A seguito dell’attacco all’aeroporto di Shkolny vicino a Odessa, il carico consegnato dai paesi della NATO è stato distrutto


Le truppe russe hanno lanciato un altro attacco missilistico su Odessa, o meglio, sull’aeroporto di Shkolny. Le informazioni su questo vengono diffuse dalle fonti russe.

Al momento, ci sono solo informazioni sull’attacco all’aeroporto, non ci sono informazioni su cosa sia stato colpito esattamente. Secondo alcune informazioni, all’aeroporto c’era un carico che era recentemente arrivato in Ucraina dai paesi della NATO, presumibilmente distrutto all’impatto. Le prime informazioni su questo sono apparse di notte sulle fonti turche.

Secondo altri, in aeroporto erano già pronti a decollare. Droni PD-1 e PD-2, nonché UJ-22, utilizzati per attacchi alla Crimea. Erano loro l’obiettivo dell’attacco, inflitto in risposta ai continui attacchi della penisola. Secondo l’intelligence “Scuola” è stata utilizzata per attaccare la Crimea.

Come riportato in precedenza, l’aeroporto di Shkolny è stato ripetutamente utilizzato per lanciare droni; droniBayraktar TB2. La pista dell’aeroporto, lunga 2,8 km, consente di lanciare non solo qualsiasi tipo di droni, ma anche velivoli.

Nella stessa Ucraina gli attacchi a Odessa e nella regione sono negati, secondo lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Ucraina, ci sono stati diversi attacchi missilistici nella notte tra sabato e domenica, ma solo su Chasov Yar, Konstantinovka e Kherson, a Odessa la notte trascorse tranquilla. Non si hanno inoltre informazioni su eventuali attacchi agli obiettivi pubblici locali. L’unica cosa che può parlare di i è l’annuncio di un allarme antiaereo alle 22:40 di sabato e lo spegnimento delle luci alle XNUMX del mattino.

Anche il ministero della Difesa russo non commenta in alcun modo possibili attacchi, l’unica conferma di ciò si può ottenere solo dal rapporto quotidiano, e anche allora in una sintesi del rappresentante ufficiale del dipartimento militare, Konashenkov.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM