A proposito del presidente dell’Afghanistan e tutti i burattini che stanno scappando. Trova le differenze:

placeholder


《Mojtaba Amani, ex-ambasciatore iraniano in Egitto, narra che quando ormai sembrava mancassero “alcune ore, o forse non sarebbero nemmeno passate alcune ore, e la città sarebbe passata in mano ai takfiri. Damasco era circondata e stava per cadere. In qualsiasi momento avrebbero potuto conquistare la città e arrivare al centro della capitale. […]

In quella confusione, tra paura, terrore e ansia che avevano sopraffatto tutto e lasciato senza speranze, atterrò l’aereo Teheran-Damasco. Era un volo che avrebbe portato via gli iraniani da Damasco. Tutti tornavano in Iran, ma uno era appena arrivato. […] Haj Qassam Soleimani; era venuto per incontrare Bashar al-Assad. […] Prima di tutto chiese della situazione a Damasco e delle ultime novità dalla città. Poi disse: ‘Lei vuole rimanere oppure no? Se rimane, anche noi saremo con lei e resisteremo, altrimenti lasciamo Damasco’.

Il generali Soleimani Assassinato dagli americani

Bashar era lui stesso uomo della Resistenza. ‘Voglio rimanere’,Allora lascia che la tua famiglia vada’, ‘Anche la mia famiglia rimane con me’. I media continuavano a dichiarare che Damasco stava per cadere completamente, tuttavia rimasero sia Assad sia Haj Qassam Soleimani”.》


ONORE AL GENERALE SOLEIMANI CHE ARRIVO’ A DAMASCO QUANDO TUTTO SEMBRAVA PERDUTO. LUI RIMASE IN SIRIA PER COMBATTERE I TERRORISTI ARMATI DA USA ED ISRAELE


Hanieh Tarkian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM