600 musicisti in tutto il mondo chiedono il boicottaggio di “Israele”


Più di 600 musicisti da tutto il mondo hanno fatto appello in un messaggio per evitare di organizzare spettacoli musicali in “Israele” in risposta all’offensiva di 11 giorni contro la Striscia di Gaza.

Il messaggio che hanno firmato chiede “giustizia, dignità e la concessione del diritto all’autodeterminazione ai palestinesi che lottano contro l’espropriazione coloniale e l’utilizzo della violenza contro le popolazioni civili in Palestina e nel mondo”.

E per continuare: “Vi chiediamo di unirvi a noi nel rifiutarvi di suonare nelle istituzioni culturali israeliane apparendo complici e nel rimanere fermi nel vostro sostegno al popolo palestinese e al suo diritto umano alla sovranità e alla libertà. Crediamo che questo sia cruciale se vogliamo vivere in un mondo senza apartheid. “

“La complicità con i crimini di guerra israeliani giace nel silenzio e oggi il silenzio non è un’opzione. Il silenzio non è un’opzione in quanto il bombardamento israeliano di Gaza assediata ha ucciso più di 245 persone (di cui 70 bambini) nelle ultime settimane. Il silenzio non è un’opzione, perché i residenti del quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme sono costantemente costretti a lasciare le loro case ”.

Il post, che è stato pubblicato con l’hashtag #MusiciansForPalestine, è stato firmato da artisti internazionali, arabi e palestinesi, tra cui Anwar Hadid, il cantante palestinese-canadese Billy, la band statunitense The Roots, Patti Smith, DJ Snake, Black Tut., Questlov e No Name, così come da musicisti arabi tra cui al-Sarat, Sama Abdel Hadi, Dina Al-Wadidi, Nada Al-Chazly, Morris Luca, Yousra Al-Hawari, Hamed Senno, Mashrou Leila, Yasmine Hamdan e Khayyam Al-Lami, Charif Sahnaoui, Hiba Qadri, Naï Barghouti, Rabih Baaïni, Ra’ed Yassin e Zaid Hamdan.

Fonte: Media

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus