Accelera la guerra americana contro la Cina

Di Peter Symonds

08 luglio 2020 ” Information Clearing House ” – La presenza di due gruppi di attacco delle portaerei statunitensi nel Mar Cinese Meridionale che conducono giochi di guerra “di fascia alta” a partire da sabato, che prevedono lanci di aerei 24 ore su 24, è solo la dimostrazione più grafica per la data dei preparativi accelerati dell’amministrazione Trump per la guerra contro la Cina. Il fatto che le operazioni di due vettori siano state programmate per coincidere con le esercitazioni navali cinesi nelle stesse acque strategiche le rende ancora più provocatorie e pericolose.

La pandemia globale COVID-19 ha drammaticamente esacerbato la crisi del capitalismo globale, centrata negli Stati Uniti, e tutte le sue contraddizioni fondamentali, portando a un ulteriore rapido aumento delle tensioni geopolitiche. Affrontando una profonda crisi sociale ed economica in patria, con una crescente opposizione della classe lavoratrice alla sconsiderata spinta alla perdita di posti di lavoro, l’amministrazione Trump sta cercando di deviare le tensioni sociali verso un nemico esterno.

Trump, sostenuto dai democratici e dall’establishment dei media, sta cercando di scatenare un clima di febbre di guerra attraverso una campagna implacabile di propaganda anti-cinese basata su menzogne ​​e disinformazione. Senza un briciolo di prove, i massimi funzionari incolpano di routine la Cina per la pandemia di coronavirus e l’enorme tributo di morte americano, di cui la Casa Bianca è direttamente responsabile per negligenza criminale e indifferenza.

La campagna anti-cina si estende su tutta la linea. Gli Stati Uniti hanno intensificato le denunce di Pechino per violazioni dei “diritti umani” a Hong Kong e contro la minoranza musulmana uigura nella provincia cinese dello Xinjiang.

Sanzioni punitive statunitensi sono già state imposte su questi temi. L’ipocrisia dell’amministrazione Trump è sottolineata dalla sua spinta affinché le forze armate e la Guardia Nazionale vengano schierate, in violazione della Costituzione americana, per reprimere violentemente le proteste contro le uccisioni della polizia negli Stati Uniti. Ancora una volta, come per le sue guerre criminali in Medio Oriente, Washington sta cercando di sfruttare i “diritti umani” per perseguire la guerra economica e un massiccio accumulo militare contro la Cina.

La pandemia COVID-19 non è la causa principale della guerra americana. È piuttosto l’acceleratore di processi di lunga data. L’amministrazione Obama ha annunciato il suo “perno in Asia” nel 2011 diretto contro la Cina, coinvolgendo un’offensiva diplomatica aggressiva per minare l’influenza cinese in tutto l’Indo-Pacifico e nel mondo, per isolare la Cina attraverso il Trans Pacific Partnership (TPP) e per costruire e ristrutturare la presenza militare americana in tutta la regione. Obama ha infiammato incautamente pericolosi punti di infiammabilità regionali, tra cui il Mar Cinese Meridionale e la penisola coreana.

L’amministrazione Trump ha intensificato la spinta alla guerra contro la Cina. Mentre ha abbandonato il TPP, Trump ha lanciato una guerra economica su vasta scala contro la Cina, imponendo una serie di dazi punitivi praticamente su tutti i beni cinesi, la maggior parte dei quali rimane in vigore. Ha richiesto non solo maggiori esportazioni e investimenti statunitensi in Cina, ma la subordinazione del paese agli Stati Uniti nelle industrie ad alta tecnologia. Il nazionalismo economico di Trump e l’insistenza sul fatto che le catene di approvvigionamento, in particolare quelle cruciali per i militari, debbano essere di base americana non sono altro che la preparazione economica alla guerra.

Forze di marina cinesi

Con il pretesto di proteggere la proprietà intellettuale americana e prevenire lo spionaggio cinese, Washington ha preso di mira il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei. Ha fatto pressioni su alleati come la Gran Bretagna affinché non usassero apparecchiature Huawei e ha minacciato sanzioni contro le aziende che forniscono componenti chiave a Huawei. Mentre gli Stati Uniti fanno accuse infondate di spionaggio e hacking cinesi, le sue agenzie di intelligence come l’NSA, come rivelato dall’informatore Edward Snowden, spiano la popolazione mondiale, compresi i suoi stessi cittadini, su scala industriale.

L’amministrazione Trump ha anche preso di mira studenti e ricercatori cinesi negli Stati Uniti, imponendo forti restrizioni all’ingresso. Ora sta minacciando di espellere migliaia di studenti se sono iscritti solo a corsi universitari online a causa delle misure COVID-19. La Casa Bianca sta allargando le sue restrizioni ai media cinesi che operano negli Stati Uniti, con altre quattro organizzazioni il mese scorso designate come “missioni straniere”.

Anche i preparativi militari per la guerra procedono rapidamente. Obama ha fissato l’obiettivo del 2020 per la ridistribuzione del 60% delle navi da guerra e degli aerei da guerra statunitensi nell’Indo-Pacifico. Sotto Trump, il Pentagono ha annunciato nel 2018 che la grande competizione di potere, non la “guerra al terrore”, era la sua priorità assoluta, con Russia e Cina identificate come i suoi principali rivali. L’attenzione rivolta alla Cina riflette l’opinione nei circoli strategici americani secondo cui la straordinaria espansione economica della Cina rappresenta la principale minaccia al continuo dominio globale dell’imperialismo americano.

In preparazione al conflitto militare, gli Stati Uniti hanno rafforzato alleanze militari e partenariati strategici nell’Indo-Pacifico, in particolare il cosiddetto “Quad”, che ha coinvolto Giappone, Australia e India.

Il carattere sconsiderato della campagna anti-cinese degli Stati Uniti non è in alcun modo più chiaro che nel suo incoraggiamento dell’India nei recenti scontri militari con la Cina oltre i confini controversi. In questo pericoloso scontro tra potenze armate nucleari, il capo dello staff di Trump, Mark Meadows, si è schierato inequivocabilmente con l’India nei commenti di lunedì, dichiarando: “Non staremo in piedi e lasceremo che la Cina o chiunque altro prendano le redini termini di essere la forza più potente e dominante, sia in quella regione che qui “.

Esercitazioni cinesi

Tutti i preparativi per una guerra degli Stati Uniti contro la Cina, che si trasformerebbe rapidamente in un conflitto catastrofico che coinvolge il mondo intero, sono molto avanzati. Qualsiasi numero di punti di infiammabilità, nel Mar Cinese Meridionale o ai confini indiani con la Cina, potrebbe portare a un incidente, accidentale o intenzionale, che fornirebbe un casus belli a un presidente degli Stati Uniti sotto assedio in patria.

L’unica forza sociale in grado di fermare il precipizio di scivolamento verso la guerra mondiale è la resistenza dei popoli e della comunità internazionale. (………)
Occorre un grande patto si solidarietà e di cooperazione fra tutte le associazioni che si oppongono ala guerra per fermare la macchina militare USA prima che sia troppo tardi.
Questo è il compito a cui oggi i lavoratori e i giovani dovrebbero rivolgersi per garantire il futuro dell’umanità.

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti

  • Mardunolbo
    10 Luglio 2020

    Mah, un articolo pieno di considerazioni errate ed analisi appena appena decenti. Un articolo per spaventare ?

  • Monk
    10 Luglio 2020

    Invece io concordo con l’autore dell’articolo, non ci dobbiamo spaventare, bensì dobbiamo prepararci a morire dignitosamente nel momento in cui la fine è vicina, vuoi per la crisi economica che è ormai a livelli irrecuperabili in tutto il mondo e per le varie dittature sanitarie sparse ovunque nel globo; tutto questo dovrebbe fare riflettere e la storia non si smentisce mai: subito dopo grandi eventi che hanno destabilizzato certi poteri forti, puntualmente è arrivata l’apocalisse con bombe e milioni di vittime.

    Iran, esplode un deposito missilistico a Teheran…poche ore fa e non è stato un incidente anche se i media fanno finta di nulla

    • atlas
      10 Luglio 2020

      andarsene in Thailandia a botta di starci un mese per volta e godersi questi ultimi scampoli con i massaggi di belle ragazze, mangiando aragoste e facendo Ramadhan e l’Orazione prevista 5 volte al giorno dando il suo diritto al Creatore

      e vaffanculo a tutti. Tanto quello che vogliono lo faranno lo stesso. La soddisfazione, se ci sarà, è di veder colpita l’america e Tel Aviv mentre mi ascolto buona musica

  • Teoclimeno
    10 Luglio 2020

    I margini di manovra per la Cina si stanno assottigliando sempre di più, o resistono ed allora è guerra aperta, o scelgono di soccombere riportando indietro l’orologio della storia al periodo umiliante della Rivolta dei Boxer del 1900.

  • Hannibal7
    10 Luglio 2020

    Sono anni ormai che deve scoppiare un conflitto nucleare e fin’ora non è successo nulla
    Ricordo,quando facevo le elementari negli anni 80,la maestra ci triturava i genitali paventando lo scoppio di una guerra nucleare tra USA e URSS….e non successe niente….e per gli anni a venire è stato lo stesso
    Ogni stramaledetto anno deve scoppiare la terza guerra mondiale
    Ma magari…così la facciamo finita una volta…
    Personalmente io mangio,bevo,fotto e me ne fotto…lunedì ritiro l’auto nuova e fra 2 settimane se Dio vuole me ne torno in Salento
    Per il resto Dio vede e provvede
    Atlas…ci vediamo a Melissano per una birra 😉

    • atlas
      11 Luglio 2020

      a Melissano un gelato da Quintino in piazza, OTTIMO. A Gallipoli per la birra, ce n’è una fornita alla spina di qualità, ma come facciamo ? Fatti dare il mio numero di tel. via mail da Luciano. Poi vieni a casa mia in giardino, io mi fumo il ‘narghilè’ e sentiamo musica guardando le ragazze turiste della residenza di fronte. E chi ci vuole male crepi prima di domattina

  • eusebio
    10 Luglio 2020

    La Cina negli ultimi due anni e mezzo ha venduto almeno 250 miliardi di dollari di titoli di debito USA e sta incrementando, ormai ne detiene un trilione di dollari scarso, i trattati commerciali bilaterali che sta stringendo con mezzo mondo non prevedono l’uso del dollaro, il quale si tiene in piedi per la massiccia stampa di moneta che prevede la stampa di 5 trilioni di dollari nel solo 2020 i quali vengono richiesti solo da UE e Giappone per ragioni militari, mentre il resto del mondo li usa come carta igienica.
    Se il confronto militare tra una potenza industriale in espansione come la Cina e una ex potenza come gli USA dove ormai le multinazionali sono delle scatole vuote che succhiano liquidità dai loro clienti per remunerare azionisti e managers ma non hanno più valore industriale reale, causa delocalizzazione e cessione di brevetti, e oggi la Cina registra infiniti brevetti in più rispetto agli USA deve esplodere può esplodere solo adesso, dopo la macchina militare USA sarà troppo antiquata ed usurata per minacciare, altrimenti dovrà comprare le armi da Cina e Russia per poterle attaccare.
    Ormai l’aquila americana porta le lenti a contatto, come il leone britannico porta la dentiera, mentre l’orso russo e il drago hanno artigli e denti d’acciaio.

Inserisci un Commento

*

code