LA TV SIRIANA AFFERMA CHE LA BASE PRINCIPALE DEGLI STATI UNITI A DEIR EZZOR È STATA ATTACCATA CON RAZZI

Continuano gli attacchi del fronte della resistenza contro le basi USA nel nord della Siria

Verso la fine del 18 settembre, una serie di esplosioni è stata segnalata presso la base della coalizione guidata dagli Stati Uniti Green Village nella regione nord-orientale della Siria.

La base si trova al centro dei giacimenti petroliferi di al-Omar, nella campagna sudorientale di Deir Ezzor. È una delle principali installazioni della coalizione USA in Siria. Decine di truppe della coalizione pesantemente armate sono solitamente schierate alla base.

La tv di stato siriana ha detto che le esplosioni sono state causate da un attacco missilistico. Secondo quanto riferito, alla base sono stati avvistati incendi e diverse colonne di fumo. Tuttavia, finora non sono state segnalate vittime.
Solo il giorno prima, diverse fonti di notizie hanno riferito di un attacco simile alla base al-Shaddadi della coalizione guidata dagli Stati Uniti nella campagna meridionale di al-Hasakah.
I due presunti attacchi alle basi della coalizione ad al-Omar e al-Shaddadi sono avvenuti dopo una serie di attacchi israeliani contro la capitale siriana, Damasco. Gli attacchi, avvenuti nelle prime ore del 17 settembre, hanno preso di mira l’aeroporto e diverse posizioni, tra cui un presunto ufficio di supporto del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche iraniane. Secondo quanto riferito, cinque membri del servizio siriano sarebbero stati uccisi.

Basi USA nel nord della Siria per saccheggiare il petrolio siriano

La coalizione deve ancora commentare i presunti attacchi, che potrebbero essere stati la risposta ai recenti attacchi israeliani a Damasco.

Il mese scorso, le forze sostenute dall’Iran hanno attaccato una guarnigione della coalizione guidata dagli Stati Uniti nell’area siriana sudorientale di al-Tanf con diversi droni suicidi in risposta a una serie di attacchi israeliani che hanno preso di mira basi di difesa aerea a Tartus e Damasco. L’attacco alla fine ha portato a un confronto limitato con la coalizione.

Fonte: South Front

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • Benedetto le donne
    Inserito alle 13:49h, 19 Settembre Rispondi

    Ve l’ho detto basta un missile elettromagnetico e fate fuori le basi americane il Libano se usa il missile elettromagnetico come pure lo Yemen risolvono subito il problema l’atomica è superata e costosa se non avete imissili o droni elettromagnetici chiedetegli alla Corea del nord baci a tutti coloro che amano la pace e detestano il colonialismo che è schiavi zare l’uomo

Inserisci un Commento