari ai fondatori, tuonando contro l’Euro (su YouTube si possono trovare dei suoi video dove afferma che il sud Italia morirà definitivamente con questa moneta) ma non solo, contro l’Europa delle banche, la casta, la Nato e via dicendo.
Il punto è che questo giovane ragazzo, con la sua pacatezza e tranquillità, è arrivato, pian piano, intervista dopo intervista, ad affermare il contrario di tutto, mentre la “base” era e resta tuttora sconcertata e incredula, pensando – magari – a una specie di “strategia”.

A questo punto mi chiedo: com’è possibile parlare di strategia?
Se un giorno affermassi che il mondo è rotondo, poi il giorno dopo che è quadrato e poi ancora quello successivo ritornassi a dichiarare che è rotondo, voi mi dareste fiducia?
Luigi Di Maio – questo è un fatto – ha iniziato ad ammorbidire le sue posizioni (fino a cambiarle) man mano che si “accreditava” nei vari consessi europei e internazionali: è volato a Londra ad assicurare gli investitori stranieri, a Washington, il covo della finanza internazionale, e ha perfino affermato, quando ha incontrato il Presidente francese Macron (uomo, anzi galoppino dei Rothschild) che “le loro politiche hanno molti punti in comune”.

“Ma che, davero?” Si dice a Roma.
Gli elettori 5 stelle, ancora adesso, si concentrano molto sul fattore onestà.
Ebbene, ancora una volta sono qui a chiedermi: è onesto cambiare idea in questo modo su tutto? E’ onesto concentrarsi solo sul taglio degli stipendi dei parlamentari, su un presidente della Camera che prende l’autobus anziché l’auto blu, o su un reddito di cittadinanza che – senza sovranità monetaria – sarà un’altra montagna che partorisce un topolino?

Luigi Di Maio

Gli elettori 5 stelle devono sapere che i tagli agli sprechi sono il gioco preferito dei banchieri: essi, infatti, a fronte di denaro che prestano agli stati dal nulla, riescono a distruggere tutti i servizi pubblici – i nostri beni comuni – tant’è vero che oggi si chiudono ospedali, scuole, asili, uffici amministrativi, perfino presidi militari.
Ebbene i 5 stelle, con le loro manovre di taglio e cucito, non faranno altro che continuare questo gioco al massacro: è onestà tutto questo?
Ecco perché, in questo momento storico, mi è davvero difficile comprendere il motivo dell’attuale impasse politica.

Non capisco perché i 5 stelle – a questo punto – non facciano un governo con chiunque sia disponibile: Berlusconi, così come il PD, è europeista ed eurista, insomma tutti i partiti – Lega compresa, visto con chi si è alleata – sono tutti sottomessi al potere finanziario.
Sono tutti a favore dello status-quo, è questa la verità ultima.
Del resto, se ci pensate bene, sono i banchieri che pagano gli stipendi ai nostri politici…
A questo punto, un governo Berlusconi-5 stelle sarebbe perfino meno orribile di uno fatto col Partito Democratico… ed Emma Bonino, donna per antonomasia sia di Georges Soros che dei Rothschild.

Ecco perché, caro Movimento 5 stelle, ti dico ufficialmente addio.
Lo faccio a malincuore, ma non posso fare diversamente, vista la tua “evoluzione”.
Sono fatto così: a me i furbastri non sono mai piaciuti.
L’onestà – quella vera – si misura sempre, a mio avviso e prima di ogni cosa, proprio con una bella dose di coerenza.

N.B. L’opinione dell’autore può non coincidere con la posizione della redazione.

*

code

  1. Anonimo 6 mesi fa

    Movimento 5 culi spalancati ai Banditi Uniti D’America & Banditi Associati D’Europa .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Citodacal 6 mesi fa

    Messo così parrebbe sia tutta responsabilità del solo Giggetto Di Maietto che, con un astuto e sotterraneo quanto perseverante colpo di mano (nemmeno fosse il malvagio dio Loki) riesce a capovolgere tutto l’universo pentastellato d’un botto (neppure il minimo sospetto che il movimento 5S possa nascere da subito, nelle intenzioni di fondatori e finanziatori, come spazio per intercettare il voto di protesta e indirizzarlo su un binario operativamente morto, almeno per quel che riguarda gli elementi strutturali della situazione italiana). Ma fosse anche soltanto il Di Maietto ad averci messo la malandrina coda, tutti gli altri allora cosa fanno e cosa ci stanno a fare? (misteri della fantomatica democrazia diretta online …??? o forse il termine “diretta” non era un aggettivo bensì già il participio passato di “dirigere”, ovvero indirizzare verso…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. giannetto 6 mesi fa

      Consplati….! Neppure adesso Gabriele Sannino sospetta che il 5 Stalle sia nato come movimento “Gate keeper”, ma almeno lo ha mollato. D’altronde che vuoi sperare di più’ ?
      Ieri sera, al veder “Fratelli di Crozza”, ho fatto attenzione alle inquadrature e zoomate sul pubblico ilare, perché il Crozza è davvero un imitatore straordinario. Ma quella ilarità era meramente catartica. Basta e avanza agli italioti per sfogare i loro malumori. Insomma, è un sedativo… E’ una “farsa tragica” aristotelica.
      Gli italioti non si rendono conto (figurati!) che l’incipiente polarizzazione del voto tra 5S e Lega significa né più né meno che lo squagliamento dell’ Italia Unita. Ai piani alti cercano di riattaccare i cocci (non per altro che per proteggere le loro caste feudali) e infatti la formazione di un sedicente governo è materia molto più laboriosa dell’elezione di un papa (dove almeno i cardinali restano chiusi in Conclave e non vanno in vacanza in mediis rebus). Ai piani bassi se ne fregano, cercano di arrangiarsi come possono, finché se magna…. e si rilassano con Crozza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Citodacal 6 mesi fa

        Senso d’appartenenza e ansia d’identificazione cancellano il senso critico del discernimento, in qualsiasi ambito esistenziale. Mishima, ad esempio, ricorda come un samurai avesse il compito di disobbedire a un ordine che avrebbe danneggiato il suo signore, e questo sarebbe stato un modo estremo d’essergli fedele e leale che si sarebbe potuto pagare anche a carissimo prezzo (se non del tutto simile, troviamo per certi versi analogo il comportamento di Socrate innanzi alla condanna a morte).
        Il senso d’appartenenza prolifera sulle illusioni e sulle delusioni: l’illusione d’aderire acriticamente (e trovare qualcosa con cui identificarsi) e la delusione allorché qualcosa non coincida più. È il limite dell’approccio ideologico (e non soltanto), che della militanza intesa in senso eroico ed esistenziale come autodisciplina atta a seguire un codice di comportamento formativo e rivelativo, scimmiotta solamente le forme più superficiali; e per cosa? senso di gratificazione e identificazione individuale per una vita che passa con un battere di ciglia…
        Non è casuale che Yagyū Munenori, il grande spadaccino nonché consigliere e amico personale dello shogun Tokugawa dell’epoca, lasciò detto: “Non so eccellere sugli altri. So eccellere soltanto su me stesso”, a stigmatizzare come il processo di autocoscienza non solo non possieda alcun limite temporale e applicativo, ma nemmeno soggiaccia alla dicotomia, spesso alquanto ipocrita e fasulla, del gusto e del fine personali o dell’adesione a quelli collettivi. Le grandi civiltà del passato sono riuscite, seppur con tutti i limiti dovuti alla forma umana, a tradurre questo orizzonte in qualcosa che potesse riguardare l’intera vita quotidiana, e non soltanto quella dello “specialista” (fosse costui il filosofo, il sacerdote o il guerriero): la nostra società invece, del tutto assuefatta all’idealismo o all’empirismo il più bieco ed utilitaristico, un simile orizzonte nemmeno riesce a concepirlo più.

        p.s.: non solo non vanno in vacanza i cardinali, ma forse potrebbero ancora rischiare d’esser sottoposti, proprio come accadde durante il primo Conclave tra 1268 e 1271, a provvedimenti analoghi a quelli presi dal Podestà di Viterbo, Alberto di Montebuono, e dal capitano del popolo Raniero Gatti: diminuzione dei viveri e scoperchiamento parziale del tetto del palazzo che li “ospitava”…
        p.p.s: concordo appieno sulla “farsa tragica” dell’ilarità catartica; il tanto vituperato e mal compreso (adesso) buffone di corte riusciva a far riflettere attraverso l’arte del lazzo (anche oggi è rimasta un arte sempre riferita a un …azzo da qualche parte)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. giannetto 6 mesi fa

          Però l’autocoscienza del tuo spadaccino, realizzatasi in autocontrollo impeccabile, non lo liberava dal “senso d’appartenenza” implicito nel servizio per il suo shogun.
          Il modo radicale per liberarsi dal “senso d’appartenenza” è quello del trapper… e attenzione anche qui! ..se lo fa al modo di Giovanni Battista, nutrendoti di locuste nel deserto… e non per es. al modo di Simeone lo Stilita, che sempre suppone almeno un inserviente il quale, con l’aiuto di una fune, ti sollevi il cesto dei viveri in cima alla colonna.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Citodacal 6 mesi fa

            @Giannetto
            (solo per specialisti…)
            Con “senso d’appartenenza” intendo quell’atteggiamento passivo e poco o nulla consapevole con cui si delega, spesso per entusiasmo rapito, la propria persona e il proprio senso d’identità a qualcuno o qualcosa: è l’adesione psichica di un soggetto che crede d’essere soggetto attraverso la mera sensazione.
            Diversamente, un samurai era ben conscio (poiché faceva parte del suo status) della condizione a cui andava incontro; l’appartenenza d’ordine psichico quindi era sostituita dall’appartenere consapevolmente al dovere – inteso come codice interiore – che caratterizza la condizione del bushi, il che richiede una presenza mentale ed esistenziale scrupolosa, con tutto il discernimento che questo comporta; c’è quindi piena compartecipazione, né scontata né preconfezionata (e ciò richiede appunto l’attenzione permanente che caratterizza il seguire una Via); non c’è invece l’attesa di una identità fittizia ed autogratificata, che nel caso del senso d’appartenenza psichico è un semplice ego desiderante proiettato sulla direzione-massa per sentirsi amplificato e accettato dalla stessa.
            Hagakure riporta (IX, 24): “Nakano Jinuemon era solito dire: «Un uomo che serve il suo daimio solo se è trattato con bontà non è un samurai. Colui che lo serve quando è duro e irragionevole è un samurai. Vi dovete imprimere nella mente questo principio»”. In questa circostanza, sia il senso d’appartenenza desiderante che quello ciecamente fanatico vengono messi alla porta perché inutili e sostanzialmente ambedue supini: rimane il solo confrontarsi con se stessi per poter servire con piena consapevolezza che provenga dall’interno, e non sia affascinata da qualsivoglia feticcio dell’esterno.

            Mi piace Non mi piace
      2. Michelangelo 6 mesi fa

        W lo stesso dell’Italia Unità che non è mai nata perché non si può unire ciò che natura e storia hanno creato disunito. Una sana confederazione e l’unica ipotesi realizzabile se la smettiamo di voler sbattere la testa contro il muro della realtà.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Michelangelo 6 mesi fa

          Lo squagliamento no lo stesso. Maledetto correttore

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Miriam 6 mesi fa

    Bravo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. amadeus 6 mesi fa

    che figura di m….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. vaffa 6 mesi fa

    Ma quanto sono cattivi quelli del mv,
    Neppure uno strapuntino x questo solone,
    E lui che ci aveva sperato tanto, aveva leccato e sgomitato cosi tanto x
    Poi vedersi mettere in disparte x altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mars 6 mesi fa

      Dai che Giggino ti dà il reddito di cittadinanza e tutto va bene. Chi se ne importa del resto…!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Idea3online 6 mesi fa

    Basterebbe solo guardare il Video Gaia, per capire che è un Movimento che guarda ad un Mondo Unipolare a guida occidentale, basta solo questo video, è tutto troppo chiaro, Casaleggio non ha nascosto niente, più onesto di così..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L`Osservatore attivo 6 mesi fa

      Caro Di Battista,

      quando ti ho visto per la prima volta nei vari video che circolano online e ti ho sentito parlare, mi sono chiesto sino a quando saresti rimasto nel movimento.
      Hai creduto sino in fondo ma ora eri ad un bivio e per quanto mi riguarda era una scelta scontata per una persona come te.
      Prima di sparire come immagino avverra, prova invece a contattare tutti i personaggi che si stanno battendo per la stessa causa per cui ti batti tu, raduna tutti e create un vero e nuovo movimento.
      Usa la tua popolarita ora prima che scompaia nell`etere.
      In bocca a lupo
      L`osservatore attivo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Anonimo 6 mesi fa

        Non è Di Battista che ha lasciato il Movimento come l’articolo, ingannevolmente, lascia pensare…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Idea3online 6 mesi fa

    Lega compresa, visto con chi si è alleata – sono tutti sottomessi al potere finanziario.
    Sono tutti a favore dello status-quo, è questa la verità ultima……..

    Letta solo per avere partecipato alle Olimpiadi a Sochi è stato “bannato”…Salvini ha spazio in tutti i Media……certamente Salvini ha per Sponsor gli apparati industriali che vogliono e desiderano gli scambi commerciali con la Russia, ma alla fine per quanto Salvini possa essere bravo non desidera rischiare e fare la fine di Craxi….è tutto chiaro, è sempre tutto chiaro, la verità esiste, però dipende dalla riflessione e non solo dall’ascoltare e dalla lettura…la verità necessita di agganciare il Passato al Presente ed il Futuro si chiama Verità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. XD 6 mesi fa

      D’accordissimo con 3 online…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Geometrio 6 mesi fa

      Io ti dico meglio salvini , per lo meno fa l interesse dei padroni italialiani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. atlas 6 mesi fa

      in un sistema democratico contano i soldi e finchè BerLuxCohen vive e li ha continua a corrompere, guardate (e sentite) cosa dice Gigi Moncalvo : https://youtu.be/rZJUkb-Ud5w

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Stefano 6 mesi fa

    Questa volta la Massoneria ha un partito al 35%…5 stelle come le 5 punte fella stella ebraica…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The roman 6 mesi fa

      Devo correggerti ! Le punte della stella ebraica slno 6. 6 punte 6 linee 6 angoli, il numero rivela la sua natura.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 6 mesi fa

        già … 666, il numero del demonio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Francesco 6 mesi fa

    Siete proprio furbi. Non avete capito nulla. Ora stiamo evitando lo scontro diretto verso i poteri internazionali, la merda che ci buttano addosso ogni giorno i criminali italiani ci impedice di aumentare i consensi. Non Mi senra opportuno conquistarci altri nemici ora, meglio opporsi quando saremo al potere e comuque non sarà facile combattere i criminali internazionali. Chi attacca il M5S, indebolisce il movimento e rafforza i criminali che ci hanno portato in questa situazione. Chiunque è capace di criticare, vi dovreste posse questa domanda: “Come possiamo aiutare il M5S a combattere i criminali internazionali? Siete proprio degli allocchi. State danneggiando chi vi aiuta e aiutando chi ci ha gia condatto nella povertà, schiuvitù e paura. Ma non tutti hanno le vostre idee.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Geometrio 6 mesi fa

      Aiutare ? M5S prima mi deve dimostrare ora, a me evidente, di non essere il braccio politico sionista in Italia, incanalatore del dissenso.e come si fa? Intanto vorrei sapere tutti gli affiliati dei vari rotary club e club segreti presenti nelle liste politiche del m5s. Con conseguente alle ntanamento degli affiliati e pubblicazione . Incominciate da lì .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Sandro 6 mesi fa

      E, se dopo i vitalizi, per equità fiscale, riducessero anche tutte le altre normali pensioni, comprese le più basse?? …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Mars 6 mesi fa

      Ma piantatela con questo ritornello! Siete attaccabilissimi! Volete governare col PD e la Bonino… Ma vi rendete conto?
      Ma di che cazzo state parlando. Non siete strateghi. Siete delle banderuole al vento, e la gente se ne sta accorgendo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Eugenio Orso 6 mesi fa

    L’0nestà è solo uno slogan e una riuscitissima presa per il culo dei cinque stalle (ingombre di letame) per incamerare voti.
    Il reddito di cittadinanza Cipperimerli.
    La battaglia contro i vitalizi dei politici riuscitissima propaganda da un tanto al chilo, poche centinaia di milioni a fronte di centinaia di miliardi necessari alla popolazione.

    La confessata fede atlantista di Di Maio, quella è sicuramente vera.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mars 6 mesi fa

      Di Maio è come Di Pietro: toni da rivoluzionario ma gratta gratta, rimane solo la fede atlantica ed eurista. Però la gente si fa imbonire
      facilmente da chi parla di “casta cricca e corruzione” e promette reddito di cittadinanza a chi non lavora.
      Le soluzioni proposte da Di Maio sono palliativi che non hanno effetto alcuno sulle cause profonde del disastro; ma i fanatici del
      movimento questo non lo capiscono, o fingono di non capirlo e attaccano col ritornello “se attaccate il movimento attaccate l’unica
      speranza di salvezza”… Ma andate a quel paese, bugiardi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. atlas 6 mesi fa

    presto l’addio sarà a tutto il sistema suinocratico, la gente si sta rompendo i coglioni

    però che condannano definitivamente Berlusconi (quindi Dell’Utri) per le sue commistioni con il crimine dopo la Sentenza di oggi di Palermo da parte dei 5 stalle mi piace … il Berlusconi che vuole comandare a tutti i costi, anche col pd, anche con i sinistri più di lui … hahaha. E la lega coglierà al balzo questo suo atteggiamento prendendone le distanze, non credo poi per i fratelli ex AN vi siano le stesse pregiudiziali da parte del movimento pentagono che ci sono su FI, quindi forse un nuovo regime si sta delineando nel parlamento di Roma, almeno non lo stesso di sempre, poi si vedrà…quando una politica non piace agli ameri cani poi arriva l’isis, solo il controspionaggio Russo può proteggerci, sempre se loro ne hanno interesse …

    cmq sia, kissenefrega delle chiacchere e di tutti, basta che non mi cerchino a me, alla mia Famiglia, alle mie cose e alla larga dalle divise milizie di regime, mare, belle donne e campagna, sto arrivando

    un consiglio per chi si alza domani alle 5 (ma anche alle 7…) per andare a fare lo schiavo di qualcun altro che non è Dio, sia amministrazione pubblica o privata, per mantenere ancora in piedi questa situazione di melma fatta di classi sociali, di parassiti stranieri e di ingiustizie: contro le multinazionali che hanno creato tutto questo cercate altrove, non è con la democrazia che avrete il benessere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Fernando 6 mesi fa

    È soltanto la solita storia tutti che vogliono cambiare la politica e poi è la politica che cambia tutti.Niente di nuovo neanche originale con un Di Maio che fa la replica di Renzi,Personaggi trasportati dalla barca Grillo che ora cercano di galleggiare.Forse bisogna comprendere che dopo aver aperto quella mitica scatoletta di tonno hanno assagiato il contenuto e hanno deciso di mangiarselo.a 30 anni ho avuto una lezione di vita quando fu eletto Craxi che all’epoca sembrava Cristo tornato sulla terra il salvatore della patria,e chiesi ad una persona molto più anziana di me”Sor Maè che ne pensate de sto Craxi” e lui “Questo se magna tutto”e io “E perchè dite questo come mai sta certezza”e lui “Perchè cià la fame aretrata”Che devo di speramo che Di Maio non ce ne ha troppa perchè stavorta la dispensa è vota e chiesi ad uno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Paolo 6 mesi fa

    Condivido!
    Potevi accorgertene anche un po’
    prima però.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. bertolini 6 mesi fa

    5 STELLE COME PENTAGONO…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. max tuanton 6 mesi fa

    Non vorrei dire una banalita ma sul Nome 5 stelle subito credevo si riferisse ai 5 fratelli Rothschild che rispettivamente a Vienna Napoli Francoforte Londra e Parigi dominavano I’ll mondo con le loro banche , difatti Ai 5 stelle I rimborsi elettorali non interessavano ,pero I soldi dovevano pur saltar fuori da qualche parte ,poi per I’ll pentalfa cioe LA Stella a 5 punte e’ un simbolo Della cabala ebraica rappresenta israele se poi simboleggia qualcos’altro non so ma sono sicuro e’ Cabala Ebrea I diffusori di tutte le eresie e I Satanism I sono sempre stat gli Ebrei non ci sono ca… Hanno un bel da ripulirsi I vari siti di esoterismo e satanismo le loro dottrine derivano tutte dagli Ebrei cabalisti e talmudisti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Eugenio Donati 6 mesi fa

    La vera battaglia contro l’Euro, l’Europa delle banche, il liberismo economico, la Nato guerrafondaia,
    la casta e i suoi privilegi il M5S l’ ha fatta per le europee: e si è visto come è andata.
    Non puoi parlare di questi temi con gente che non ne conosce nemmeno l’ alfabeto.
    E senza voti nessuna possibilità di fare qualcosa.
    Io ci credo ancora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Davide 6 mesi fa

    Si e iscritto a
    Al m5s nel 2011 quando ancora nessuno lo conosceva? ma se io sn iscritto dal 2005 ma chi è qst egocentrico

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. lorenzo 6 mesi fa

    Ho letto la cronistoria di una persona delusa,il cui contenuto è opinabile.Capita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Riccardo Mordini 6 mesi fa

    All’autore del post: sei solo un povero coglione incapace di valutare i momenti e le circostanze!! Secondo te quanto milioni di persone potremmo trovare in Italia che vorrebbero vedere morti tutti i Rom? E secondo te un qualsiasi leader politico potrebbe uscire pubblicamente affermando che vorrebbe vedere morti tutti i rom? Ecco….con questo esempio ti ho spiegato tutto. Le cose dette per dieci anni su euro o Europa o sovranità monetaria sono tutte verità assoluta, ma come leader che si appresta, forse, a governare devi farti una scaletta su quanto puoi realizzare subito e su quali lunghe e lente trame devi iniziare a tessere per raggiungere il resto, sempre che ai problemi di quel resto non si possa porre rimedio in altro modo (e qui mi riferisco ovviamente alle politiche europee). Forse incarni il pensiero di molti, magari a volte anche il mio…ma hai elencato una montagna di fesserie, cosi come tutti a volte pensiamo fesserie, ma altri rinsaviscono…tu no!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Renè 6 mesi fa

    La dichiarazione d’imbecillità nelle prime righe dell’articolo mi ha incuriosito .Anch’io mi informai, sui 5s ma ancor prima andai ad uno show di Grillo: un IDIOTA falso come giuda, ma finchè faceva il comico specializzato nel far ridere compagni e vegani, era innocquo, certo, aveva truffato i donatori al progetto del microscopio elettronico che sarebbe servito a dimostrare la pericolosità degl’inceneritori, i soldi che Grillo raccolse servirono a comprare un vero microscopio elettronico, ma per poi lasciarlo in uno scantinato, inutilizzato (leggere “Il Grillo Mannaro” gratis in pdf) Grillo è falso e bugiardo, lo sgamai subito, ma i compagni quando s’INNAMORANO lo fanno PER SEMPRE i compagnucci sono così romantici e fedeli… come i cani (bastardi).
    Nota Bene che Grillo non toccò mai più l’argomento “inceneritori” e nessun “fun” di Grillo ci trovò nulla di strano, di sospetto, di sporco…
    Ovvio che quando l’Insetto si buttò in politica lo consideravo ancor peggio, (per non parlare dei deliri da guru lisergico di Casaleggio) ma esseri (poco) senzienti come l’autore, ne erano innamorati e l’amor non vuol sentir ragioni, i grillini restavano “MUTI ed ADORANTI” come una banda d’IDIOTI e quelli entrati in Parlamento, più che “alieni” erano boccaloni, quel genere di pesce che mangia tutto quanto sta in acqua, così questi boccaloni di terra si bevono tutto ciò che secondo loro è “La Verità”. Clamoroso, per idiozia, fu la scema che avendo acceso la TV a film di fantascienza già iniziato, lo prese per vero ed in Parlamento interrogò il Governo circa l’esistenza di sirene prigioniere in un qualche segreto acquario.
    Ma il peggio lo abbiamo sotto gl’occhi con i grillini sindaci a Torino e Roma, che hanno politiche identiche, segno che prendono ordini dall’Insetto supremo e questi ordini sono di discriminare gl’italiani e favorire gli stranieri, specialmente i più barbari, selvaggi, asociali: negri, islamici e zingari.
    Ma nonostante l’esempio di governo anti-italiano, l’Insetto prese un terzo dei voti, non capivo il perchè ma grazie a questo autore forse ho capito come funziona il cervello di un pesce: Di Maio ora dice il contrario di ciò che affermava in campagna elettorale, ma è una strategia (!!!) e… che ancor prima fosse immigrazionista anti-italiano?! Nessuna risposta… “sovrastrutture” direbbe il compagno innamorato…
    Comunque il boccalone-autore a questo punto dopo anni, realizza di essere stato fiocinato nel popò ed allora si trasforma in Sansone, si spoglia delle squame e si scaglia contro tutti i partiti, tutti i politici… ma tenerissimo, ingenuo pesciolino col cervello di pesce, visto che mi fai tenerezza, cercherò di spiegarti nella tua lingua una cosa: Sannino tu sei un FESSO, sei nato fesso e morirai da fesso, come ti ha fregato Grillo, ti fregherà chiunque, dunque fai tesoro di questo e non impegnarti più in politica, non andare nemmeno a votare, perchè per colpa tua e di altri fessi come te tutti noi ora dovremo farci governare da un Giuda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. ROSSELLA GUADALUPI 6 mesi fa

    Roxy Gi NON SONO D’ACCORDO CON CHI SCRIVE QUESTA LETTERA-ARTICOLO E NON SI FIRMA NEANCHE. IL MOVIMENTO RESTA SEMPRE MOVIMENTO, CON LE MOTIVAZIONI CHE CI HANNO PORTATO AL 2018. LA POSIZIONE SULL’EUROPA E SULL’EURO NON E’ CAMBIATA MOLTO E QUEL POCO E’ DOVUTO AD UNA EVOLUZIONE DELL’EUROPA STESSA, ALL’AUMENTO DI PERCENTUALE DI QUEI PARTITI CHE CONTRASTANO I VECCHI, LA CUI MERKEL STESSA HA DOVUTO PIEGARSI. PER QUANTO RIGUARDA L’ONU, CREDO CHE DI MAIO SIA L’UNICO CHE NON PROMETTA L’IMPROPONIBILE, CON QUESTO DENOTA LEALTA’ NEI CONFRONTI DEL POPOLO,NON PROMETTE QUELLO CHE NON PUO’ FARE E TUTTI SAPPIAMO IL PERCHE’ (PERCHE’ C’E’ UN TRATTATO CHE NON SI PUO’ ABBATTERE). RESTA DI FATTO ,PERO’, CHE SI POSSANO FARE DELLE RIVOLUZIONI NELLE SEDI GIUSTE (PARLAMENTO EUROPEO), DOVE SICURAMENTE SI AVRANNO MIGLIORI RISULTATI. E’ VERO, IL MOVIMENTO E’ NATO COME UN MOVIMENTO DI URLATORI, BENE, CI SIAMO FATTI SENTIRE, TANTO CHE SIAMO ARRIVATI AL 33% ca. QUESTO VOLEVAMO, ORA SI PASSA A FARE IL GOVERNO PER FORMALIZZARE, FINALMENTE, TUTTI QUEI PUNTI PER CUI ABBIAMO URLATO. GRILLO E’ E RIMANE SEMPRE IL PROMOTORE INSIEME A GIANROBERTO. SONO LORO CHE HANNO SPIANATO LA STRADA E CI HANNO PORTATO FIN QUI. POTRESTI FARE QUESTE CRITICHE QUALORA I RAPPRESENTANTI 5 STELLE DEL GOVERNO NON AVESSERO ADEMPIUTO A QUELLO CHE HANNO PROMESSO, MA NON CREDO CHE QUESTO AVVERRA’ MAI.VEDO IL MOVIMENTO COME UN BAMBINO, CHE ,APPENA COMINCIA A CAMMINARE,E’ INCERTO, CON GLI ANNI DIVENTA PIU’ SICURO MA RESTA SEMPRE LO STESSO BAMBINO.DARE LA FIDUCIA E’ FONDAMENTALE, NON SI PUO’ ESSERE DISTRUTTIVAMENTE CRITICI SENZA AVER AVUTO ANCORA RISULTATI.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Redazione 6 mesi fa

      La lettera/articolo è firmata da Gabriele Sannino…….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Gioli 6 mesi fa

    Uno se ne va e alcuni milioni ne arrivano !
    E’ difficile saper essere una forza politica di lotta e di governo e non tutti capiscono il vero significato di posizioni assunte per conquistare il consenso e proseguire nella latta per affermare i principi fondanti del Movimento !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Andrea Pilati 6 mesi fa

    Buonasera a tutti
    I miei complimenti Gabriele Sannino, concordo. Mi permetto di aggiungere che tutto quello che abbiamo visto sul Movimento è per mio conto funzionale ad un altro obiettivo.
    Lo segnalo qui, in questo link: https://traterraecielo.live/2018/04/21/controllati-attraverso-un-gioco-di-societa/
    In questo articolo ho posto l’accento sul fatto che proprio la visione di Casaleggio era incentrata sulla rete di internet utilizzando un software che altro non è che un database con campi di testo.
    La piattaforma informatica può essere tranquillamente manipolata attuando quindi una censura selezionando con opportuni filtri i contenuti “scomodi”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. raffaello raffaelli 6 mesi fa

    Io sono deluso quanto te. Ho dato quasi 6 anni al movimento con passione e fiducia. Poteva davvero funzionare, potevamo davvero
    arrivare al governo con una nostra maggioranza e cambiare il paese. Ma i poteri forti, quelli che oggi governano il movimento sono
    stati più ….forti appunto e capaci di corrompere i nostri riferimenti…. Peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Stefano 6 mesi fa

      Con quelli come te saremmo in una lista con Potere al Popolo ed al 3%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Barolus Viginti 6 mesi fa

    Farai bene ad informati meglio onde cadere ancora nelle trappole mediatiche degli avversari del M5S. I programmi non sono stati cambiati, sono sempre quegli votati online dagli elettori. Ancora credete alle balle di un malato di mente, al secondo giuliano Ferrara? Cavolo non sapete leggere? Andate a vedere su Rousseau e vi accorgerete anche di tante altre cose in serbo al M5S, tra cui molte realizzate, nonostante ancora non abbiano governato. Basta un colpo di vento e una scoreggia del deficiente di turno per farvi cambiare idea. Fatevi vedere da uno buono perché mi sa tanto che si tratta di bipolarismo dissociativo, o in qualche modo tendenza alla psicolabilitá… che fareste in tal caso tornate a votare PD, Berlusconi o Salvini? Messi male siamo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Umberto Ferrajolo 6 mesi fa

    Certo. Ti piacerebbe che il M5S restasse un partito di protesta, che non arrivasse mai al Governo. E no , caro mio, se ti piace solo il vaffa day, fai bene, il M5S non fa più per te. Adesso non si propone solo di denunciare, adesso vuole e può cambiare le cose. Adesso parla anche al ceto medio, chiarendo che non ha intenzioni distruttive ma migliorative.
    Fa bene Di Maio a mostrarsi pacato e moderato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Angie 6 mesi fa

    Se vuoi stare dentro i banchi del governo, non puoi pensare di arrivare e cambiare tutto in un colpo. Dovrai per forza relazionarti con altri. Per realizzare idee e programmi in linea con i propri valori, ci sono dei passaggi da fare, e anche dei compromessi, come nel caso obbligato dal risultato delle elezioni. Per questo è necessario trovare delle soluzioni libere da schieramenti teorici, e lavorare su i punti in comune dei programmi. La situazione nella quale ci troviamo è il frutto di gestioni corrotte, disinteressate al bene del paese, e poco lungimiranti. Trovo che la proposta di invitare apertamente ad armarsi di volontà e muoversi concretamente per portare le soluzioni prioritarie, sia molto intelligenze e concretamente utile. Con questo mi dispiace per la sua delusione, e se avesse soluzioni migliori da proporre la invito a farlo. Buoma gironata 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Stefano 6 mesi fa

    Ma come mi dispiace! Uno statista come te che lascia il Mov. Non so se riusciremo a farcene una ragione! Forse no…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Lorenzo Lelli 6 mesi fa

    Ma se sei Forzista dillo e sii onesto con te stesso.
    Ogni situazione ha bisogno della sua logica.
    Se ti riesce pescare un pesce senza verme, fammelo sapere, almeno smetto come te di combattere per il cambiamento.
    Un cordiale saluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Romano Giulianetti 6 mesi fa

    Ricordiamoci che se l’Italia vuole sopravvivere in un sistema mondializzato economicamente, solo una Europa unita e
    correttamente organizzata nel suo complesso degli stati membri (economia, ricerca, scuola, sanità, socialità
    ecc.ecc.), può fornire queste condizioni politiche ed economiche necessarie per la viata pubblica e privata.
    Pertanto l’Italia deve cercare di modificare la normativa dell’Unione Europea esistente e contemporaneamente di mantenere
    sviluppare la coesione tra gli stati membri facendo loro capire la necessità sopra indicata.
    Vorrei che questi obiettivi fossero contenuti nel programma del futuro governo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. HERZOG 6 mesi fa

    Quest’ondata di commenti mi sorprende sembra di stare su Come don chisciotte,parlano del m5stelle come dei bambini che parlano di ingegneria ma date un occhiata al video ” Prometheus casaleggio” oppure a Enrico Sassoon appartenente a una delle dinastieEbree piu Malefiche dellastoria oppure alla Raggi che canta Bella ciao e aiuta gli Immigrati invece che gli Italiani ,lEpulone Ebreo Gongola ,a vedere gente simile si com piace ogni istante una selva di gigioni capaci solo di lavorare e mai di Riflettere, spremere le meningi richiede piu Fatica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 6 mesi fa

      In effetti caro herzog non immaginavo di capitare in un merdaio simile.. ci sono talmente tanti cerebrolesi a commentare questo articolo che resto allibito.. il numero 1 dei suddetti è tale romano giulianetti che io credo sia un profilo inventato.. non si può essere così idioti.. al confronto atlas è zichichi in persona, un genio acclamato dal mondo intero.. quasi ogni commento equivale ad acciaccare una merda per strada.. di un pò, romano, forse che c’eri pure te al corteo degli sfigati?? Vorresti quindi più europa da parte di chi ha sempre detto di volerne uscire?? E di quella vecchia pazza che afferma che dopo le chiacchiere populiste ora è giusto cambiare le carte in tavola perchè si deve governare, ne vogliamo parlare?? Lo vedete che siete al livello della mammana bonino?? Non vi fate schifo da soli?? Il 5stronzi ve lo ha messo nel culo e voi vorreste dire che è quello che volevate?? Onore al caro leopardo che dopo aver visto l’involuzione grillina ha onestamente ammesso di essersi sbagliato.. un caro abbraccio a chi mostra onestà intellettuale come lui e un vel vaffanculo a tutta la marmaglia qui riunita, rimasta silente per mesi e che ora si sfoga vomitando il peggio.. per voi ci vogliono i campi di rieducazione cinesi, laogai per tutti.. e manganello sulle vostre teste rese inutili dal lavoro del giudeo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Massimo Lodi Rizzini 6 mesi fa

    Grillo ha eseguito alla perfezione gli ordini di Londra: prendere il malcontento, recintarlo e castrarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Franco De Marco 6 mesi fa

    All’autore di questo articolo direi che non si può fare un processo all’intenzione e non si possono gettare alle ortiche 11 miloini di voti. Ancora non ha fatto nulla il M5S e già viene giudicato dai presunti Grillini che Grillini non sono mai stati. Quella di Grillo si chiama coerenza perché lo aveva dichiarato che lasciava il Movimento quando questo poteva camminare da solo e qui l’autore dell’articolo gliene fa una colpa. Quello che sta facendo Di Maio lo ha detto pubblicamente in campagna elettorale. Il M5S non ha mai elemosinato nulla e tantomeno i voti di nessuno chi vuole andare via buon viaggio ce ne faremo una ragione ma il singolo non può dettare le legge al M5S le decisioni li abbiamo prese sempre in collegialità ed anche se ci sarà un contratto per governare sarà così! #arivederlestelleM5S

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Patrizia 6 mesi fa

    Questo articolo mi pare contraddittorio. All’inizio si presenta con: onesto è chi cambia il pensiero per accordarlo alla verità, poi dice che la vera onestà è la coerenza. Fatemi capire…tutto questo dare addosso a Di Maio mi pare solo una caccia alle streghe, gli italioti devono avere sempre un capro aspiatorio da accusare. Siccome ora, in pratica non c’è nessun governo, allora prendiamocela con chi non ha ancora iniziato a governare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. PinoMat 6 mesi fa

    Si vede lontano un miglio che chi ha scritto l’articolo non ha capito un.. niente del movimento!
    Articolo costruito a tavolino solo per discreditare ed infangare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maria Grazia 6 mesi fa

      Non vedo proprio nulla di quello che tu dici. Concordo in pieno con il testo appena letto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. lister 6 mesi fa

    Da chi è stato redatto il “contratto” ( 😀 ) tra grUllini e PD?
    Oltre a Sabino Cassese (!) e Giacinto della Cananea (??) ci sono due “figli eccellenti” :
    Giulio NAPOLITANO e Bernardo MATTARELLA!!!!!

    Ed ancora c’è qui qualche sfigato che crede a questo “movimento”!?
    Ah, già, è l’arcinoto movimento “5 contro uno” di onaniana memoria… 😀 😀 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Agnesina Pozzi 6 mesi fa

    Questo articolo esprime tutta l’amarezza e lo sconcerto che ho provato nel constatare che era in atto una orrenda trasformazione nel m5s, poi ho capito che non si trattava di involuzione o trasformismo ma del semplice buttare finalmente via la maschera: la massoneria inglese aveva bisogno di riciclatsi con una immagine di pulizia e gente pulita, come sicuramente lo è gran parte del parlamentari che hanno fatto un grandissimo lavoro. Purtroppo sono stati usati anche loro oltre a noi ex militanti. Io non sono proprio andata a votare. Quest’articolo potrei averlo scritto io, grazie per avermi dato voce!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Maria Grazia 6 mesi fa

    L’opinione di chi ha scritto questo articolo coincide con la mia. Mi auguro che chi ha votato 5 stelle apra gli occhi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Vetro 5 mesi fa

    Il Movimento 5 Stelle non è cambiato di una virgola: oggi come allora, a ciascuno racconta quello che vuole sentirsi dire, regalandogli la sensazione di contare qualcosa. È chiaro che, passando il tempo e aumentando la sua popolarità e la sua visibilità, il giochino diventa sempre più difficile da tenere in piedi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Paolo Galasso 5 mesi fa

    Ciao, lo sai che Campi Flegrei erutterà da un momento all’ altro, anzi è strano che ancora non lo abbia fatto? si dovrebbero evacuare alcuni milioni di persone e siccome questo è il solo vero problema al mondo per l’ Italia, io e quelli che lo sanno, non distinguiamo chi parla di partiti da chi parla di partite, due temi cari a chi proprio non ne vuol sapere nulla della realtà che ci circonda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace