A chi parla di “Grand Reset”, Putin risponde: “Non così in fretta”

di Tom Luongo.

Avete sentito per caso il discorso politico più importante degli ultimi sei anni? Sarebbe stato facile perderlo visto tutto quello che sta succedendo. In effetti, questo discorso si trova all’intersezione di quasi tutte le mie aree di intenso studio.

L’annuale World Economic Forum (WEF) si è tenuto la scorsa settimana tramite teleconferenza, quello che io chiamo il “Virtual Davos”, e all’evento di quest’anno il tema principale era ovviamente il loro progetto chiamato “Great Reset”.

Ma se il WEF fosse così determinato a presentare al mondo il volto migliore del Grande Reset, non avrebbe invitato il premier cinese Xi Jinping o, cosa più importante, il presidente russo Vladimir Putin.

Ed è stato il discorso di Putin a far cadere il castello di carte nell’agenda del WEF.
L’ultima volta che qualcuno è entrato in un importante forum internazionale e ha espresso una critica così aspra del panorama geopolitico in corso è stato il discorso di Putin alle Nazioni Unite il 29 settembre 2015, due giorni prima di lui. Invia un piccolo contingente militare di supporto aereo russo a Siria.

Lì, non solo ha criticato l’ONU, ma soprattutto ha criticato gli Stati Uniti ei loro “alleati” della NATO.1 , ponendo la domanda più saliente:” Avete capito cosa avete fatto”, dopo aver scatenato il caos in una parte già caotica del mondo?

Per quanto importante sia stato questo discorso, sono state le azioni di Putin a definire l’attuale era di fallimenti geopolitici in tutto il continente eurasiatico .
La Siria è diventata il punto focale della lotta contro il cosiddetto “ISIS invincibile”.
E il mistero di chi c’è dietro l’ISIS, vale a dire l’amministrazione Obama, è stato rivelato a chiunque se ne frega.

Il presidente Trump potrebbe essersi preso il merito di aver sconfitto l’ISIS, ma sono state soprattutto le forze di Putin e della Russia che hanno conquistato la parte occidentale della Siria a renderlo possibile, mentre i nostri generali globalisti, come James Mattis, hanno fatto molti danni a Siria e il minor danno possibile all’Isis, nella programmata speranza di riutilizzarli nuovamente.2

E indipendentemente dal fatto che tu sia d’accordo o in disaccordo con la politica degli Stati Uniti in Siria, con cui non sono assolutamente d’accordo, è difficile sostenere che l’intervento della Russia in questo paese non abbia cambiato radicalmente la politica ei conflitti regionali nell’immediato futuro.
E’ stato l’inizio della disconnessione volontaria dall’Occidente attuata da Cina, Russia e Iran.

Opponendosi ai piani americani ed europei di consolidare il potere in Medio Oriente, la Russia è stata denigrata in Occidente in modo tale che l’indottrinamento che ho ricevuto da bambino durante la Guerra Fredda sembra una pubblicità per una vacanza in Crimea.

Ma è questa forza d’intenzione e di carattere che ha definito i due decenni di potere di Putin. Ha fatto miracoli nella ricostruzione della Russia.
La Russia ha commesso molti errori, soprattutto nel fidarsi dei presidenti degli Stati Uniti e sottovalutare l’arroganza e la rabbia dei leader europei.

Detto questo, ora per lui la coppa è piena, soprattutto con l’Europa, e ha tracciato un percorso decisamente indipendente per la Russia, a prescindere dai costi a breve termine.
Ed è per questo che il suo discorso al World Economic Forum è stato così importante.

Davos, Svizzera

Putin non parlava lì da quasi un decennio. Mentre i burattini controllati dalle WEF dominano posizioni di potere in Europa, Regno Unito, Canada e ora negli Stati Uniti, Putin è entrato nella Davos virtuale e ha versato il suo caffè sul tappeto.

In termini che possono essere descritti solo come educati, Putin ha detto a Klaus Schwab e al WEF che l’intera idea della Grande Riassetto non solo è destinata a fallire, ma va contro tutto ciò che la leadership moderna dovrebbe continuare.
Putin ha letteralmente deriso l’idea della Quarta Rivoluzione Industriale, l’idea di Schwab di una società pianificata dall’intelligenza artificiale, dai robot e dalla fusione tra uomo e macchina.3

Putin ha detto loro senza mezzi termini che le loro politiche che portano la classe media sull’orlo dell’estinzione a causa della pandemia COVID-19 aumenteranno ulteriormente i disordini sociali e politici assicurando al contempo che le disuguaglianze di ricchezza peggiorino.

Putin non è un libertario lanciatore di fiori, ma la sua critica all’era post-sovietica iper-finanziata è appropriata.

L’era dominata dalle banche centrali e dalla continua fusione dei poteri statali e corporativi ha aumentato la disuguaglianza di ricchezza negli Stati Uniti e in Europa, rendendo i milionari più ricchi a spese di miliardi di persone .4

Ascoltare Putin è stato come ascoltare un incrocio tra Pat Buchanan e il compianto Walter Williams . Secondo lui, l’ideale neoliberista di “invitare il mondo / invadere il mondo” ha distrutto i legami culturali all’interno dei paesi sabotando le loro prospettive economiche. Putin ha denunciato tassi di interesse zero, allentamento quantitativo, tariffe e sanzioni come armi politiche.

Ma gli obiettivi di queste armi politiche, sebbene siano nominalmente puntati contro la sua Russia, sono in realtà i motori della vitalità dell’Occidente, perché le classi medie hanno visto i loro salari stagnare e hanno visto i loro salari scendere in modo significativo con decadenza dell’istruzione, dell’assistenza medica e dei tribunali.

La Russia è un paese in forte espansione, proprio come la Cina. Una volta che i loro legami saranno sufficientemente ancorati da stabilizzare l’economia, anche l’Iran crescerà.

Insieme, consentiranno all’Asia centrale di emergere dal pantano del XX secolo che esisteva a seguito degli interventi britannici e americani nella regione. Il discorso dell’onorevole Putin ha chiarito che la Russia è impegnata a trovare soluzioni per tutte le persone che ne trarranno vantaggio in futuro, e non solo a beneficio di poche migliaia di oligarchi europei.

China’s President Xi Jinping speaks at the World Economic Forum in Davos, Switzerland, Tuesday, Jan. 17, 2017. (AP Photo/Michel Euler)

In un discorso meno conflittuale, il presidente Xi ha detto la stessa cosa.
Lui, come Putin, ha parlato di cambiamento climatico e neutralità del carbonio, concentrandosi invece su inquinamento e sostenibilità.

Insieme, Putin e Xi hanno detto al WEF di seppellire il loro Grand Reset nel buco in cui era stato progettato.

Seguo Putin da vicino da quasi un decennio ormai. Avevo la sensazione che se avesse parlato a un corso di scienze politiche a livello universitario e non a una convocazione di alcune delle persone più potenti del mondo, avrebbe riso in faccia. Ma, essendo stato oggetto della loro aggressione per così tanto tempo, ha dovuto trattarli seriamente perché la loro comprensione della realtà è inesistente e il loro legame con le persone che guidano è quasi interrotto.

Alla fine delle sue osservazioni programmate, Klaus Schwab ha chiesto a Putin delle relazioni travagliate della Russia con l’Europa e della possibilità di correggerle. Putin non ha ricevuto pugni:
“Se riusciamo a superare questi problemi del passato e sbarazzarci di queste fobie, allora sperimenteremo sicuramente un passo positivo nelle nostre relazioni.

Siamo pronti, lo vogliamo e ci sforzeremo di realizzarlo. Ma l’amore è impossibile se dichiarato da una sola parte. Deve essere reciproco ”.

Da quello che ho visto dell’amministrazione Biden e della Commissione europea a Bruxelles, ho l’impressione che nessuno abbia sentito una sola parola di Putin.

fonte: https://tomluongo.me

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus