"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Abbattuti in Russia almeno sei terroristi islamici infiltrati in Cecenia (chi li ha inviati?)

Gli effettivi della Guardia Nazionale russa hanno abbattuto sei terroristi che hanno attaccato una istallazione della Rosguardia (Guardia Nazionale) ubicata nella zona di Nauruskaya in Cecenia, secondo le informazioni ufficiali trasmesse dal Comitato antiterrorismo russo.

Tutti i componenti del gruppo terrorista sono stati abbattuti, come dichiarato nel comunicato.

L’attacco era avvenuto alle 2,30, ora locale, da parte di questo commando terrorista che era dotato di armi da fuoco, munizioni e cinturoni esplosivi. Le autorità informano che ci sono state sei vittime fra i militari russi impegnati nel respingere l’attacco ed alcuni feriti subiti ricoverati nell’ospedale della zona.

Gli specialisti della Guardia Nazionale sono al lavoro per identificare il tipo di armi e di esplosivi utilizzati e la provenienza di questi soggetti.

La Guardia anzionale è un corpo specializzato creato in Russia nel 2016 per combattere il terrorismo e proteggere le istallazioni di rilievo militare e civile da possibili attacchi e da sabotaggi.

Nota: Risulta sintomatico che la Russia venga colpita da attacchi terroristici al suo interno in questo periodo, quando le forze militari russe stanno svolgendo una importante e decisiva missione di lotta al terrorismo islamista in paesi come la Siria e la Libia. In particolare in Siria le forze russe stanno sostenendo il Governo di Bashar al-Assad (su richiesta di Damasco) per fronteggiare l’armata di mercenari jihadisti infiltrata nel paese arabo e sostenuta, armata e finanziata da Stati Uniti ed Arabia Saudita (e loro alleati).

Non si può non pensare ad un collegamento fra questi attacchi terroristici avvenuti in Russia (l’ultimo in Cecenia ed i precedenti nel Caucaso), con le minacce proferite dal potente capo dei servizi di Intelligence sauditi, Bandar bin Sultan, contro la Russia quando, in un ncontro avvenuto con Putin, cercò inutilmente di convincere quest’ultimo ad abbandonare il sostegno al governo di Al-Assad. Allora ci fu una quasi esplicita minaccia da parte saudita di mobilitare gli jihadisti salafiti contro la Russia a cui Putin rispose duramente. Vedi: I sauditi a Putin: terrorismo sui giochi se difendi Assad

Tutti gli analisti indipendenti sanno che l’Arabia Saudita, grande alleata di Stati Uniti e Gran Bretagna,  sponsorizza e finanzia i gruppi jihadisti salafiti che vengono infiltrati in vari paesi per realizzare la “Jihad “(guerra santa) colpendo obiettivi militari e civili e seminare il caos.

Questo avviene in tutto il Medio Oriente, come anche in Asia Centrale ed è probabile che Rijad abbia messo in atto una strategia per colpire all’interno il piu’ acerrimo nemico del terrorismo di matrice islamica: la Russia di Vlady Putin.

La domanda da porsi in questo caso è la seguente: per conto di chi agisce la Monarchia Saudita?

Fonti: Sputnik Mundo

Traduzione e nota: L.Lago

*

code

  1. TaipanX 9 mesi fa

    Tra poco i musulmani saranno solo cenere di merda. Avanti Cristiani

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. nessuno 9 mesi fa

    Salve, un domanda a cui abbiamo tutti una risposta….
    Comunque il tira e molla in Siria è passato in secondo piano dato il tentativo
    usa-nato di controllare il confine dell’Iraq con la Siria, non è ben chiaro se hanno
    intenzione di amministrare direttamente quella zona o se vogliono farlo tramite
    i Curdi dandogli in contempo una specie di Stato tutto loro, con protezione usa
    nato, in definitiva gli usa anche cambiando Presidente non cambiano di una
    virgola i loro obiettivi, girano attorno alla preda cercando uno spiraglio in cui
    incunearsi, almeno per il momento Trump è una delusione totale e dolorosa,
    E Putin stà a guardare quello che succede in Iraq con una certa ingannevole
    calma, ma penso che la situazione sia calda e non certo sul punto di raffreddarsi,
    prima o poi ci sarà una scintilla un pretesto una incomprensione e allora: BOOUMM!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 9 mesi fa

    Ucci, ucci, sento odor…

    Rispondi Mi piace Non mi piace