APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Accordo segreto di Helsinki: referendum sul Donbass, la mossa brillante di Putin per costringere l’Ucraina a obbedire

by  Gordopn Duff

Durante il recente summit di Helsinki , il presidente russo Vladimir Putin si è offerto di far tenere un referendum nel Donbass. Trump ha chiesto di non dare voce a questa idea durante la conferenza stampa dopo il summit, in modo da avere un po ‘di tempo per pensarci.

Tuttavia, è stato riferito che Putin ha suggerito di tenere un referendum sullo status del Donbass. Il portavoce ufficiale di Putin, Dmitry Peskov, ha rifiutato di commentare le informazioni. Ha solo detto che Putin e Trump hanno discusso alcune “nuove idee” durante il loro incontro che le parti avrebbero dovuto “elaborare”.
“Hanno discusso questa domanda. Ci sono stati alcuni suggerimenti su come gestire questo problema “, ha detto l’ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov.

Putin ha offerto a Trump di pensare a tale possibilità prima di annunciarlo pubblicamente, riferisce Bloomberg.

Il suggerimento di Putin sul referendum riguarda lo status delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e di Luhansk . Secondo il presidente russo, i residenti delle due repubbliche potrebbero esprimere il loro punto di vista su questo tema, mentre il voto dovrebbe essere organizzato sotto l’egida della comunità internazionale, ha detto l’agenzia.

“Abbiamo parlato dell’Ucraina, ci sono alcune nuove idee su come risolvere la crisi nel sud-est del paese, e abbiamo deciso di elaborarlo a livello di esperti prima”, ha detto Vladimir Putin.

Durante la conferenza stampa congiunta con Donald Trump dopo il summit, Putin ha menzionato il referendum, quello svoltosi in Crimea nel 2014. Putin ha detto che il referendum in Crimea è stato condotto nel pieno rispetto della Carta delle Nazioni Unite e della legge internazionale.

“Devo dire che sono rimasto sorpreso dal modo in cui Putin ha formulato il suggerimento a Donald Trump. Prima di tutto, il referendum era già stato condotto. L’11 maggio 2014, i residenti delle regioni di Donetsk e Luhansk hanno votato “sì” alla creazione di repubbliche popolari. In secondo luogo, non è chiaro di quale stato stia parlando esattamente per quei territori e quale domanda le persone dovrebbero rispondere al referendum, se si verifica, naturalmente “Konstantin Dolgov, direttore del Centro per l’integrazione eurasiatica, ha detto alla Pravda.Ru .

Patrioti del Donbass

“Apparentemente, l’adesione della regione alla Russia è fuori questione, almeno per ora. Pertanto, si deve presumere che si vuole che le persone decidano di nuovo se vogliono tornare in Ucraina o rimanere indipendenti. Se vogliono tenere il referendum sotto gli auspici della comunità internazionale, significa che i “pacificatori” (contingente di interposizione) dovranno essere schierati. Kiev dirà di no a questo se la Russia manda i suoi pacificatori. Se non sono costruttori di pace russi, allora Mosca e le due repubbliche diranno di no “, ha detto l’esperto alla Pravda.Ru.

“In poche parole, Putin ha offerto a Donald Trump la prospettiva di costringere l’Ucraina a mettere in atto gli accordi di Minsk, ma il suggerimento in sé è stato confezionato come referendum. “L’Occidente attribuisce tradizionalmente una grande importanza teorica ai diritti umani, quindi si può capire Putin qui”, ha detto Konstantin Dolgov.

“Per quanto riguarda i residenti di Donbass, saranno contenti di ogni tipo di certezza visto che non ne hanno mai visto per cinque anni. Tuttavia, credo che il ritorno in Ucraina alle condizioni precedenti non sia realistico “, ha aggiunto.

In effetti, le repubbliche separatiste del Donbass hanno tenuto il loro referendum nel 2014, subito dopo quello della Crimea . Tuttavia, Mosca ha chiuso un occhio su di esso per ragioni che ancora prevalgono anche oggi. Cos’è il Donbass? Chi terrà il referendum? Le autorità delle repubbliche di Donetsk e di Luhansk parteciperanno al voto anche se non vengono riconosciute? Chi prenderà parte al voto? Sarà organizzato solo per i residenti del Donbass che detengono i loro passaporti esclusivi? Che dire dei residenti ucraini registrati nelle due regioni?

In generale, se un tale referendum ha luogo, ciò significherebbe che Kiev ammette l’esistenza di un problema interno molto serio. Anche se sono d’accordo, c’è un’altra domanda sul numero di elettori, cioè gli sfollati interni. La Russia dice che ci sono circa 300.000 di queste persone, mentre l’Ucraina dice che ce ne sono due milioni. Questa è una domanda decisiva per l’esito del voto.

Per coronare il tutto, tenere un referendum riconosciuto a livello internazionale nel Donbass solleverà molte domande sul referendum in Crimea 2014, perché le procedure del voto di Crimea sarebbero in contraddizione con quelle del voto Donbass. La pressione sulla Russia crescerà così notevolmente. Tutto sommato, il referendum sul Donbass è altamente improbabile.

Putin non esclude la guerra con l’Ucraina nel Donbass

Il presidente russo Putin ha detto che il problema del conflitto militare nell’est dell’Ucraina esiste ancora. La crisi nel Donbass potrebbe aggravarsi ulteriormente, ha detto Pain all’incontro con ambasciatori russi e rappresentanti permanenti in paesi stranieri.

Il conflitto nel sudest dell’Ucraina continua ancora perché il governo ucraino rifiuta di rispettare i suoi obblighi, respinge una risoluzione pacifica del conflitto e ignora il suo stesso popolo, ha detto il presidente. Secondo Putin, Kiev trascura tutti gli accordi, dimostra assoluta riluttanza a negoziare e pianifica di risolvere tutti i problemi con la forza.

Mosca continua ad attenersi alla sua posizione per quanto riguarda la crisi del Donbass: le basi per la soluzione del conflitto nell’est dell’Ucraina sono gli accordi di Minsk che devono essere attuati.

Il conflitto armato in Ucraina è iniziato nell’aprile 2014 nel territorio delle autoproclamate Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk. Il conflitto continua fino ad oggi.

Tratto da : Veterans Today

Traduzione Sergei Leonov

*

code