A proprosito di Santa Sofia e dell’espansione ottomana

di Etienne Copeaux

È un po ‘fastidioso vedere i media scoprire improvvisamente determinati argomenti, di cui fanno una “novità” semplicemente perché sono nuovi per loro. Questa è la restituzione di Hagia Sophia al culto musulmano, in questo 11 luglio 2020. Erdogan farebbe un passo importante per l’occasione nella distruzione del secolarismo istituito da Atatürk, suggerendo, come sempre, che prima di Erdogan tutto è stato per il meglio, la Turchia deve essere intesa, come è qualche leggenda del XX ° secolo, “l’unico paese musulmano laico”, e Atatürk è visto più e più volte, come il rinnovatore, che estrae la Turchia oscurantismo (secondo i media occidentali).
Non possiamo mai dirlo abbastanza: Atatürk è stato colui che ha ratificato il genocidio degli armeni (1915) e le prime espulsioni di cristiani ortodossi (1914, poi 1923), è lui che ha fondato una presunta repubblica secolare ma solo mentre era stato ” liberato dei suoi elementi estranei ” (l’espressione è dell’amico antropologo svizzero Eugène Pittard). ” Allogenico “, cioè non musulmano.


Va anche ricordato che tutti gli “scambi di popolazione” e altre espulsioni di massa dell’epoca, prima o dopo l’istituzione della repubblica, erano basati su criteri religiosie non linguistico o “etnico”. Così, durante il “Grande Scambio” del 1923 furono espulsi dall’Anatolia i “Greci” che in realtà erano ortodossi di lingua turca e espulsi dai Balcani i “Turchi”, in realtà bosniaci ed epiroti musulmani che non parlavano la lingua Turca.

In breve, la repubblica del 1923 fu creata come la casa comune dei musulmani della regione. Il processo fu completato, come tutti sanno, da pogrom antiebraici nel 1934, l’espulsione di massa degli ortodossi da Istanbul (era ancora una città “greca”) tra il 1955 e il 1964, e infine l’espulsione nel nord di Cipro della popolazione ortodossa con la forza militare nel 1974. Nel 25 ° anniversario di Srebrenica, è bene ricordare che i “nostri amici” turchi, i nostri alleati della NATO, hanno perpetrato una perfetta pulizia etnica per tutto il XX secolo secolo, anche per genocidio.


La loro indole non è cambiata è lo hanno dimostrato partecipando prima all’aggressione della Siria, con il supporto turco ai peggiori gruppi terroristi jihadisti, così come attualmente con l’intervnto turco in Libia dove Ankara utilizza massicciamente gli stessi gruppi terroristi che hanno insanguinato la Siria.

Fonte:cserjoonn.com

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

2 Commenti

  • Teoclimeno
    13 Luglio 2020

    Panta rei, tutto scorre: la politica ama il movimento. Ieri eravamo la quinta potenza industriale del Mondo, e oggi siamo un Paese che arranca. Ieri eravamo una Democrazia e oggi siamo una Dittatura. Oggi l’Italia è il tuo Paese, e domani sarà quello dei negri maleolenti. Nel 1861 il più influente Rabbino degli Stati Uniti, Morris Jacob Raphall, davanti alla congregazione ebraica pronunciò un sermone nel quale affermava che, il commercio degli schiavi era perfettamente morale, e addirittura ordinato da Dio. Il Rabbino, sosteneva che il “negro” aveva capacità intellettuali inferiori: “nessun uomo della sua razza ha mai iscritto il suo nome sul Partenone dell’eccellenza umana, né mentale né morale”. I confederati del Sud esultavano per la divina sentenza, che li legittimava e li invitava a proseguire nello schiavismo. Oggi le cose sono molto cambiate. Se qualcuno insinua che i negri sono meno intelligenti degli altri scatta il disprezzo di tutti i media globalisti controllati dagli ebrei, e soprattutto se qualcuno osa porre dei dubbi sull’invasione delle orde barbariche negroidi, viene coperto di guano e poi messo alla gogna dai media. Gli interessi delle oligarchie cambiano, e la politica si adegua.

  • eusebio
    14 Luglio 2020

    Non bisogna pensare che sia un’iniziativa personale di Erdogan, il tacchino turco agisce su input della NATO satanista-sionista che sta cercando di distruggere la chiesa ortodossa, in Ucraina, Grecia, Serbia e Montenegro, e spera di farlo pure in Bielorussia dove alle prossime elezioni presidenziali Soros per conto del mossad spera di piazzare un’altro Zelensky.
    Ormai Putin lo ha capito, come Xi Jin Ping ha capito che dietro il terrorismo uiguro e i riots di Hong Kong ci sono i sionisti, e stanno quindi mettendo molto impegno per armare l’asse sciita per l’eradicazione della criminale entità sionista.

Inserisci un Commento

*

code