A Monaco: L’Occidente è allarmato dalle posizioni del Sud del mondo

di Mohamad Hassan Sweidan

La recente conferenza sulla politica di sicurezza internazionale ha discusso a lungo dell’importanza del Sud del mondo per la sicurezza dell’Occidente. Con l’intensificarsi della concorrenza con Cina e Russia, l’Occidente è costretto a rivalutare il proprio approccio alle relazioni con questi paesi.

“ Sono colpito da quanto stiamo perdendo la fiducia del Sud del mondo. (Il presidente francese Emmanuel Macron alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2023)

La 59a Conferenza sulla sicurezza di Monaco (MSC), che si è svolta dal 17 al 19 febbraio, ha riunito più di 150 alti funzionari, tra cui più di 40 capi di stato e organizzazioni internazionali. La conferenza si è concentrata su tre temi principali: la guerra in Ucraina, la necessità di confrontarsi con Cina e Russia e l’importanza del Sud del mondo nella lotta tra le grandi potenze.

Come l’anno precedente, la Russia non era presente alla conferenza di Monaco. Tuttavia, quest’anno ha segnato la prima volta in vent’anni che Mosca non è stata nemmeno invitata a partecipare. In assenza di Russia e Iran, la conferenza è diventata una piattaforma per attaccare gli oppositori delle politiche occidentali.

Il grande gioco per il Sud del mondo
La conferenza si è svolta in un contesto di disordini internazionali e di grande competizione di potere per l’influenza nell’ordine multipolare emergente. Diversi paesi occidentali hanno espresso insoddisfazione per le posizioni dei paesi del Sud del mondo in relazione ai conflitti che coinvolgono Cina e Russia.

Durante il suo discorso, il vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris, ha affermato quanto segue:

” Abbiamo invitato un numero record di rappresentanti di quello che viene chiamato il ‘Sud del mondo’ perché, anche se c’è questa unità tra di noi, quando parli con i rappresentanti del Sud del mondo – e li abbiamo avuti sul podio questa mattina – vedi che molti Paesi sono seduti sulla staccionata ”.

Di conseguenza, Christoph Heusgen, presidente del CSM, ha annunciato alla cerimonia di apertura che la conferenza di quest’anno avrebbe “ riflettori puntati sul Sud del mondo ” e “ ascoltato le loro preoccupazioni ”.

Il presidente francese Macron ha sottolineato che gli sforzi per rimodellare l’ordine globale dovrebbero essere più inclusivi: ” L’Occidente ha perso il Sud globale e non ha fatto abbastanza per rispondere all’accusa di doppi standard, incluso il non aiutare i paesi poveri abbastanza velocemente con i vaccini Covid” , ha affermato. disse. ” Uno dei modi per affrontare le preoccupazioni del Sud del mondo è riformare le Nazioni Unite “.

Leader african con premier cinese Xi Jinping

Un campanello d’allarme per l’Occidente
Se le discussioni e i risultati della conferenza suggeriscono che le potenze occidentali sono arrivate a riconoscere l’importanza delle nazioni nel Sud del mondo, ciò sembra essere principalmente dovuto alla necessità di raccogliere il loro sostegno nei principali conflitti contro la Russia e la Cina.

Il conflitto in Ucraina ha pienamente dimostrato che il rifiuto di molti paesi dell’America Latina, dell’Africa e dell’Asia di sostenere le sanzioni occidentali è stato un fattore importante nel fallimento dei tentativi occidentali di isolare la Russia.

Il rapporto finale del Csm afferma: ” Il risveglio causato dalla guerra in Russia e la sfida di molti paesi del ‘Sud globale’ ha strappato le democrazie liberali dal loro compiacimento, ricordando loro che l’ordine internazionale, come la stessa democrazia, costantemente ha bisogno di essere rinnovato ”.

Il rapporto aggiunge che “ i paesi del Sud del mondo possono diventare ‘Stati cardine’ essenziali. Possono far pendere la bilancia tra i concorrenti sistemici e determinare così il destino dell’ordine internazionale basato sulle regole ”. Riconosce inoltre che:

Stati influenti come l’India, la Turchia o l’Arabia Saudita stanno coprendo abbastanza attivamente le loro scommesse nell’attuale impasse geopolitica, sia per quanto riguarda l’Ucraina ma anche su molte altre questioni politiche. Piuttosto che essere guidati da profondi sentimenti per l’ordine internazionale, le loro risposte alla guerra in Ucraina e le loro posizioni nella più ampia competizione internazionale sull’ordine internazionale sembrano essere guidate da ragionamenti molto più pragmatici” .

Il rapporto ha inoltre rilevato che:

“ Molti Paesi in Africa, Asia e America Latina hanno gradualmente perso la fiducia nella legittimità e nell’equità di un sistema internazionale che non ha dato loro una voce adeguata negli affari globali, né ha risposto sufficientemente alle loro principali preoccupazioni. Per molti Stati, questi fallimenti sono profondamente legati all’Occidente. Credono che l’ordine guidato dall’Occidente sia stato caratterizzato da dominazione postcoloniale, doppi standard e trascuratezza delle preoccupazioni dei paesi in via di sviluppo” .

L’eredità del colonialismo
È chiaro dalle dichiarazioni rilasciate alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco che l’Occidente riconosce la necessità di cambiare il proprio approccio alla cooperazione allo sviluppo con i paesi del Sud del mondo, al fine di contrastare la crescente influenza di Pechino e Mosca.

Tuttavia, ciò richiederà un cambiamento fondamentale negli atteggiamenti e nelle politiche nei confronti di questi paesi, che storicamente sono stati visti come oggetti di aiuto e sviluppo piuttosto che partner alla pari in una relazione reciprocamente vantaggiosa. Questo è anche ciò che sottolinea il rapporto MSC:

“ Gli Stati Uniti e l’Europa dovranno ripensare i loro approcci alla cooperazione allo sviluppo con i paesi del Sud del mondo. Devono rendere i loro modelli di sviluppo più attraenti, poiché la Cina offre un modello alternativo basato su una narrativa di solidarietà e vantaggi reciproci. Per competere con la Cina, l’approccio deve concentrarsi sulla novità dell’assistenza di emergenza a breve termine e il finanziamento a lungo termine consente sistemi sostenibili e resilienti nei paesi partner” .

L’eredità colonialista dell’Occidente continua a gettare una lunga ombra sul suo rapporto con il Sud del mondo, e ci vorranno uno sforzo sostenuto e un impegno genuino per superare questa eredità e costruire una relazione più equa e produttiva.

Putin con Modi e Xi Jinping

Ciò richiederà di passare dal modello donatore-beneficiario a uno basato sul partenariato e sul vantaggio reciproco, e riconoscere che gli interessi e le aspirazioni dei paesi del Sud del mondo devono essere presi sul serio e rispettati.
Il saccheggio della ricchezza, l’interferenza nelle politiche statali e le guerre sono i segni distintivi delle politiche occidentali nel mondo in via di sviluppo. Gli Stati che non aderiscono ai dettami occidentali sono regolarmente soggetti a sanzioni minacciose oa pressioni economiche estreme.

Le guerre in Afghanistan e in Iraq, il sostegno a regimi autoritari e colpi di stato, la morsa economica di paesi come Libano e Venezuela e la distribuzione ineguale dei vaccini durante la pandemia di COVID-19 sono solo alcuni esempi di come le potenze occidentali hanno agito contro gli interessi e il bene -essere dei paesi del Sud del mondo.

Nel 2019, quando l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rivendicato trionfalmente la proprietà del petrolio siriano, questo ha segnato un chiaro esempio degli atteggiamenti problematici e di sfruttamento che continuano ad affliggere le politiche occidentali nei confronti del Sud del mondo. Il fatto che i leader occidentali non abbiano anticipato l’ascesa dei paesi in via di sviluppo a diventare decisivi “Stati oscillanti” – come nota il rapporto finale della conferenza di Monaco – è un riflesso dell’ignoranza e del continuo disprezzo dell’Occidente per gli interessi e le aspirazioni di questi vitali stati.

L’Asia occidentale al Csm
Il CSM ha anche sottolineato la crescente importanza dell’Asia occidentale nella politica energetica globale e la preoccupazione occidentale per la crescente influenza della Cina in questa regione. La previsione dell’Agenzia internazionale dell’energia (AIE) secondo cui i paesi dell’Asia occidentale forniranno gran parte del crescente fabbisogno di petrolio di Cina e India ha rafforzato il valore strategico della regione per queste potenze emergenti influenti.

Anche la frustrazione di Washington per la posizione dell’Arabia Saudita nella disputa con l’Ucraina è stata evidente alla conferenza, con l’Occidente che ha cercato di impedire il ripetersi di tale comportamento nella più ampia disputa con la Cina. Secondo il rapporto della conferenza:

“ Nel contesto del declino della presenza americana in Medio Oriente [Asia occidentale], le democrazie liberali sono sempre più preoccupate per la crescente influenza della Cina. L’approfondimento delle relazioni tra Cina e Medio Oriente [Asia occidentale] potrebbe evolvere per includere una più forte impronta militare e di sicurezza cinese, che potrebbe mettere a repentaglio i partenariati di sicurezza dell’Occidente con i Paesi della regione” .

In sostanza, l’incontro di Monaco è servito da piattaforma per le potenze occidentali in declino per esprimere le loro preoccupazioni sulla crescente influenza della Cina nell’Asia occidentale, così come la loro frustrazione per la presunta slealtà dell’Arabia Saudita. Ha evidenziato la necessità per l’Occidente di adattare le proprie strategie nei confronti del mondo in via di sviluppo e di incoraggiare nuove forme di solidarietà e cooperazione internazionale.

Tuttavia, è importante riconoscere che il termine “Global South” stesso riflette una mentalità coloniale che continua a modellare la percezione dell’Occidente delle nazioni in via di sviluppo, e che queste politiche imperiali continueranno finché questi atteggiamenti persisteranno.

fonte: The Cradle

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM