A Washington si preoccupano per la corsa della Cina a conquistare la Luna


La corsa alla luna tra Stati Uniti e Cina si fa sempre più serrata e i prossimi due anni potrebbero determinare chi avrà la meglio.

Così dice l’amministratore della NASA Bill Nelson, che avverte che Pechino potrebbe stabilire un punto d’appoggio e cercare di dominare i luoghi più ricchi di risorse sulla superficie lunare, o addirittura tenere fuori gli Stati Uniti.
“È un dato di fatto: siamo in una corsa allo spazio”, ha detto in un’intervista l’ex senatore e astronauta della Florida. “Ed è vero che faremo meglio a stare attenti che non arrivino ad installarsi in un posto sulla luna con il pretesto della ricerca scientifica. E non è oltre il regno delle possibilità che dicano: ‘State fuori, siamo qui, questo è il nostro territorio.’”
Ha citato un esempio terrestre nel Mar Cinese Meridionale, dove l’esercito cinese ha stabilito basi su isole contese. “Se ne dubiti, guarda cosa hanno fatto con le Isole Spratly.”

I commenti da falco di Nelson seguono la missione Artemis I di 26 giorni della NASA , in cui una capsula spaziale Orion senza equipaggio ha volato intorno alla luna. Quella missione, ampiamente considerata un successo, è stato il primo grande passo verso il piano della NASA di far atterrare gli astronauti sulla superficie lunare per iniziare a costruire una presenza umana più permanente, che potrebbe arrivare già nel 2025.
Arriva anche sulla scia dell’approvazione da parte del Congresso di un budget per l’intero anno per la NASA . L’agenzia non ha ottenuto tutti i finanziamenti richiesti, ma Nelson ha insistito sul fatto che i “bisogni” non sono stati imbrogliati. Ciò include i componenti chiave per le prossime due missioni lunari, Artemis II e Artemis III.

Cinesi sulla Luna

Ma sempre più incombente il programma spaziale cinese, giudicato aggressivo dagli USA; inclusa la recente apertura di una nuova stazione spaziale. Pechino ha annunciato l’obiettivo di sbarcare i taikonauti sulla luna entro la fine di questo decennio. A dicembre, il governo cinese ha presentato la sua visione per sforzi più ambiziosi come la costruzione di infrastrutture nello spazio e la creazione di un sistema di governance spaziale.
Eventuali ritardi o contrattempi significativi nel programma statunitense, che conta su una serie di nuovi sistemi e attrezzature ancora in fase di sviluppo, potrebbero rischiare di rimanere indietro rispetto ai cinesi. E la cronologia degli sbarchi sulla luna della NASA è già scivolata di un anno dall’amministrazione Trump.
Negli ultimi anni, Pechino ha lanciato una serie di lander e rover robotici per raccogliere campioni lunari, inclusi per la prima volta in assoluto sul lato più lontano della luna, nonché un orbiter, un lander e un rover che hanno raggiunto Marte.

L’esercito americano, che ha anche espresso crescenti preoccupazioni per lo sviluppo di sistemi spaziali da parte di Pechino che potrebbero minacciare i satelliti statunitensi, ha lanciato l’allarme sulle implicazioni per la sicurezza delle incursioni di Pechino nello spazio profondo.

“È del tutto possibile che possano raggiungerci e superarci, assolutamente”, ha detto il mese scorso il tenente generale della Space Force Nina Armagno durante una visita in Australia mentre la Cina stava lanciando il suo decimo equipaggio alla sua stazione spaziale di Shenzhou. “I progressi che hanno fatto sono stati sbalorditivi, incredibilmente veloci.”

Un recente rapporto del Pentagono al Congresso ha evidenziato una serie di recenti passi avanti per il programma spaziale cinese.

Ha citato la capacità pionieristica della Cina non solo di atterrare sul lato più lontano della luna, ma di creare un relè di comunicazione utilizzando un satellite che è stato lanciato l’anno prima tra la Terra e la luna.

Il rapporto ha anche rilevato che la Cina sta migliorando la sua capacità di produrre sistemi di lancio spaziale per l’esplorazione umana più lontano nello spazio.

Anche alcuni veterani della NASA stanno osservando con crescente preoccupazione.

Terry Virts, ex comandante della Stazione spaziale internazionale e dello Space Shuttle e colonnello dell’aeronautica in pensione, ha affermato che la competizione ha componenti politiche e di sicurezza.
“Da un lato, è una competizione politica per mostrare quale sistema funziona meglio”, ha detto in un’intervista. “Quello che vogliono veramente è il rispetto come miglior paese del mondo. Vogliono essere il potere dominante sulla Terra, quindi andare sulla luna è un modo per dimostrare che il loro sistema funziona. Se ci riportano sulla luna, dimostra che sono migliori di noi”.

Ma ci sono minacce pratiche che potrebbe presentare un punto d’appoggio cinese sulla luna, ha aggiunto. I cinesi potrebbero fare danni sulla luna e compromettere le comuncazioni degli USA con i loro satelliti. A Washington vedono lo sbarco sulla luna dei cinesi come una minaccia.

Fonte: Politico

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM