Ad un passo dalla guerra sul Mar Nero meno di due giorni fa

Secondo una fonte russa, a Sochi, il 14 Settembre si è svolta un riunione di vertice fra il presidente Putin e il leader bielorusso Lukashenko. Mentre i due leader stavano negoziando, sono apparsi 3 aerei, bombardieri USA B52 Stratofortress, volando dalla nase aerea di Norfolk in Gran Bretagna e appoggiati da 3 caccia bombardieri F-35 che si sono avvicinanti alla zona del Mar Nero prospicente a Sochi, assieme a 3 aerei Sentinel della RAF britannica e due aerei Tank USA per rifornimenti e questo è stato interpretato come una possibile minaccia per il presidente russo, tanto che il comando russo ha messo in allarme la difesa aerea di Mosca.

Non è chiaro se questa era una semplice esercitazione o una strategia per portare un attacco contro la Russia eliminando in un colpo solo i due leader che si trovavano in riunione in quel momento. Nessuno è in grado di dirlo ma niente si può escludere.

Le provocazioni degli USA e della NATO in questo periodo sono frequenti e avvengono “a pelo” dello spazio aereo russo sul Mar Nero e sul Mar Baltico, includendo l’utilizzo delle fortezze volanti, B-52 Stratofortress , aerei in grado di portare ordigni nucleari.

Mig-31 Difesa aerea russa

In risposta si sono alzati in volo due “cigni bianchi”, bombardieri strategici russi TU-160 M, armati di missili, che sono costantemente in volo e Mosca li ha fatti posizionari sul mare del nord nelle vicinanze della Norvegia, sul mare di Barents, per farli entrare in azione sulla Gran Bretagna in caso di necessità, accompagnati da 4 caccia Mig-31 e da un aereo da comunicazione e appoggio che faceva da tramite.
L’informazione è confermata dal canale Telegram che segue tutti i voli che avvengono sui cieli europei e che ha fornito anche i numeri di matricola degli aerei.
In caso di attacco alla Russia, la dottrina di risposta russa prevede di colpire la Gran Bretagna e Londra in particolare come principale nemico strategico in Europa e questo spiega perchè la rappresaglia russa sarebbe diretta in questo caso contro le basi militari in Gran Bretagna.

Aerei russi TU-160 “Cigno Bianco”


E significativo che in questo periodo avvengono frequenti voli di fortezze volanti B-52 Stratofortress nei cieli dell’ Ucraina dove il Pentagono ha preso il comando delle forze presenti nel paese e utilizzano le forze speciali statunitensi e canadesi che operano nella stessa Ucraina.
Questo è inteso come una minaccia dalle autorità russe assieme al posizionamento dei missili antiaerei Patriot che il Pentagono ha installato in tutti i paesi dell’est confinanti con la Russia, dal Baltico alla Romania e alla Georgia.
Naturalmente di quanto accade nei cieli dell’Europa la cittadinanza europea non è assolutamente informata e i movimenti di queste froze aeree non sono rilevanti per i media e per le fonti di informazioni ufficali.
Si continua a ballare sul “Titanic”.

Fonti: Al Masdar NewsRusvesna.ru

Traduzioni e sintesi: Sergei Leonov/ L.Lago

18 Commenti

  • Pietro
    16 Settembre 2020

    non capisco perchè i Russi continuano a perdere tempo e carburante intercettando gli aerei che si avvicinano ai loro confini, fate come gli Iraniani, lasciateli sconfinare e poi buttateli giu, non credo che ci riproverebbero

    • Hannibal7
      16 Settembre 2020

      Io li butterei giù comunque
      Un conto è avvicinarsi con un aereo spia o da caccia
      Un’altra cosa è avvicinarsi con dei bombardieri strategici nucleari che sono in grado di trasportare missili da crociera a testata atomica
      Ma,come ho già scritto ieri,secondo me cercano l’incidente
      Si faranno abbattere un aereo per poi dire Oh my God i russi sono i cattivi del mondo
      Occhio zio Putin…

      • Monk
        16 Settembre 2020

        Diverse apparecchiature captano se il bombardiere ha armato delle armi nucleari, ergo, sanno cosa fanno come sanno che il bombardiere al massimo poteva fare al massimo paura agli abitanti di Acqui Terme

      • Antelope
        18 Settembre 2020

        Esatto

    • giovanni
      18 Settembre 2020

      bravissimo Pietro. mi hai letto nel pensiero.

  • antonio
    16 Settembre 2020

    i Zionist han comprato tutti i giornali dell’ occidente

    • Simo
      16 Settembre 2020

      Bel dilemma

    • Antelope
      18 Settembre 2020

      Non è proprio esatto dire Zionist, questi criminali millenari sono “kazari-Askenaziti”, che ora alimentano il sionismo, ma non sono veri ebrei.
      Vengono dalla Kazaria.tra il Mar Nero e il Caspio e nei millenni hanno rotto le scatole a tutti i popoli, ora sono in USA e in Cina.

      • Antelope
        18 Settembre 2020

        La loro mira è il dominio del mondo!

  • Anonimo
    16 Settembre 2020

    anche Aviano, Camp Darby, e Sigonella sono negli obiettivi degli Iskander nucleari russi, pare un 24 missili per ogni cliente

    • Hannibal7
      17 Settembre 2020

      Fantastico
      24 missili ciascuno
      Ne sei sicuro ANONIMO???

  • Nicholas
    16 Settembre 2020

    Mi chiedo, come faceva l’occidente a sapere dove erano riuniti I due leader???

    • Luben
      18 Settembre 2020

      Sono spiati via satellite h24 (e viceversa).
      Con Obanana, gli Usa hanno tentato due volte di assassinare lo Zio Vlad: una volta con un missile mentre tornava dal vertice dei Brics in Brasile e l’altra prendendo il controllo via gps della sua limousine, che si è schiantata; Autista morto all’istante, Putin, avvisato all’ultimo, aveva preso un’altra auto. Due giorni dopo l’abbronzato si vantò del fatto che la Cia può controllare qualsiasi auto con gps del pianeta. e Putin rilanciò il sistema Glonass, oggi disponibile sui cellulari di ultima generazione.

  • Monk
    16 Settembre 2020

    A due passi di qua e a tre passi di là…quante chiacchiere fanno questi potenti

  • eusebio
    16 Settembre 2020

    Ormai il gioco è scoperto, la rivale di Lukashenko ha riferito che l’opposizione bielorussa ha stilato una lista di sanzioni da imporre alla Bielorussia, i traditori venduti ai sionisti, mentre la collaboratrice di Navalny che ha denunciato il suo avvelenamento è riuscita misteriosamente a espatriare in Germania nonostante le restrizioni provocate dalla pandemia e ora ha fatto perdere le sue tracce.
    Vogliono piegare la Russia a tutti i costi, i russi cominciano e essere stufi, alle elezioni regionali di domenica il partito di Putin si è riconfermato mentre si è registrato un calo dei comunisti e un’avanzata della destra di Zirinovsky, forse i russi messi continuamente in allarme dai bombardieri americani che li molestano da tutte le parti, bombardieri che molestano pure i cinesi, vorrebbero una reazione più dura.

    • atlas
      17 Settembre 2020

      che facciano presto. Quì pensano tutti alle elezioni democratiche regionali. Ci vuole solo la guerra atomico nucleare per gente di siffatta maniera, in italia e nelle Sicilie

      • atlas
        17 Settembre 2020

        e poi mi piacerebbe sapere se c’è ancora qualcuno che ci crede più, al papa e alla chiesa

        mi pare come quando era Berlusconi presidente del consiglio, che ne sparava una al giorno…guerra, guerra, guerra, guerra e ancora guerra, apocalisse, distruzione TOTALE

        “il papa mi ha detto: dio ama i figli gay per come sono”

        Mara Grassi, la mamma che ha incontrato Francesco: “ci sentiamo dei genitori fortunati. Ma al tempo stesso ci battiamo perche la chiesa non escluda più gli omosessuali”

        https://rep.repubblica.it/pwa/intervista/2020/09/16/news/papa-267554799/?rss&ref=twhr

  • Giorgio
    17 Settembre 2020

    Macchè provocazioni USA nel mar Nero ….. i tg ci mostrano le due ragazzine che giocano a tennis sulle terrazze dei palazzi durante i mesi di chiusura causa covid, addirittura ne parla al parlamento europeo Ursula Van der Layen ….. vuoi mettere l’importanza e la serietà dell’argomento …….

Inserisci un Commento

*

code