Accuse turche contro gli Stati Uniti di aver creato uno “Stato terrorista” ai propri confini

La Turchia accusa gli Stati Uniti di lavorare per creare uno “Stato terrorista” al confine con la Siria, in riferimento al sostegno americano alle Unità di protezione del popolo curdo ed ai gruppi terroristi radicali come il PKK.
Il ministro dell’Interno turco Suleiman Soylu ha ritenuto che gli Stati Uniti stiano formando uno “stato terrorista” vicino ai confini della Turchia, riferendosi al suo sostegno alle Unità di protezione del popolo curdo, che sono i maggiori componenti delle “Forze democratiche siriane” (SDF) alleate degli Stati Uniti. , sottolineando che “questo pericolo non scomparirà”, a meno che non venga rimosso il fattore di influenza americana nella regione.

Soylu ha sottolineato, in un’intervista televisiva, che dopo gli eventi di ” Gezi Park “, che sono stati scontri tra la polizia turca e manifestanti, per lo più sostenitori del Partito popolare repubblicano, avvenuti nel 2013, la Turchia si è scontrata con una serie di eventi ed ha ha sostenuto una serie di costi e ha affrontato la più grande ondata migratoria del mondo, sottolineando che questo comporta una serie di costi.

Il ministro dell’Interno ha aggiunto: “L’America vuole stabilire uno stato terrorista vicino a noi. Stiamo prendendo precauzioni e contro questo abbiamo condotto 4 importanti operazioni militari in Siria”.

Sabato scorso, il ministro della Difesa turco, Hulusi Akar, ha confermato che le forze dell’esercito turco “continuano con determinazione a combattere il terrorismo nel nord della Siria e in Iraq, e sono riuscite a eliminare 21 terroristi nella regione negli ultimi quattro giorni”, sottolineando che l’esercito turco continuerà a “proteggere i confini del Paese e combattere senza sosta il terrorismo.

Ministro turco

Ieri, domenica, si sono intensificate le proteste tra la popolazione dei villaggi di Rawia e Al-Aziza, situati nelle campagne della città siriana di Ras Al-Ain, che si trova all’interno dell’area “Peace Spring”, a nord-ovest del Governatorato di Al-Hasakah , in segno di protesta contro le forze turche che scavano trincee nei terreni agricoli, a 300 metri dal confine turco, dove ci sono le proprietà degli abitanti dei due villaggi, che sono sotto l’influenza delle forze turche e delle fazioni a loro fedeli.

I manifestanti arrabbiati hanno attaccato i veicoli dell’esercito turco e hanno lanciato pietre contro di loro, per impedire il completamento del processo di scavo, e le forze turche avevano stabilito una base militare nell’area durante l’operazione militare “Peace Spring” nel 2019, sul sito di una ex base delle forze americane, e stanno attualmente lavorando per istituire una zona militare in cui è “proibito l’ingresso a civili e proprietari di immobili senza permesso”, a una profondità di 300 metri, con il pretesto di “preservare la sicurezza di l’area”.

Le relazioni USA-Turchia sono ancora in uno stato di tensione, come ha affermato mercoledì scorso il ministro dell’Interno turco, secondo cui Washington “sta ancora perdendo la sua reputazione e il mondo intero la odia” e che l’Europa è solo una pedina per gli Stati Uniti .

Oggi, lunedì, il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha rivelato che domani, martedì, nella capitale russa, Mosca, si terrà un incontro dei ministri della difesa e dei capi dell’intelligence di Turchia, Russia, Siria e Iran , nell’ambito della normalizzazione delle relazioni tra Damasco e Ankara.
Fonte: Al-Mayadeen Net + agenzie
Traduzione: Fadi Haddad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM